La Comunità per L'Ulivo, per tutto L'Ulivo dal 1995
FAIL (the browser should render some flash content, not this).

Caos Siria, Obama rompe gli indugi

Discussioni su quanto avviene su questo piccolo-grande pianeta. Temi della guerra e della pace, dell'ambiente e dell'economia globale.

Re: Caos Siria, Obama rompe gli indugi

Messaggioda franz il 06/09/2013, 9:06

Francia, ecco le prove contro Assad
Pubblicata sul sito dell'Eliseo la nota degli 007 di Parigi contro il regime siriano. (9 pagine in francese)
https://docs.google.com/viewer?url=http ... edded=true
Mi pare la tesi principale sia espressa a pagina 8 quando si afferma che l'attacco chimico (massiccio e coordinato) è avvenuto all'interno di un'operazione in atto da ore dell'esercito regolare secondo uno schema tattico classico iniziato tre o quattro ore prima.

Tra l'altro ieri sera sulla TV svizzera di lingua italiana -(solitamente neutrale e obiettiva) è stato trasmesso un servizio sull'attacco chimico, all'interno di una trasmissione di approfondimento, con interviste ad esperti di armi chimihe e responsabili dei laboratori che fanno le analisi sui gas. Appena è a disposizione il podcast vi mando il link.

Secondo gli esperti degli effetti dei gas intervistati non vi è dubbio sull'uso di gas in quella circostanza. Uno di loro fa notare che malgrado basti una capochia di spillo di liquido per uccidere una persona, le vittime in un area cosi' vasta (le mappe pubblicate mostrano una vasta area alle porte di damasco di diversi km2) implica l'utilizzo coordinato di grandi quantitativi di prodotto. È stato detto "centinaia di litri". È stato fatto notare che la costruzione, conservazione, trasporto, manipolazione, ed utilizzo operativo di simili quantità implica capacità logistiche che solo un esercito regolare appositamente addestrato puo' fare. Questa ovviamente non è una prova, è solo un indizio (o una prova indiziaria, come si dice in gergo). Quella portata dai francesi nel documento qui sopra è anch'essa una prova indiziaria. C'è un'operazione dell'esercito in atto da poche ore. Possibile che in sole 3 o 4 ore gli irregolari si organizzino, alle due di notte, per sfruttare l'occasione di usare il gas sulla popolazione all'interno di quella operazione con quantitativi cosi' ingenti? Sarebbero necessari diversi prerequisiti: 1) avere sarin in grande quantità; 2) saperlo usare con proiettili particolari; 3) essere pronti ad usarlo nel momento piu' propizio per addossare la colpa all'esercito. O è piu' verosimile che sia stato l'esercito regolare stesso?
Sicuramente entrambi hanno usato i gas in passato ma non nella quantità usata il 21 agosto. Quest'ultima ricorda per estensione l'uso dei gas che fece Saddam contro il popolo curdo (5000 morti) tramite un bombardamento aereo.

Interessante questo link http://www.ilmondo.it/esteri/2013-09-05 ... 6766.shtml in cui i servizi di intelligence tedeschi ipotizzano che il gran numero di vittime sia opera del regime ma frutto un eccesso di dosaggio. A quanto pare l'errore di dosaggio avrebbe coinvolto anche i soldati dell'esercito regolare e Assad utilizza questo fatto come prova che non è stato lui.

Poi ci sono le prove che scaturiscono dalla comunicazioni intercettate. Sono vere o sono taroccate?

Comuque vada non ci sono "prove assolute" su chi ha usato il gas ma diversi indizi.

Il discorso dei cui prodest è ambivalente.
Hai ribelli conviene usarlo per dare la colpa ad Assad.
All'esercito per terrorizzare la popolazione, contando che passino abbastanza giorni per far sparire per via chimica naturale le "prove assolute" su chi è stato, lasciando aperta la possibilità quindi che i gas potrebbero essere stati anche usati dai ribelli.
Il comportamento più adeguato per un essere umano è quello di sentirsi fortunato di essere vivo, umile di fronte all'immensità del tutto. Magari facendosi una birra.
Karry Mullis, Biochimico, Nobel per la Chimica 1993, (28/12/1944 – 07/08/2019)
Avatar utente
franz
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 21115
Iscritto il: 17/05/2008, 14:58

Re: Caos Siria, Obama rompe gli indugi

Messaggioda flaviomob il 06/09/2013, 16:11

General Dempsey's warnings could go unheeded if Obama opts to strike
A multi-tour command veteran of the Iraq war, Dempsey has repeatedly highlighted the risks of US involvement in Syria

Spencer Ackerman

There is already a casualty of Barack Obama's anticipated strike against Syria: repeated warnings about the dangers of intervention voiced by his most senior military adviser.

