La Comunità per L'Ulivo, per tutto L'Ulivo dal 1995
FAIL (the browser should render some flash content, not this).

Epidemia e rischi democratici

Discussioni e proposte, prospettive e strategie per il Paese

Epidemia e rischi democratici

Messaggioda trilogy il 30/03/2020, 11:19

Forse conviene aprire uno spazio ad hoc anche perchè la situazione si sta deteriorando molto rapidamente. Dopo le app per il controllo della popolazione anche i Tribunali speciali?
Sala dovrebbe chiarire bene di cosa sta parlando, perchè questo tema è realmente inquietante :cry:

ROMA. Diversi sì, alcuni no, che considerano però la proposta di una Costituente per le riforme di Sala uno stimolo utile ad un dibattito obbligato dopo questa crisi epocale. Nell’intervista a La Stampa, il sindaco di Milano propone «una nuova Costituente per far ripartire l’Italia dopo il virus». Una nuova Costituente repubblicana che insieme al Parlamento coinvolga «rappresentanti di sindaci e presidenti di Regioni, per modernizzare le istituzioni, rendendole compatibili con la complessità e l’internazionalità in cui ci troviamo ad operare». Sala individua due capitoli. Primo: il potere dello Stato e i poteri locali, perché l’attuale struttura amministrativa è del secolo scorso, non consente di essere veloci, si perde immediatezza e la responsabilità è suddivisa in mille centri di potere. Il secondo è la giustizia, «perché l’articolo 102 della Costituzione impedisce di istituire giudici speciali ma in realtà si sono venute a verificare situazioni nelle funzione pubblica che pongono legittimi dubbi al riguardo»

fonte: https://www.lastampa.it/politica/2020/0 ... 1.38656002
non c'è nulla di "smart" nel cosiddetto "smart working , chiamiamolo lavoro a distanza.
Avatar utente
trilogy
Redattore
Redattore
 
Messaggi: 4468
Iscritto il: 23/05/2008, 22:58

Re: Epidemia e rischi democratici

Messaggioda trilogy il 30/03/2020, 11:21

Articolo 102 della Costituzione
La funzione giurisdizionale è esercitata da magistrati ordinari istituiti e regolati dalle norme sull'ordinamento giudiziario [cfr. art. 108].

Non possono essere istituiti giudici straordinari o giudici speciali [cfr. art. 25 c.1]. Possono soltanto istituirsi presso gli organi giudiziari ordinari sezioni specializzate per determinate materie, anche con la partecipazione di cittadini idonei estranei alla magistratura [cfr. VI].

La legge regola i casi e le forme della partecipazione diretta del popolo all'amministrazione della giustizia.
non c'è nulla di "smart" nel cosiddetto "smart working , chiamiamolo lavoro a distanza.
Avatar utente
trilogy
Redattore
Redattore
 
Messaggi: 4468
Iscritto il: 23/05/2008, 22:58

Re: Epidemia e rischi democratici

Messaggioda pianogrande il 30/03/2020, 13:39

Magistrati specializzati sull'argomento su cui indagare OK.

Tribunali speciali, assolutamente no.

Costituirebbero, per definizione, giustizia in mano al potere politico.
Fotti il sistema. Studia.
pianogrande
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 9934
Iscritto il: 23/05/2008, 23:52

Re: Epidemia e rischi democratici

Messaggioda trilogy il 30/03/2020, 14:34

Sull'utilizzo dei droni è dovuto intervenire lo stesso capo della polizia per bloccarli, perchè, appena autorizzati, qualcuno si era allargato un po' troppo...

Coronavirus, controlli con i droni: lo stop di Gabrielli

Il capo della Polizia decide di sospendere il ricorso ai velivoli radiocomandati. Il confronto con Enac per arrivare all’uso corretto

Il ricorso ai droni per controllare il rispetto delle norme sul coronavirus è durato pochi giorni, neanche una settimana. Oltre l’effetto scenografico ci sono, infatti, aspetti delicati: di sicurezza, di privacy, di equilibri e ordine nel traffico aereo. Da ieri 27 marzo, dunque, stop a questi mezzi per la vigilanza COVID-19.

L’alt del Dipartimento P.S.
La comunicazione è da poco partita dal Viminale, dipartimento di Pubblica sicurezza guidato da Franco Gabrielli, per le prefetture, i Comandi generali dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, le altre articolazioni della Polizia di Stato (Stradale, Ferroviaria, Comunicazioni, Reparti speciali, Immigrazione, Anticrimine, Prevenzione). Tutti avvertiti: «Attendere l’esito» scrive in una nota il capo della segreteria del Dipartimento, prefetto Mario Papa, «degli approfondimenti» prima di proseguire. Stop, dunque, ai droni.

