La Comunità per L'Ulivo, per tutto L'Ulivo dal 1995
FAIL (the browser should render some flash content, not this).

Aria pulita

Dall'innovazione tecnologica alla ricerca, vogliamo trattare in particolar modo i temi legati all'ambiente ed alla energia, non solo pero' con uno sguardo puramente tecnico ma anche con quello politico, piu' ampio, di respiro strategico

Aria pulita

Messaggioda flaviomob il 19/01/2018, 15:13

http://www.cittadiniperlaria.org/appell ... ia-pulita/

L’appello di Cittadini per l’Aria e ClientEarth: “L’aria pulita diventi priorità della campagna elettorale”
Il Ministero dell’Ambiente è stato convocato a Bruxelles dalla Commissione UE e il nostro Paese rischia sanzioni dalla Corte di giustizia europea per l’inquinamento atmosferico da NO2 e PM10, da anni oltre i limiti di legge.

Il 30 gennaio prossimo il Ministro dell’Ambiente italiano, insieme ai colleghi di altri otto stati UE, è stato convocato a Bruxelles dal Commissario europeo per l’ambiente Karmenu Vella, per un aggiornamento sulle misure pianificate dal nostro paese in materia di inquinamento atmosferico. Questo incontro è l’ultimo avvertimento, prima di una probabile causa davanti alla Corte di giustizia europea.

L’Italia è tra i paesi membri ad essere sotto procedura di infrazione da parte della Commissione UE perché supera i limiti stabiliti dalla legge sia per l’inquinamento da biossido di azoto (NO2) che da particolato (PM10). In particolare, l’Italia ha già ricevuto il parere ragionato relativo alla prima procedura il 15 febbraio e quello relativo alla seconda il 27 aprile 2017. Il prossimo passaggio per entrambe le procedure sarà il deferimento dei due casi alla Corte di Giustizia Europea. Qualora gli sforamenti dovessero persistere, il nostro Paese rischia la condanna al pagamento di ingenti sanzioni pecuniarie.

Per Anna Gerometta, presidente di Cittadini per l’Aria, “questa convocazione è un motivo in più per far diventare il diritto a respirare aria pulita una priorità della campagna elettorale in corso”.

“È urgente farlo – prosegue Gerometta – perché, secondo gli ultimi dati dell’Agenzia Europea per l’Ambiente, in Italia muoiono ogni anno prematuramente quasi 80.000 persone a causa dei livelli di particolato, ozono e biossido di azoto ai quali sono esposte. L’inquinamento atmosferico, inoltre, provoca danni gravissimi all’ambiente, al patrimonio architettonico/artistico, all’agricoltura e ha enormi effetti negativi sulla spesa pubblica. Tutto questo va avanti da anni e, qualora l’Italia dovesse pagare sanzioni enormi, la colpa sarà di una classe politica incapace di affrontare il problema con la giusta determinazione. Gli elettori hanno bisogno di proposte concrete e coraggiose, soprattutto in Lazio e Lombardia, dove devono essere rinnovate le giunte regionali e dove il problema dell’inquinamento atmosferico è molto forte”.

A livello europeo, l’avvocato Ugo Taddei di ClientEarth, accoglie con favore l’impegno del Commissario Vella “per tutelare la salute di milioni di cittadini europei ed italiani, obbligati ogni giorno a respirare un’aria di cattiva qualità”. “Al tempo stesso, però – continua – è ora di passare dalle parole ai fatti, portando di fronte alla Corte di giustizia europea quegli stati che, come l’Italia, non stanno affrontando l’urgente problema dello smog e delle sue conseguenze sanitarie. I livelli di inquinamento atmosferico sono fuori legge da anni e, nemmeno dopo i pareri ragionati inviati lo scorso anno dalla Commissione, ci sono stati cambiamenti seri e sostanziali”.

“L’Italia – conclude Taddei – è uno dei pochi governi ad aver ricevuto questo ultimo avvertimento e non è un caso: i livelli di inquinamento sono tra i più alti in Europa, ma le misure proposte sono tra le meno ambiziose. È tempo di cambiare marcia e affrontare con determinazione l’emergenza inquinamento, che purtroppo è diventata una costante. In gioco c’è la salute di milioni di cittadini”.


