« home » pagina prededente scrivici segnala questo sito
Percorso:
 
Posta elettronica, primi passi
Vai alla pagina della bussola

Per la posta elettronica, a differenza del browser, dobbiamo partire proprio dalla conoscenza di cose basilari (come é formato un indirizzo di mail, di quali parti si compone un messaggio di posta elettronica) e da operazioni preliminari (configurazione del programma di mail). Vediamo di farla schematica e veloce per arrivare poi a come trattare la posta elettronica, l段nvio, il ricevimento (checkmail), la risposta (reply), l段noltro a terzi di un messaggio ricevuto (forward).

Alcune parti sono difficilmente trattabili senza far riferimento allo specifico programma utilizzato. Qui, pur assumendo l置so di Eudora light (Versione 3.05 per Windows 95 e NT versione inglese), si cerca di dare una descrizione il più possibile generalizzata. Ma se clicchi su uno dei link sottostanti si aprirà una seconda pagina del browser su una finestra specifica per il programma indicato, in modo da poter seguire meglio il discorso.

Eudora light 3.05 per Windows 95 e NT versione inglese
Pegasus Mail per Win 3.xx versione inglese
Outlook Express xxx versione italiana (incluso in Internet Explorer 4.xx)
Mail (Modulo incluso in Netscape Navigator 3.xx versione italiana)
Mail (Modulo incluso in Netscape Communicator 4.xx versione inglese)
 

CONFIGURAZIONE DEL PROGRAMMA

Vediamo in primo luogo la configurazione del programma. Dovrai dargli in sostanza le impostazioni in modo che possa correttamente configurare i messaggi in uscita, che sia capace di prender posta quando il tuo pc sarà connesso al server del provider; ed infine specificargli alcune modalità operative secondo le nostre preferenze.

Ma prima ancora di cominciare ricordiamo che, se il programma lo consente, é conveniente non mescolare nella stessa directory i file del programma ed i file nei quali viene memorizzata la posta. Nel caso di Eudora si dovrà creare una nuova icona o modificare quella esistente nei modi indicati nella pagina di aiuto specifica.

Come accedere alla configurazione del programma? La maggior parte dei programmi presentano direttamente la finestra per le operazioni di configurazione quando vengono lanciati la prima volta. In ogni caso in Eudora Light puoi accedervi attraverso i comandi Tools > Options. Nella finestra che si apre, a destra sono disponibili le varie opzioni in corrispondenza dell弾lemento selezionato a sinistra.

Il server del provider gestisce le mailbox (caselle postali) di tante persone. Ognuna é identificata sulla base di un nome e di una password (che ti saranno stati dati dal provider). La password ti sarà richiesta al momento di prender la posta. Il nome (POP account) va inserito nello spazio apposito (categoria di configurazione: Getting started).

Per inciso, nota che la password richiesta per prendere la posta arrivata é cosa del tutto distinta dalla password che serve per connettersi a internet.

Per poter comporre e poi inviare un messaggio devi dire al programma il tuo nome ed il tuo indirizzo di posta elettronica. Entrambi appariranno nei tuoi messaggi come indicazione del mittente, in modo che gli altri possano risponderti. Anche la esatta indicazione del tuo indirizzo ti é stata data dal provider che gestisce la tua casella postale. In Eudora, categoria Getting started della configurazione, il nome va inserito nello spazio per il real name e l段ndirizzo di posta elettronica nello spazio per il Return address.

Infine devi indicare al programma il server da utilizzare per la spedizione dei messaggi. Qui quasi tutti i programmi indicano lo spazio per la immissione come SMTP o SMTP server.

Questo é l弾ssenziale della configurazione. Per il resto il programmo é impostato con i suoi default, cioè appunto le impostazioni che restano tali fin quando non vengono modificate. Vanno accettate così come sono?