Il confronto con l’Enac
La nota del dipartimento di Pubblica sicurezza fa riferimento a «interlocuzioni con l’Enac finalizzata e una condivisa e corretta applicazione» di questi strumenti. Gli aggettivi sono rivelatori: c’è stato più di un caso dove il ricorso ai mini aerei radioguidati non è stato corretto. Con l’Ente nazionale aviazione civile, dunque, l’Interno intende definire dettagli, contorni e tutte le sfumature necessarie a evitare altri utilizzi fuori norma.

Nel mirino le polizie locali
Il Viminale non nasconde dove sta il problema: a qualche agente di polizia locale, forse preda dell’entusiasmo di un mezzo tutto sommato nuovo rispetto alle pratiche tradizionali, è scappata la mano. Con l’Enac, dunque, il Dipartimento Ps intende arrivare a definire un protocollo comune e garantito, in particolare per «l’utilizzo di mezzi aerei a pilotaggio remoto da parte delle polizie locali».

In effetti Polizia di Stato, Carabinieri e Finanza già fanno uso di droni ma finora non risultano problemi particolari. L’allargamento alle polizie municipali, tutte impegnate nei controlli sulle norme COVID-19, ha fatto emergere utilizzi scorretti. Da evitare subito.

fonte: https://www.ilsole24ore.com/art/coronav ... li-ADHg0XG
non c'è nulla di "smart" nel cosiddetto "smart working , chiamiamolo lavoro a distanza.
Avatar utente
trilogy
Redattore
Redattore
 
Messaggi: 4468
Iscritto il: 23/05/2008, 22:58

Re: Epidemia e rischi democratici

Messaggioda trilogy il 30/03/2020, 18:05

Questo è andato per le spicce niente app nei cellulari o droni...

Il Parlamento ungherese dà pieni poteri al premier Orban
I socialisti: 'E' l'inizio della dittatura'. Per i nazionalisti di Jobbik la nuova legge è un colpo di Stato

Parlamento ungherese ha votato i pieni poteri per il premier Viktor Orban per combattere il coronavirus.

Nei termini della legge, Orban, senza limitazione di tempo, può governare sulla base di decreti, chiudere il Parlamento, cambiare o sospendere leggi esistenti e ha la facoltà di bloccare le elezioni. Spetta a lui determinare quando finirà lo stato di emergenza. Inoltre, chi diramerà "false notizie" rischierà da 1 a 5 anni di carcere.

La legge è passata con 138 voti favorevoli contro 53 contrari. Hanno votato a favore i deputati di Fidesz ed alcuni dell'estrema destra. L'opposizione ha cercato di far inserire nel testo una limitazione temporale di 90 giorni, garantendo in cambio il suo appoggio, ma Orban ha rifiutato.

"Oggi inizia la dittatura senza maschera di Orban". Lo ha detto il leader dei socialisti ungheresi Bertalan Toth, commentando la legge approvata dal parlamento ungherese che conferisce a tempo illimitato i pieni poteri al premier Viktor Orban per combattere il coronavirus. Anche il presidente del partito nazionalista Jobbik ha parlato di "colpo di Stato". "L'opposizione sta dalla parte del virus". Con questa inedita affermazione il premier ungherese ha replicato alle accuse.

In Ungheria finora sono stati certificati soltanto 447 contagiati da coronavirus, 15 è il numero delle vittime. I dati reali potrebbero essere però più alti, anche 15 volte di più. I servizi sanitari effettuano pochissimi tamponi: dall'inizio dell'epidemia ne sono stati realizzati poco più di 13 mila. Negli ospedali mancano tute, guanti e mascherine protettive, e ci sono soltanto 2560 apparecchi di respirazione, in tutto il paese.

"La Commissione europea sta valutando le misure di emergenza adottate dagli Stati membri in relazione ai diritti fondamentali. In particolare per il caso della legge votata oggi in Ungheria sullo stato d'emergenza e le nuove sanzioni penali per la diffusione di informazioni false". Così il commissario europeo per la Giustizia e lo Stato di diritto Didier Reynders, su Twitter.

fonte: https://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/ ... 57422.html
non c'è nulla di "smart" nel cosiddetto "smart working , chiamiamolo lavoro a distanza.
Avatar utente
trilogy
Redattore
Redattore
 
Messaggi: 4468
Iscritto il: 23/05/2008, 22:58

Re: Epidemia e rischi democratici

Messaggioda pianogrande il 30/03/2020, 19:34

Non ho una idea precisa di come possa influenzare questa situazione l'Unione Europea.

Può buttar fuori l'Ungheria dall'Unione?

Può sicuramente sanzionare almeno dal punto di vista economico (finanziamenti vari).
Fotti il sistema. Studia.
pianogrande
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 9934
Iscritto il: 23/05/2008, 23:52

Re: Epidemia e rischi democratici

Messaggioda trilogy il 30/03/2020, 22:54

pianogrande ha scritto:Non ho una idea precisa di come possa influenzare questa situazione l'Unione Europea.