"Dovremmo aver paura del capitalismo, non delle macchine".
(Stephen Hawking)
flaviomob
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 12704
Iscritto il: 19/06/2008, 19:51

Re: Aria pulita

Messaggioda flaviomob il 14/02/2018, 14:20

Offrire trasporti pubblici gratis per ridurre al minimo l'inquinamento atmosferico dovuto alle auto. La Germania, per rispettare gli obiettivi climatici comunitari, ha avuto un'idea piuttosto radicale, che verrà sperimentata in cinque città, tra le quali l'ex capitale dell'ovest, Bonn, e i centri industriali di Essen e Mannheim. Una proposta che ha anche lo scopo di lasciarsi alle spalle lo scandalo del 'dieselgate', che ha scosso l'industria dell'auto tedesca, ed è contenuta in una lettera inviata da tre ministri di Berlino, inclusa la responsabile dell'ambiente Barbara Hendricks, al commissario europeo all'Ambiente, il maltese Karmenu Vella.

https://www.agi.it/estero/germania_mezz ... 018-02-14/


"Dovremmo aver paura del capitalismo, non delle macchine".
(Stephen Hawking)
flaviomob
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 12704
Iscritto il: 19/06/2008, 19:51

Re: Aria pulita

Messaggioda pianogrande il 14/02/2018, 15:45

Bellissima iniziativa per chi se la può permettere.

La abbinerei a un costo proibitivo dell'ingresso di auto in città.

In Italia però ho la sensazione che chi va in città in macchina lo faccia perché alternative non ne ha.

Allora possiamo anche rendere gratuiti quei quattro ferrivecchi sempre in ritardo e che non arrivano dappertutto ma non credo che le cose cambierebbero gran che.
Ci aggiungo per puro pregiudizio che a quel punto il servizio passerebbe da livello scadente a livello schifo totale.

Renderei inoltre gratuite le tangenziali.
Mi capita, dove vivo abitualmente, di vedere alle ore di punta lunghe code per non pagare la tangenziale e anche quello è inquinamento davvero stupido.

Insomma è giusto confrontarsi con gli altri ma vanno messi a confronto anche i rispettivi contesti.
Fotti il sistema. Studia.
pianogrande
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 9756
Iscritto il: 23/05/2008, 23:52

Re: Aria pulita

Messaggioda franz il 14/02/2018, 16:26

pianogrande ha scritto:In Italia però ho la sensazione che chi va in città in macchina lo faccia perché alternative non ne ha.

Allora possiamo anche rendere gratuiti quei quattro ferrivecchi sempre in ritardo e che non arrivano dappertutto ma non credo che le cose cambierebbero gran che.

Effettivamente una cosa è l'orografia pianeggiante di Germania, Francia, Belgio, Olanda, altra cosa è il costo del trasporto pubblico o privato in presenza di un'orografia frastagliata come sulle Alpi, gli Appennini e compagnia cantante (monti balcanici e iberici).

A parte questo, molto dipende anche dai soldi, come sempre. Un paese ricco puo' permettersi di spendere tanto nelle ferrovia e nel trasporto pubblico su gomma. Uno poverello spende tanto in auto blu e spesa clientelare e se pensa di costruire nuove ferrovie si trova schiere di NO-TAV proti ad ogni battaglia rivoluzionaria.
Roma ai romani
Anzio agli anziani
(graffito)
Avatar utente
franz
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 20920
Iscritto il: 17/05/2008, 14:58

Re: Aria pulita

Messaggioda flaviomob il 16/02/2018, 0:01

Non mi pare che le ferrovie utilizzate dai pendolari siano ad alta velocità; piuttosto abbiamo assistito a un "deragliamento" dei finanziamenti che hanno privilegiato TAV e tratte ad alto costo, mentre si continuava a tagliare il trasporto locale, con convogli vecchi e sovraffollati.


"Dovremmo aver paura del capitalismo, non delle macchine".
(Stephen Hawking)
flaviomob
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 12704
Iscritto il: 19/06/2008, 19:51


Torna a Ecologia, Energia, Innovazione, Ricerca

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

cron