La Comunità per L'Ulivo, per tutto L'Ulivo dal 1995
FAIL (the browser should render some flash content, not this).

L'opposizione responsabile

Discussioni e proposte, prospettive e strategie per il Paese

Siete d'accordo con Piero Ostellino?

Sì, sono d'accordo pienamente
10
24%
Si, sono parzialmente d'accordo
9
21%
No, non condivido buona parte del ragionamento
15
36%
No, sono totalmente in disaccordo
8
19%
Non so, non rispondo
0
Nessun voto
 
Voti totali : 42

L'opposizione responsabile

Messaggioda franz il 18/06/2008, 14:23

PD E GOVERNO
L'opposizione responsabile

di Piero Ostellino

In un Paese «normale », l'opposizione esercita in Parlamento la propria funzione, anche la più dura, ogni qual volta il governo presenta un provvedimento che essa ritiene inaccettabile. Ma evita di tradurre un singolo episodio parlamentare in una «teoria generale del crimine», e di sostenerla davanti al Paese, per dimostrare che con un governo criminale è impossibile instaurare un rapporto fisiologico. La distinzione è sottile, ma fa tutta la differenza fra un'opposizione che si candida a forza di governo — evitando di criminalizzare l'avversario e di tagliarsi alle spalle tutti i ponti di una possibile collaborazione per le riforme — e una che si connota come forza di pura agitazione. È anche la differenza fra una opposizione riformista e una con pulsioni rivoluzionarie. Ma, in democrazia, una forza rivoluzionaria o fa coerentemente la rivoluzione, e caccia con la forza l'«usurpatore», o perde credibilità e, con essa, le elezioni.

La distinzione — fra opposizione parlamentare e di agitazione — e la differenza fra riformismo come forza di governo e rivoluzionarismo verbale, Walter Veltroni ha avuto il merito di averle capite perfettamente. Se la Sinistra fosse rimasta prigioniera del rivoluzionarismo verbale, non solo avrebbe perso le imminenti elezioni, ma non le avrebbe mai vinte neppure in futuro. In campagna elettorale — attribuendo al Partito democratico una vocazione maggioritaria, di governo riformista — si era, così, liberato delle scorie oltranziste che avevano paralizzato il governo Prodi. Aveva fatto un investimento per il futuro. In Parlamento, poi, aveva teorizzato la necessità di associare a una convergenza su temi condivisibili una opposizione dura su quelli non condivisi.

Ora, la decisione del governo di presentare l'emendamento che rinvia i processi minori — compreso quello che vede Berlusconi-capo del governo sul banco degli imputati come Berlusconi- padrone di Mediaset nel «caso Mills» — e di riproporre il «lodo Schifani », che mette le cariche istituzionali al riparo dalle incursioni della magistratura per tutto il tempo del loro mandato, minaccia di far naufragare le buone intenzioni di Veltroni. Rispunta a sinistra lo stereotipo del Cavaliere- incarnazione-del Male. Il Pd dichiara addirittura «chiuso» il dialogo con il governo e rischia, ricorrendo all'agitazione nel Paese, di (ri)precipitare nel rivoluzionarismo verbale e, come si suole dire, di farsi male da solo. Non dico, con ciò, che Veltroni dovrebbe correre in soccorso del capo del governo. Ci mancherebbe. L'opposizione inviti, piuttosto, Berlusconi ad assumersi la personale responsabilità delle misure in questione; a spiegare agli italiani ciò che egli intende per distinzione fra «responsabilità politica » — di fronte al mandato che gli è stato conferito dalla sovranità popolare di realizzare il suo programma — e «responsabilità giuridica», cui dovrebbe impegnarsi a non sottrarsi una volta assolto il mandato. Dimostrerebbe, finalmente, e una volta per tutte, di non voler sconfiggere il centrodestra «per via giudiziaria», ma con gli argomenti della politica.