General Martin Dempsey, the chairman of the joint chiefs of staff and former top army officer, has highlighted the risks of US involvement in Syria's bloody civil war for over two years.

Dempsey, a multi-tour command veteran of the Iraq war, has never openly opposed a strike on Syria, something that would risk undermining civilian control of the military. But when asked for his views, in press conferences and testimony, Dempsey has tended to focus on the risks and costs of intervention.

In April, Dempsey said that the US military could force down Syria's warplanes and disrupt its air defenses, but not without significant peril to US pilots, all for a negligible impact on dictator Bashar al-Assad.

"It's not about: can we do it? It's: should we do it, and what are the opportunity costs?" Dempsey testified to the Senate armed services committee in March 2012.

Dempsey's nomination for a new term as chairman was even briefly delayed in the Senate last month after pro-war senators demanded fuller advice about Syria.

In response, Dempsey listed nearly every military option mooted, from limited strikes to full-blown US intervention, and found them fraught with risk and expense. He emphasized the difficulty of staying out of the Syrian civil war once Washington launches any military action.

"Once we take action, we should be prepared for what comes next," Dempsey wrote to the committee on 19 July. "Deeper involvement is hard to avoid."

Even the "limited stand-off strikes" of the sort the Obama administration is now considering would require "hundreds of aircraft, ships submarines and other enablers." The impact on Assad would be felt "over time" in the form of a "significant degradation of regime capabilities," but there is a risk that "the regime could withstand limited strikes by dispersing its assets."

Tom Donnelly, a military analyst at the conservative American Enterprise Institute, said that Dempsey would be in a difficult position if the Obama administration, as expected, strikes Syria.

"Dempsey has always gone an extra step or two too far in being zealous in promoting the administration line, and now the rug's getting pulled out from him a little bit," Donnelly said.

Air force colonel Ed Thomas, Dempsey's new chief spokesman, distinguished the chairman's comments on US intervention in the Syrian civil war from the current administration deliberations about punishing Assad for allegedly using chemical weapons.

"His responses to Congress, articulating military options and risks, were about using military force in Syria to tip the balance of power, to contribute to a regime change," Thomas said.

"The discussion on military force today is based on a fundamentally different outcome – deterring Syria or any others from violating international norms and attacking with chemical weapons."

Donnelly considered Dempsey to have advocated staying out of Syria militarily, something useful for an administration wary of committing to a new Middle Eastern war.

"I think he made a policy statement in the guise of a military judgment," Donnelly said.

Few believe that Dempsey's standing inside the administration will suffer now that Obama is publicly considering a military strike on Syria. Nor is it likely that Dempsey would resign in the event of a strike, an extreme rarity for top US military officers.

"General Dempsey had a reputation inside the army as an absolute straight shooter," said Bob Killebrew, a retired army colonel.

"I don't think in terms of his present job he has any devious political motivation at all. He probably stepped over the line of civilian policymakers and military executors – I thought he was just a little over the line on that. But on the other hand he is walking on a political minefield now that is more fraught than any chairman ever has."

Dempsey's reluctance to intervene in Syria is likely "the opinion of all the chiefs" of the armed services, Killebrew added, as the service chiefs are more attuned to the dangers and uncertainties of war than civilians often are.

Additionally, "the Iranians see the survival of Assad as a vital interest to them, and I'm sure that what Dempsey sees is the broader war – not just between Assad and his opposition, but the broader war for Iranian influence in the Middle East," Killebrew said.

"I rather suspect that's the concern about being drawn in that he has, aside from any chairman's natural predisposition to be cautious."

Thomas, Dempsey's spokesman, said the chairman simply provided his best professional advice about the available Syria military options.

"The chairman provides military options to our elected leaders based on desired outcomes. He articulates the risk to both the mission and to our force, balancing our global responsibilities," Thomas said.