Generalmente sì. Ma su un punto, importante dal punto di vista funzionale, torneremo in seguito. Si tratta qui di impostare (ove possibile) la configurazione del programma in modo che le due funzionalità di "prender posta" ed "invio della posta accodata" operino in modo distinto. Con riferimento ad Eudora, ciò significa che deve essere disattivata la opzione send on check.
 

ELEMENTI PER LA COMPOSIZIONE DI UN MESSAGGIO

Un indirizzo di posta elettronica é formato da due parti, separate dal carattere @. Dovresti vederlo sulla tua tastiera. Se é serigrafato come terzo simbolo su un tasto, ricorda che per generare quel carattere devi premere il tasto mentre tieni premuto il tasto ALT sulla destra della barra spaziatrice (in genere contrassegnato come ALTgr). Trovato? k. Torniamo all段ndirizzo. Come in un indirizzo su una busta cè il chi e il dove, allo stesso modo in un indirizzo di posta elettronica esistono i due elementi, separati da @. Ad esempio: paperino@paperopoli.it.

Un messaggio di posta elettronica é composto di due parti, la intestazione (header) ed il corpo (body). Il corpo é in sostanza il testo del messaggio. Vediamo gli elementi della intestazione così come ti vengono proposti dal tuo programma se attivi la finestra per comporre un nuovo messaggio.
 
 
To: destinatario
From: mittente
Subject: oggetto
Cc: altri destinatari per conoscenza
Bcc: altri destinatari (non visibili per gli altri destinatari)
Attached: file "allegati" al messaggio
 

Se stai usando un programma con i comandi in italiano troverai probabilmente:
 
To: > A:
From: > Da:
Subject: > Oggetto:
Cc: > Cc:
Bcc: > Ccn:
Attached: > Allegato:
 

Il destinatario ( To: ) sarà un indirizzo del tipo paperino@paperopoli.it. Ma puoi immettere anche più di un destinatario, separandoli con una virgola. Ad esempio potrai indirizzare:

To: paperino@paperopoli.it, topolino@topolinia.it

Il campo From: , se stai componendo un nuovo messaggio, sarà stato riempito automaticamente dal programma in relazione agli elementi che gli hai fornito in fase di configurazione.

Nel campo Subject: immetterai in forma libera una succinta indicazione del contenuto del tuo messaggio.

Nel campo Cc: puoi immettere indirizzi di destinatari, esattamente come già fatto per il campo To: . La differenza é solo funzionale ed esprime la tua intenzione dell段nvio per conoscenza a questo/i destinatari.

Anche nel campo Bcc: possono essere immessi destinatari. Mentre però negli altri casi ogni destinatario vede a quali altri il messaggio é stato inviato, i destinatari di tipo Bcc: risultano invisibili per gli altri. Sconsigliamo vivamente di utilizzare questa tecnica.

Nel campo Attach, in modo manuale o attraverso l誕pposito comando, puoi inserire il nome di un file (di qualsiasi tipo) esistente sul disco del tuo pc al momento dell段nvio del messaggio. Il file sarà così inviato ai destinatari come allegato al messaggio, utilizzando il tipo di codifica impostato in configurazione (lasciare la impostazione di default su MIME).

Oggi alcuni programmi di posta elettronica sono impostati di default in modo da gestire gli allegati come parte del messaggio e non come separati file. Per non andare incontro ad incompatibilità é consigliabile modificare tale configurazione.

Perché l段nvio di attach abbia un senso, é necessario che il programma di posta elettronica del destinatario abbia la capacità di decodificare l誕llegato, e che il destinatario disponga del programma per utilizzare realmente il file inviatogli. Tutte cose delle quali é bene accertarsi preliminarmente.

Da ultimo scriverai il testo del tuo messaggio. A quel punto? Chiudere? Salvare? Inviare?
 

INVIO DEL MESSAGGIO

In relazione al programma che stai adoperando e alla sua configurazione quelle operazioni indicate nei precedenti interrogativi possono avvenire in sequenza o essere unificate. Facciamo l弾sempio di Eudora. Concettualmente le fasi sono:
- chiusura della finestra di composizione del messaggio e sua memorizzazione sul disco;
- accodamento del messaggio salvato per il successivo invio;
- effettiva spedizione del messaggio.