18 giugno 2008
corriere della sera


Siete d'accordo con Ostellino?
Raccogliamo qui i nostri commenti e poi mandiamoli al Corriere della Sera entro 48 ore.
Chi vuole puo' anche solo votare il sondaggio ma il vostro commento è molto più interessante.

Ciao,
Franz
Roma ai romani
Anzio agli anziani
(graffito)
Avatar utente
franz
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 20948
Iscritto il: 17/05/2008, 14:58

Re: L'opposizione responsabile

Messaggioda louisebonzoni il 18/06/2008, 14:50

Non ho fatto a tempo a rispondere alla mail.
Direi che qui va benissimo...
Un po' dura fare delle proposte di opposizione, ritengo però indispensabile che 'sto governo ombra si "attrezzi" di una linea politica chiara...in modo tale che anche "la base" si senta più forte e sicura su ciò che deve sostenere.
Non vedrei nulla di strano nel dialogo e auspicabile accordo che viene suggerito alla fine del testo, se non che lo ritengo inutile, B promette di tutto, ma poi non mantiene se non ha convenienza e con la posizione nella quale si ritrova ora, l'unica convenienza che ha è di fare ciò che vuole, tanto tiene tutta la maggioranza in pugno. Il voto siciliano parla chiaro.
Forse troppo semplicistico, ma c'è troppa simbiosi fra interessi suoi e interessi del suo elettorato, fortemente condizionabile grazie all'informazione disfattista degli ultimi anni e dal clientelismo dilagante.
Lou
louisebonzoni
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 44
Iscritto il: 23/05/2008, 9:49

Re: L'opposizione responsabile

Messaggioda mammamaria il 18/06/2008, 15:49

Non sono del tutto daccordo.
La disponibilità al dialogo e al confronto è stata manifestata in molte occasioni, a costo di farsi accusare di "inciuci" da elettori di ogni parte. A costo di farsi definire troppo morbidi e buonisti. A costo di sembrare "collusi" col cavaliere. A costo di farsi preferire l'IDV anche dal proprio elettorato. Ma c'è un limite. Questo non è semplice "antiberlusconismo". Questo è dire a chiare lettere che non si ha voglia di essere presi in giro: va bene fare le riforme insieme, ma continuare ad attentare alla democrazia del paese, solo per curare i propri interessi va oltre. E va detto a chiare lettere.
mammamaria
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 17
Iscritto il: 23/05/2008, 14:08

Re: L'opposizione responsabile

Messaggioda ranvit il 18/06/2008, 16:25

Sono d'accordo con Ostellino!

Aggiungo che trovo logico che alle piu' alte cariche dello Stato sia garantite dalle "incursioni della magistratura".

Vittorio
Il 60% degli italiani si è fatta infinocchiare votando contro il Referendum che pur tra errori vari proponeva un deciso rinnovamento del Paese...continueremo nella palude delle non decisioni, degli intrallazzi, etc etc.
ranvit
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 10669
Iscritto il: 23/05/2008, 15:46

Re: L'opposizione responsabile

Messaggioda giancarlo il 18/06/2008, 16:58

Si sono d'accordo con quanto sostiene Ostellino
giancarlo
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 1
Iscritto il: 29/05/2008, 20:34

Re: L'opposizione responsabile

Messaggioda Pol il 18/06/2008, 17:29

L'analisi della situazione fatta da Ostellino sarebbe condivisibilee in una situazione di democrazia piena, dove i mezzi di massa non hanno il sopravvento. Nei casi come l'italia, non ha più importanza il comportamento parlamentare, ma solo l'apparenza di ciò che si è, trasmessa dai mezzi di comunicazione.
L'attuale massa al potere ha pianificato l'oltraggio verso metà della popolazione italiana, come propria strategia politica. Ha mostrato sitematicamente tutti quei tratti disdicevoli che Ostellino ritiene ostacoli all''accesso alle responsabiltà di governo, eppure ha avuto la maggioranza dei voti.
Ostellino trascura completamente la questioene morale, che invece è alla base della democraziia. Mi aspetto dal pd proprio che la questione morale sia sollevata, senza compromessi, affinchè la democrazia sia riportata in italia.
E' la premessa ad ogni altro discorso..
Avatar utente
Pol
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 6
Iscritto il: 18/06/2008, 17:01