Può buttar fuori l'Ungheria dall'Unione?

Può sicuramente sanzionare almeno dal punto di vista economico (finanziamenti vari).


Non è prevista l'espulsione di uno Stato. Però l'art. 7 del Trattato prevede la possibilità di un richiamo, e poi la sospensione di uno Stato dalle sue prerogative per violazioni dei principi fondamentali dell'Unione.
La situazione è complicata dal fatto che Orban ha ottenuto un regolare voto parlamentare. Purtroppo è facile sfruttando la paura diffusa, costruire consenso su norme che limitano le garanzie e libertà personali. Anche nel nostro paese si leggono proposte molto discutibili.
non c'è nulla di "smart" nel cosiddetto "smart working , chiamiamolo lavoro a distanza.
Avatar utente
trilogy
Redattore
Redattore
 
Messaggi: 4468
Iscritto il: 23/05/2008, 22:58

Re: Epidemia e rischi democratici

Messaggioda pianogrande il 31/03/2020, 0:09

trilogy ha scritto:
Non è prevista l'espulsione di uno Stato. Però l'art. 7 del Trattato prevede la possibilità di un richiamo, e poi la sospensione di uno Stato dalle sue prerogative per violazioni dei principi fondamentali dell'Unione.
La situazione è complicata dal fatto che Orban ha ottenuto un regolare voto parlamentare. Purtroppo è facile sfruttando la paura diffusa, costruire consenso su norme che limitano le garanzie e libertà personali. Anche nel nostro paese si leggono proposte molto discutibili.


Grazie.
Un interessante banco di prova.
Fotti il sistema. Studia.
pianogrande
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 9934
Iscritto il: 23/05/2008, 23:52

Re: Epidemia e rischi democratici

Messaggioda Robyn il 31/03/2020, 10:43

Attacco alla democrazia e' anche approfittare di questo momento per chiedere il dimezzamento delll'indennita' dei parlamentari e gia' c'e' un'attacco con il referendum sul taglio dei parlamentari a cui i cittadini devono dire no.Le cose che non vanno con i pentastelle sono diverse dalla prescrizione ad un diverso rmg alle causali sui contratti a termine ad una diversa flessibilita' in uscita nella previdenza.La pandemia poi ha fatto tabula rasa del lavoro nero a cui non va' data nessuna possibilita' di riemergere perche probabilmente gestito dalla criminalita' organizzata o da e' incline ad essa.La presidente Von Der Layer nell'erogazione di liquidita' dalla "bei" dovra' fare in modo che la liquidita' vada nella direzione giusta e impedisca al lavoro nero di riemergere.Il lavoro nero fa' il dumping alle attivita' che stanno in regola.Per questo forme di sostentamento possono essere utili per contrastare il lavoro nero e chi si oppone al rmg sta' dalla parte del lavoro nero e del dumping fatto ad attivita' in regola fa' il gioco dell'economia sommersa che fa' mancare molto gettito all'Inps e al fisco.Adesso i lavoratori in nero si accorgono di non avere niente non ci voleva molto per capire che il lavoro sommerso e' un lavoro senza diritti
Locke la democrazia è fatta di molte persone
Avatar utente
Robyn
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 9446
Iscritto il: 13/10/2008, 9:52

Re: Epidemia e rischi democratici

Messaggioda trilogy il 02/04/2020, 11:53

(ANSA) - MANILA, 2 APR - Il presidente filippino, Rodrigo Duterte, ha ordinato alle forze di Sicurezza di sparare "a morte" a chiunque causi "problemi" nelle aree chiuse a causa della pandemia di coronavirus. Ma il capo della Polizia, Archie Gamboa, ha detto che gli agenti non lo faranno. Circa la metà dei 110 milioni di persone del Paese è attualmente in quarantena. "I miei ordini sono alla polizia e ai militari, compresi i funzionari dei villaggi, che se ci sono problemi o sorge la situazione in cui le persone combattono e la tua vita è in pericolo, di sparare e uccidere", ha detto Duterte precisando che l'epidemia sta peggiorando nonostante la quarantena imposta.
"Probabilmente il presidente ha dato troppa importanza all'applicazione della legge in questo momento di crisi", ha replicato il capo della Polizia. Finora le Filippine hanno rilevato 2.311 casi di coronavirus e riportato 96 decessi, ma il Paese ha appena iniziato a intensificare i test e quindi si prevede che il numero di infezioni aumenterà.
non c'è nulla di "smart" nel cosiddetto "smart working , chiamiamolo lavoro a distanza.
Avatar utente
trilogy
Redattore
Redattore
 
Messaggi: 4468
Iscritto il: 23/05/2008, 22:58

Prossimo

Torna a Che fare? Discussioni di oggi per le prospettive di domani

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 17 ospiti

cron