"And as the principal military adviser, he contributes to discussions about the use of the military instrument of power."

http://www.theguardian.com/world/2013/a ... bama-syria


"Dovremmo aver paura del capitalismo, non delle macchine".
(Stephen Hawking)
flaviomob
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 12704
Iscritto il: 19/06/2008, 19:51

Re: Caos Siria, Obama rompe gli indugi

Messaggioda franz il 07/09/2013, 9:01

Il filmato della TV svizzera è disponibile qui: http://la1.rsi.ch/falo/index.cfm?sezid=3707 nella puntata del 5 settembre, servizio "orrore tossico". Anche il servizio precedente era (è) interessante (diversi modelli di gestione degli andicappati tra italia e svizzera, pro e contro a confronto).
Il comportamento più adeguato per un essere umano è quello di sentirsi fortunato di essere vivo, umile di fronte all'immensità del tutto. Magari facendosi una birra.
Karry Mullis, Biochimico, Nobel per la Chimica 1993, (28/12/1944 – 07/08/2019)
Avatar utente
franz
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 21115
Iscritto il: 17/05/2008, 14:58

Re: Caos Siria, Obama rompe gli indugi

Messaggioda franz il 09/09/2013, 13:45

Kerry : «Nessun attacco contro la Siria
se Assad consegna le armi chimiche»


La dichiarazione del Segretario di Stato a colloquio con l'omologo Hague: «Il nostro legame è più forte di un voto»

«Assad potrebbe evitare un attacco consegnando le sue armi chimiche alla comunità internazionale entro la settimana prossima», lo ha detto il segretario di Stato Usa John Kerry, aggiungendo tuttavia che il presidente siriano «non sembra sul punto di farlo». E' questa la dichiarazione più importante di Kerry al termine del colloquio a Londra con il ministro degli Esteri britannico Hague.

HAGUE - Dal canto suo Hague ha chiarito che non c'è nessuna differenza di visione strategica tra Gran Bretagna e Usa Anche se uno Stato parteciperà al possibile intervento militare contro il governo siriano, mentre l'altro no. La posizione della Gran Bretagna sull'intervento in Siria dopo il voto in Parlamento è chiara, ma «obiettivi e sforzi con gli Stati Uniti restano allineati» ha detto infatti Hague durante la conferenza stampa congiunta con il segretario di Stato Usa. Gli Stati Uniti hanno il «totale sostegno diplomatico», della Gran Bretagna sulla Siria ha aggiunto Hague.

RELAZIONE SPECIALE - «Il nostro legame è più forte di un voto» ha replicato Kerry rispetto alla cosiddetta «special relationship» che lega Londra e Washington, alla luce proprio del voto al parlamento britannico che ha escluso il coinvolgimento di Londra nell'azione in Siria.
«La soluzione politica resta la soluzione ultima per la fine del conflitto in Siria», che non si può concludere con un'azione militare, ha precisato il segretario di Stato Usa, sottolineando tuttavia che la strada della soluzione politica «è stata perseguita per anni».
«I rischi che comporta non agire (in Siria) sono maggiori di quelli di un'azione» ha aggiunto Kerry.

http://www.corriere.it/esteri/13_settem ... 2ccd.shtml
Il comportamento più adeguato per un essere umano è quello di sentirsi fortunato di essere vivo, umile di fronte all'immensità del tutto. Magari facendosi una birra.
Karry Mullis, Biochimico, Nobel per la Chimica 1993, (28/12/1944 – 07/08/2019)
Avatar utente
franz
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 21115
Iscritto il: 17/05/2008, 14:58

Re: Caos Siria, Obama rompe gli indugi

Messaggioda cardif il 09/09/2013, 15:11

Prima ho scritto: Allora, se si continuava ad uccidere senza gas non c'era motivo d'intervenire?
Ora scrivo: Dopo la consegna possono tranquillamente scannarsi in altri 100 mila?

Ho scritto: Dopo che sono morti in centomila, creano un problema 'etico' e di rispetto dei patti gli altri 1.300, perché sono stati uccisi con i gas.
Alla TV svizzera (prima citata da Franz) hanno detto: "In un certo senso il messaggio che la comunità internazionale sta inviando al regime è questo: 'fintanto che vi ammazziate tra di voi con le armi convenzionali tutto va bene; noi non interverremo. Ma con le armi chimiche le cose diventano terribili. Una posizione morale piuttosto dubbia, perché non esiste un modo più 'morale' per trucidare il proprio popolo."