Re: L'opposizione responsabile

Messaggioda franz il 18/06/2008, 17:39

Pol ha scritto:L'analisi della situazione fatta da Ostellino sarebbe condivisibilee in una situazione di democrazia piena, dove i mezzi di massa non hanno il sopravvento. Nei casi come l'italia, non ha più importanza il comportamento parlamentare, ma solo l'apparenza di ciò che si è, trasmessa dai mezzi di comunicazione.
L'attuale massa al potere ha pianificato l'oltraggio verso metà della popolazione italiana, come propria strategia politica. Ha mostrato sitematicamente tutti quei tratti disdicevoli che Ostellino ritiene ostacoli all''accesso alle responsabiltà di governo, eppure ha avuto la maggioranza dei voti.
Ostellino trascura completamente la questioene morale, che invece è alla base della democraziia. Mi aspetto dal pd proprio che la questione morale sia sollevata, senza compromessi, affinchè la democrazia sia riportata in italia.
E' la premessa ad ogni altro discorso..

Aspetta un attimo..... In tutti i paesi democratici i media sono sviluppati e producono un mix di informazione e disinformazione (o di informazione piu' o meno corretta) e hanno comunque il sopravvento.
Questo perché l'informazione è in ogni caso determinante per decidere; e quindi è indispensabile.
Sulla morale stati starei piu' attento. Anche noi abbiamo demonizzato, spesso e volentiari, non solo Berlusconi ma soprattuto gli elettori che lo sostengono (come massa plagiata) ma questo a vederla da lontano è cosa speculare e ricambiata.
Chi decide quale informazione è corretta?
Stando ai fruitori (cittadini/elettori) la maggioranza sta con la destra e ritiene piu' corretto o adeguato quel messaggio.
Ed il discorso si avvita.
Insomma non basta lamentarsi, per vincere occorre con-vincere.
E non è un gioco di parole.

Ciao,
Franz
Roma ai romani
Anzio agli anziani
(graffito)
Avatar utente
franz
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 20948
Iscritto il: 17/05/2008, 14:58

Re: L'opposizione responsabile

Messaggioda pinopic1 il 18/06/2008, 17:47

Ho votato che non condivido pienamente quanto afferma Ostellino. Il fatto è che lui fa riferimento ad un Paese normale dove eccezionalmente viene violata una regola della democrazia. Qui siamo di fronte ad un signore che si è dato alla poltica anni fa per difendere i suoi interessi e per salvarsi dai processi che lo attendevano e che ha messo in campo per raggiugere lo scopo tutto il suo potere economico e mediatico. Poi magari ha preso gusto alla politica. Intanto però di ferite alle regole democratiche ne ha inferte ad oltranza sempre sostenuto dal suo potere mediatico. Un uomo che fa il presidente del consiglio dei ministri circondato non già da consiglieri poltici ma dai suoi avvocati. Che attacca duramente la Magistratura, lui che nella posizione che occupa è l'ultimo che potrebbe permetterselo, non già per le sue disfunzioni che esistono, ma perché si permette di fare il suo dovere verso il signor Berlusconi e i suoi collaboratori (notate che non ho scritto complici) accusati di reati comuni. Mentre le disfunzioni vengono dallo stesso e dai suoi ministri ulteriormente aggravate.
Ostellino parla di un Paese normale come tanti Paesei normali nei quali il suddetto avrebbe già scontato qualche anno di carcere.
Mi andrebbe bene una legge che sospenda in certi casi i processi nei confronti di alte cariche dello Stato e li rinvii alla fine del mandato. Ma una legge simile si può fare in un momento in cui nessuna carica dello stato è sotto processo; se non altro per una questione di serietà.
L'opposizione responsabile oggi è quella che non passa sotto silenzio le tante infamie che vengono commesse.
"Un governo così grande da darti tutto quello che vuoi è anche abbastanza grande da toglierti tutto quello che hai" (Chiunque l'abbia detto per primo)
Avatar utente
pinopic1
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 1253
Iscritto il: 24/05/2008, 15:00