Se stai utilizzando la configurazione di default, nella finestra di composizione del messaggio trovi un bottoneQueue (Accoda) che realizza in un solo passaggio le prime due operazioni, salva il messaggio e lo accoda. Quando ti sarai poi connesso a internet, userai il comando File > SendQueuedMail per spedire l段nsieme dei messaggi accodati.

Perché allora la distinzione in tre fasi? Perché ti può succedere di aver composto un messaggio ma di non volerlo inviare subito, insieme agli altri pronti per la partenza. Vuoi quindi salvarlo ma non accodarlo. Oppure hai già accodato una serie di messaggi ma, prima dell弾ffettivo invio, decidi di volerne trattenere uno, di mantenerlo memorizzato ma di non inviarlo. Vedi, per questa esigenza, la pagina di aiuto specifica per il programma di posta elettronica da te utilizzato.
 

PRENDER POSTA

Quando sei connesso puoi prender posta con l誕pposito comando (File > CheckMail). Il programma ti chiede la password da utilizzare per ritirare i messaggi relativi all誕ccount definito in fase di configurazione e cioè dalla tua casella postale presso il provider.

Al termine del trasferimento della posta, se non hai definito trattamenti automatici di essa (lo vedremo in seguito), tutti i messaggi si trovano nella vaschetta posta in arrivo (Mailbox In) in attesa di essere letti.

Se stai leggendo qui é perché sei ai primi passi, e quindi probabilmente non hai posta in arrivo. Vuoi provare dal vivo? Puoi benissimo mandare un messaggio a te stesso. É del tutto possibile che paperino@paperopoli.it invii un messaggio a paperino@paperopoli.it. Lo invierà. E al successivo Chekmail lo riceverà.

Se fai questa prova, avrai almeno un messaggio nell弾lenco della posta in arrivo. Le intestazioni della colonna della lista ti mostrano il mittente, l弛ggetto del messaggio, la data e l弛rario ed alcuni altri elementi. Quando il cursore é su un messaggio, premendo Invio passi alla sua visualizzazione completa.

Puoi stampare il messaggio. Puoi chiuderlo e lasciarlo memorizzato; fin quando non deciderai di cancellarlo.
 

REPLY, FORWARD

Queste due funzionalità, offerte da tutti i programmi di posta elettronica, ti permettono di dar seguito ad un messaggio ricevuto con una risposta (reply) a chi te lo ha inviato o di inoltrarlo (forward) ad altro destinatario. In molti programmi esiste anche un comando Reply all che in sostanza consente di inviare la risposta non solo al mittente ma contemporaneamente anche a tutti gli eventuali altri destinatari del messaggio ricevuto.

Usando Message>Reply il programma apre una finestra per la composizione del nuovo messaggio riempendola automaticamente in tutte le sue parti (intestazioni e corpo) che starà a te modificare e integrare opportunamente prima di procedere all段nvio della risposta. Il programma si limita solo ad aiutarti, riprendendo il subject originale, proponendo come destinatario l段ndirizzo dell弛riginario mittente (puoi aggiungerne altri nella tua risposta). E nel corpo del messaggio trovi il quoting (la citazione) integrale del messaggio che hai ricevuto, con il segno > premesso ad ogni riga.

Ti sarà utile lasciare la citazione integrale se stai coinvolgendo nella risposta una terza persona cui vuoi quindi far conoscere il dialogo intercorso. Se stai rispondendo invece al solo mittente originario, taglierai via tutte le parti non di interesse, e inserirai nei punti opportuni le tue risposte, le tue osservazioni. Quelle brevi citazioni serviranno così al ricevente per riprendere il filo del discorso e comprendere meglio quel che gli stai scrivendo.
 

[ProssimaPagina]

Supporto
ABC ...
Galateo Telematico
Uso della posta elettronica

« home » pagina prededente scrivici segnala questo sito