Prima avevo scritto: Comunque non penso che l'Italia debba intervenire solo perché ce lo chiedono gli USA, che casomai lo fanno per gli interessi delle loro forze armate e delle loro industrie belliche.
E il Papa ha detto: "La guerra serve a vendere armi."

Dobbiamo andare a far danno bombardando o dimostrare sostegno agli USA o usare un po' delle nostre armi?
Anche se la domanda è retorica, perché pare che l'ipotesi sia superata. Pare che l'Italia interverrebbe solo su mandato dell'ONU, e non si sa come. Alla fine penso che l'Italia non interverrà.
Comunque ora un'idea me la sono fatta: NO all'intervento; non ne vedo ragioni valide. E non penso che ne usciranno.
Ma mo' mi so' capito bene?
cardif
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 1490
Iscritto il: 13/04/2009, 18:29

Re: Caos Siria, Obama rompe gli indugi

Messaggioda franz il 09/09/2013, 16:05

cardif ha scritto:Prima ho scritto: Allora, se si continuava ad uccidere senza gas non c'era motivo d'intervenire?
Ora scrivo: Dopo la consegna possono tranquillamente scannarsi in altri 100 mila?

Ho scritto: Dopo che sono morti in centomila, creano un problema 'etico' e di rispetto dei patti gli altri 1.300, perché sono stati uccisi con i gas.
Alla TV svizzera (prima citata da Franz) hanno detto: "In un certo senso il messaggio che la comunità internazionale sta inviando al regime è questo: 'fintanto che vi ammazziate tra di voi con le armi convenzionali tutto va bene; noi non interverremo. Ma con le armi chimiche le cose diventano terribili. Una posizione morale piuttosto dubbia, perché non esiste un modo più 'morale' per trucidare il proprio popolo."

E fin qui sono decisamente d'accordo. la posizione morale è dubbia ma l'uso di armi di distruzione di massa è comunque un salto notevole nell'escalation in una guerra. Non a caso sono stati vietati i gas ma non i kalasnikov ed i carriarmati.
Un motivo esiste e la differenza sta nell'arma, non nella vittima (in ruanda un milione di morti a sassate e macete ma nessuna convenzione internazionale ha mai bandito quelle "armi"). Il servizio in parte tenta anche di spiegare perché le armi chimiche sono bandite.
cardif ha scritto:Prima avevo scritto: Comunque non penso che l'Italia debba intervenire solo perché ce lo chiedono gli USA, che casomai lo fanno per gli interessi delle loro forze armate e delle loro industrie belliche.
E il Papa ha detto: "La guerra serve a vendere armi."

Qui invece non sono d'accordo. Il Papa si sbaglia, come spesso si sbagliano sul tema quelli che hanno un approccio religioso e non scientifico. Nessun vulnus alla sua eventuale infallibilità, dato che non si è esposto su un problema di dottrina. Ma c'è una relazione precisa tra il numero di armi in cirolazione, il loro gradi di sofisticazione ed il declino del numero di vittime nelle guerre. Vedere http://www.amazon.it/declino-violenza-v ... 8804626313
Diciamo che produrre e vendere armi sofisticate pare essere il modo migliore per avere meno vittime, anche tra la popolazione civile. Questo emerge dal confronto tra la qualità e quantità delle armi del passato, da 10'000 anni a questa parte, il numero di morti nelle guerre storicamente conosciuto lungo il tempo. Anche la seconda guerra mondiale, che vide decine di milioni di morti e coinvolse quasi tutto il pianeta in realtà ebbe come vittime una % di popolazione inferiore a quanto avveniva nel medioevo, in età romana o preromana, per non parlare del dato piu' alto in assoluto, relativo alla società primitive. Allora piu' armi ci sono, si producono e si vendono, meno vittime ci sono. Questo non è psicologicamente accettato perché si tende a dare la colpa della violenza alle armi, mentre il problema è solo l'uomo e i conflitti tra uomini.
La guerra serve a dirimere con la forza i conflitti che non si riescono a gestire con la politica. Sono migliaia di anni che l'uomo lo fa e come dicevo piu' armi ci sono e piu' sofisticate sono, minore è la % di vittime rispetto alla popolazione coinvolta dalla guerra e meno guerre ci sono. E la produzione e vendita maggiore di armi la si fa sempre, guerra o non guerra. Non è che uno si mette a produrre e vendere armi solo perché c'è la guerra. Il deterrente deve essere costante. Eventualmente c'è il problema del rifornimento di munizioni ma è proprio il drammatico caso del Ruanda che ci mostra la differenza tra il conflitto serbo (le vittime serbe dei bombardamenti nato - quelli definiti intelligenti - furono circa 3000) ed il genocidio ruandese, compiuto quasi tutto ad armi bianche, bastoni, macete, sassi. Paradossalmente dove finiscono le munizioni, possono esserci massacri peggiori. Segno che la guerra se serve a qualche cosa è altro. Basta chiederlo a Tutsi e Hutu.