Re: L'opposizione responsabile

Messaggioda Pol il 18/06/2008, 18:03

franz ha scritto:Aspetta un attimo..... In tutti i paesi democratici i media sono sviluppati e producono un mix di informazione e disinformazione (o di informazione piu' o meno corretta) e hanno comunque il sopravvento.
Questo perché l'informazione è in ogni caso determinante per decidere; e quindi è indispensabile.
Sulla morale stati piu' attento. Anche noi abbiamo demonizzato, spesso e volentiari, non solo Berlusconi ma soprattuto gli elettori che lo sostengono (come massa plagiata) ma questo a vederla da lontano è cosa speculare e ricambiata.
Chi decide quale informazione è corretta?
Stando ai fruitori (cittadini/elettori) la maggioranza sta con la destra e ritiene piu' corretto o adeguato quel messaggio.
Ed il discorso si avvita.
Insomma non basta lamentarsi, per vincere occorre con-vincere.
E non è un gioco di parole.




Vorresti farmi credere che non vedi alcuna degenerazione nel sistema informativo e comunicativo di massa in italia?

Sulla questione morale: non credo di avere una visione di parte (politica): Non sono mai stato un militante. Nè leggo stampa politica.
Ho però sempre avuto attenzione per le fonti di informazione; cosa che molti non fanno di solito, altrimenti avrebbero capito che c'è un attacco all'etica della politica da una sola parte e le reazioni, le demonizzazioni sono state una comprensibile risposta.
Fruendo solo dei mezzi tradizionali (il tg1, il tg3, corriere, dibattiti tv, ...) non ho mai notato atteggiamenti poco rispettosi della sinistra verso la destra, ho invece notato frequentemente una mancanza di rispetto nell'altro verso; ho notato parole a vuoto, di chi non sa ciò di cui sta parlando, di uomini senza onore che dimenticano in un momento, che fanno il contrario di ciò che hanno dichiarato il giorno prima.

La mia accusa di ordine morale non è direttta ai cittadini votanti, ma ai politici, che non possono non vedere la situazione.
Avatar utente
Pol
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 6
Iscritto il: 18/06/2008, 17:01

Re: L'opposizione responsabile

Messaggioda franz il 18/06/2008, 18:29

Pol ha scritto:Vorresti farmi credere che non vedi alcuna degenerazione nel sistema informativo e comunicativo di massa in italia?

Nulla che non sia perfettamente allineato con quanto i lettori chiedono.
La comunicazione mediatica è un fatto di domanda ed offerta.
Ogni media racconta cio' che il suo pubblico vuole sentirsi dire.
Se esiste una "degenerazione" quindi è nella domanda.
Quella dell'offerta mi pare una conseguenza di mercato dovuta al fatto che già pochi leggono i giornali ed in fondo sono anche pochi coloro che guardano i TG e quindi il mercato è teso piu a soddisfare e rincorrere che ad educare.
la degnenerazione ha alla base fattori educativi, in una popolazione in cui piu' della metà ha seguito un percorso scolastico fino alla terza media e basta. Per me questo è il fattore importante e determinante.
leggiamo poco e tra quel poco spicca la gazzetta dello sport.
Cosa ti aspetti tu da questa realtà?

Ciao,
Franz
Roma ai romani
Anzio agli anziani
(graffito)
Avatar utente
franz
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 20948
Iscritto il: 17/05/2008, 14:58

Prossimo

Torna a Che fare? Discussioni di oggi per le prospettive di domani

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 8 ospiti

cron