http://it.wikipedia.org/wiki/Guerra_del_Kosovo
http://it.wikipedia.org/wiki/Genocidio_del_Ruanda
Il comportamento più adeguato per un essere umano è quello di sentirsi fortunato di essere vivo, umile di fronte all'immensità del tutto. Magari facendosi una birra.
Karry Mullis, Biochimico, Nobel per la Chimica 1993, (28/12/1944 – 07/08/2019)
Avatar utente
franz
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 21115
Iscritto il: 17/05/2008, 14:58

Re: Caos Siria, Obama rompe gli indugi

Messaggioda cardif il 09/09/2013, 17:47

Franz:
"Diciamo che produrre e vendere armi sofisticate 'pare' essere il modo migliore per avere meno vittime, anche tra la popolazione civile."
D'accordo che sempre più le guerre guerreggiate (fatte tra eserciti) comportano un minor numero di vittime con l'impiego di armi più sofisticate; e che gli 'effetti collaterali' sono ridotti. Però in Iraq si contavano i morti militari uno alla volta. I civili, invece, a migliaia
alla volta. (Morti della Coalizione + Esercito iracheno: 13.000; dell'esercito di Saddam: 10.000; tra la popolazione: 1.200.000). Non era una guerra tra due eserciti e, pare, si dovevano consumare migliaia di tonnellate di armi provenienti dalla cortina di ferro.

"La guerra serve a dirimere con la forza i conflitti che non si riescono a gestire con la politica."
Nel conflitto in Ruanda quale fu il tentativo politico fatto dalla comunità internazionale per bloccare sul nascere lo sterminio?
A prescindere che si è trattato di genocidio dei Tutsi da parte degli Hutu, avvenuto per motivi raziali al cui sviluppo aveva dato una bella mano il colonialismo belga. Comunque non fu una guerra tra eserciti. Perciò si è arrivati anche là vicini al milione quasi di morti. E l'ONU è intervenuta dopo e senza grandi risultati.

"Il deterrente deve essere costante."
.
E allora ci dobbiamo armare tutti, anche con la Bomba, se più deterrente c'è meglio è?

"Non è che uno si mette a produrre e vendere armi solo perché c'è la guerra."
No: anche in tempo di pace: e anche guadagnare. E prima o poi le armi devono essere consumate, per poterne produrre e vendere altre. Nello stesso filmato delle tv svizzera dicono: quando ci sono le armi, prima o poi si tende ad usarle.

Sono tante le opinioni a confronto; tante le chiavi di lettura; logiche ambivalenti senza nessuna certezza univoca, secondo me. Perciò alla fine uno arriva ad una conclusione dettata non solo dalle convenienze (vedi Coase), ma anche dal proprio carattere. Il mio è per natura contro la violenza. Anche se in verità c'è una logica di base, che è l'istinto di sopravvivenza: non fare agli altri ciò che non vuoi che sia fatto a te.
Ma mo' mi so' capito bene?
cardif
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 1490
Iscritto il: 13/04/2009, 18:29

Re: Caos Siria, Obama rompe gli indugi

Messaggioda franz il 09/09/2013, 18:08

cardif ha scritto:A prescindere che si è trattato di genocidio dei Tutsi da parte degli Hutu, avvenuto per motivi raziali al cui sviluppo aveva dato una bella mano il colonialismo belga. Comunque non fu una guerra tra eserciti.

Il conflitto razziale è la versione ufficliale. Per chi vuole crederci.
In realtà fu un conflitto per motivi di sovrapopolazione. su Collasso, di Diamond (http://cucugliato.com/tag/jared-diamond/ ) c'è un capitolo solo su quel conflitto. Illuminante. Proprio perché non fu un conflitto moderno tra eserciti fece così tante vittime.
Il comportamento più adeguato per un essere umano è quello di sentirsi fortunato di essere vivo, umile di fronte all'immensità del tutto. Magari facendosi una birra.
Karry Mullis, Biochimico, Nobel per la Chimica 1993, (28/12/1944 – 07/08/2019)
Avatar utente
franz
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 21115
Iscritto il: 17/05/2008, 14:58

Re: Caos Siria, Obama rompe gli indugi

Messaggioda franz il 10/09/2013, 8:03

Quel piano B nato in segreto al G20
potrebbe salvare la faccia a tutti


Ma Obama vuole ancora il via libera del Congresso per premere su Assad. E le Nazioni Unite ritroverebbero un ruolo dopo essere state criticate per la loro "paralisi"
dal nostro corrispondente FEDERICO RAMPINI

NEW YORK - ORA esiste il piano B per evitare la guerra. Di colpo lo scenario siriano si rimette in movimento. Si capisce che ne avevano parlato Obama e Putin ai margini del G20.

La soluzione c'è, per scongiurare in extremis l'intervento militare americano. Assad (che ancora di recente negava perfino di averle) deve consegnare tutte le armi chimiche a una forza internazionale sotto l'egida dell'Onu, che provvederà a custodirle e poi distruggerle. Tutti hanno un vantaggio da ricavarne: Obama si salva dalla possibile bocciatura del Congresso; la Russia evita di perdere la faccia in un attacco missilistico Usa dal quale il suo alleato siriano non riuscirebbe a difendersi; Assad si risparmia l'esperienza dei missili Tomahawk sulle sue caserme e palazzi governativi. Infine l'Onu ritroverebbe un ruolo, dopo essere stata sferzata da Obama per la sua "paralisi". Diversi parlamentari americani in crisi di coscienza alla vigilia del voto, colgono con entusiasmo questa alternativa.

"Noi guarderemo con molta attenzione questa proposta russa". L'apertura della Casa Bianca arriva alle 13.30 di Washington. È il vice-consigliere di Obama per la sicurezza nazionale, Tony Blinken, che parla soppesando le sue parole. "Sarebbe un successo - aggiunge - perché da 30 anni la comunità internazionale tenta invano di far firmare alla Siria le convenzioni contro le armi chimiche". Poco dopo reazioni analoghe vengono dal Dipartimento di Stato, e dalla sua ex dirigente Hillary Clinton. Tutte le voci dell'Amministrazione Obama, o vicine a questo presidente, sono in sintonia: cauta apertura verso una proposta che può segnare la svolta. Guai però a fidarsi troppo presto di un personaggio come Assad. Sarebbe un errore marchiano togliergli la pressione di dosso proprio ora. Il dibattito al Congresso va avanti, ma in un contesto diverso: col piano B in mente. "È cominciata una grande partita a scacchi", è il primo commento sul sito del New York Times. L'esito della partita, se gestita bene, potrebbe fermare i tamburi di guerra.

Non è un caso che la prima mossa esplicita avvenga a Londra. È in una conferenza stampa lunedì mattina nella capitale inglese, che il segretario di Stato Usa John Kerry per primo evoca la possibilità che la Siria eviti l'attacco militare consegnando tutti i suoi arsenali chimici. Kerry risponde a una domanda di giornalisti inglesi, e in effetti una simile proposta era stata avanzata proprio in ambienti britannici: dopo la sconfessione subita dal premier David Cameron nel suo dibattito parlamentare. Alla chiusura del G20 venerdì un giornalista americano aveva tentato di "provocare" Obama su quest'ipotesi, ma il presidente aveva scelto di glissare sulla domanda.

Ora si capisce perché. Con ogni probabilità il piano B fu l'oggetto del "misterioso" colloquio di mezz'ora tra Obama e Putin, avvenuto a San Pietroburgo in una cornice singolare. Dopo che Obama aveva cancellato (per protesta sul caso Snowden) la sua visita di Stato a Mosca, i rapporti tra i due leader sembravano in un gelo insormontabile. Ma di colpo alla seconda giornata dei lavori del G20 (venerdì mattina) i due si erano appartati in un angolo del salone, mentre gli altri leader li osservavano da lontano. Seduti, dando le spalle al resto dei partecipanti, con gli interpreti e pochissimi consiglieri a fianco, si erano intrattenuti per 30 minuti. Nulla è trapelato da quel colloquio. È verosimile che sia spuntato lì il piano B.

Quarantotto ore dopo il G20, quando arriva quella frase di Kerry, le reazioni corrono veloci da una capitale all'altra. Un balletto sincronizzato, che non sembra il frutto dell'improvvisazione. Da Mosca reagisce il ministro degli Esteri Sergej Lavrov che fa sua quella proposta. Guarda caso, in quel momento Lavrov sta ricevendo il suo omologo siriano, Walid Muallem: che poco dopo accetta l'offerta russa. Il segretario generale dell'Onu, Ban Ki-moon, ha già bell'e pronta la sua dichiarazione. Stava proprio pensando a quello, pure lui: una risoluzione Onu che lo autorizzi a prendere in consegna le armi chimiche di Assad per distruggerle.

Significative sono le prime reazioni dal Congresso di Washington. Dove si gioca una partita ad alto rischio per Obama. L'ultimo sondaggio della Cnn dà il 55% di americani contrari all'intervento militare; la percentuale salirebbe addirittura al 70% nel caso di un voto negativo del Congresso. Tra i parlamentari il numero degli indecisi è altissimo, finora le argomentazioni di Obama non hanno fatto breccia. I suoi continuano a ripeterle: "Attenti al segnale che daremmo all'Iran, alla Corea del Nord, agli Hezbollah e a tutti i gruppi terroristici, se non puniamo chi usa armi chimiche contro i civili". La Casa Bianca può anche sostenere che si allarga il fronte internazionale dei suoi sostenitori: altre 14 nazioni hanno aderito a quella dichiarazione sulla Siria che al G20 ebbe solo 11 firme (tra i firmatari più recenti compaiono la Germania, molti governi dell'Europa centro-orientale, gli Emirati Arabi Uniti). Ma al Congresso la conta delle intenzioni di voto resta problematica. Ora l'affacciarsi del piano B viene accolta con entusiasmo da un repubblicano alleato di Obama, il deputato Mike Rogers che presiede la commissione sui servizi. "Il fatto che abbiamo costretto la Russia a muoversi, significa che il dibattito sull'intervento militare ha un effetto positivo". Sull'altra sponda due democratici pacifisti come i senatori Joe Manchin e Heidi Heitkamp si mettono subito a scrivere una versione modificata della risoluzione: nel loro emendamento c'è un ultimatum di 45 giorni alla Siria perché aderisca alle convenzioni contro le armi chimiche e si metta in regola con quelle norme. Stasera Obama parla alla nazione, e il piano B può fornirgli un nuovo argomento: datemi il via libera per colpire Assad, lo userò come arma di pressione, se lui dovesse cedere sulle armi chimiche l'intervento militare non sarà più necessario.
Il comportamento più adeguato per un essere umano è quello di sentirsi fortunato di essere vivo, umile di fronte all'immensità del tutto. Magari facendosi una birra.
Karry Mullis, Biochimico, Nobel per la Chimica 1993, (28/12/1944 – 07/08/2019)
Avatar utente
franz
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 21115
Iscritto il: 17/05/2008, 14:58

Re: Caos Siria, Obama rompe gli indugi

Messaggioda flaviomob il 10/09/2013, 15:37

http://www.globalist.ch/Detail_News_Dis ... lla-guerra

Siria: il 63% degli americani dice no alla guerra
Secondo l'ultimo sondaggio pubblicato da UsaToday, cresce il numero degli statunitensi contrari all'intervento in Siria: 15% in più della precedente rilevazione.

http://www.globalist.ch/Detail_News_Dis ... 85&typeb=0

Armi chimiche. Obama tiene sempre nascoste le prove
La guerra fa un passo indietro grazie all'iniziativa russa. Nel frattempo Washington non pubblica le prove dell'uso del gas da parte dei siriani. I dubbi dell'agenzia Ap.


"Dovremmo aver paura del capitalismo, non delle macchine".
(Stephen Hawking)
flaviomob
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 12704
Iscritto il: 19/06/2008, 19:51

PrecedenteProssimo

Torna a Temi caldi nel mondo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti