La Comunità per L'Ulivo, per tutto L'Ulivo dal 1995
FAIL (the browser should render some flash content, not this).

Spere pazze: le regioni

Discussioni su aspetti locali di attualità, specifici o comuni a vari luoghi, ove già non affrontati nei forum tematici. Riforme locali: decentramento e federalismo.

Spere pazze: le regioni

Messaggioda flaviomob il 03/04/2014, 21:01

da Espresso:

Regioni, continuano le spese pazze Aperte dieci nuove indagini. L'unica virtuosa è la Valle d'Aosta
Non sono bastati gli arresti degli ultimi anni, le mutande e i vibratori: anche nel 2013 la Corte dei Conti si è trovata davanti al caos per le richieste di rimborsi assurdi. E i politici non vogliono saperne di giustificare le spese di denaro pubblico
di Clemente Pistilli


Tutto come prima e come sempre. Scandali, processi e arresti. Neanche dopo il caso Fiorito, Er Batman, e successivi si è riusciti a mettere ordine nelle spese pazze dei gruppi consiliari regionali.

Il risultato? Anche per il 2013 - l’anno successivo al terremoto giudiziario e che con la legge varata dal Governo Monti doveva veder risolta la piaga di rimborsopoli - la Corte dei Conti si sta trovando davanti a un caos e ha già aperto indagini su 10 Regioni. Gli unici ad aver passato alla prima l'esame dei giudici della Corte sono i rendiconti dei consiglieri della Valle d’Aosta, dove l’inchiesta con 34 indagati per gli anni precedenti sembra aver fatto effetto. Un cambio di rotta che sembra rafforzare l’appellativo di “imperatore” con cui viene chiamato il governatore Augusto Rollandin.

I politici continuano dunque a chiedere rimborsi su tutto. E quando si tratta di giustificare come hanno investito il denaro pubblico non vogliono proprio saperne di presentare un minimo di documenti comprensibili.

Alla magistratura contabile i gruppi consiliari delle Regioni devono presentare ogni anno un resoconto sulla gestione dei fondi, specificando come hanno speso il denaro pubblico, documentando gli investimenti e dimostrare che sono stati utilizzati per attività istituzionali e non magari per feste private, tinture per capelli, lap dance o vibratori, come è emerso dalle inchieste aperte in mezza Italia dopo l’arresto di Fiorito e il crollo della giunta del Lazio di Renata Polverini.

I giudici delle diverse sezioni della Corte dei Conti si sono invece visti recapitare dossier incompleti, a volte neppure ufficiali, con una serie di conti che non tornano e risarcimenti ingiustificati, soprattutto per quanto riguarda i pagamenti del personale che tra consulenti e collaboratori i consiglieri regionali non si fanno mai mancare.

Sono state così aperte indagini ed è stato chiesto ai presidenti delle Regioni di fare chiarezza sui troppi punti oscuri nella gestione dei fondi da parte dei gruppi. Se non arriveranno risposte soddisfacenti questa volta il risultato non sarà il solito spreco: i politici coinvolti dovranno restituire il denaro che hanno ottenuto, come già accaduto in Basilicata.

Nella Regione ora retta da Marcello Pittella, del Pd, proprio per rimborsopoli si è dimesso il precedente presidente, Vito De Filippo. Anche nel 2013 le cose non sono però andate per il verso giusto e la Corte dei Conti ha bocciato i rendiconti presentati dal Partito democratico, dal Pdl, dal Movimento per le autonomie, dall’Udc, dal misto e dai Popolari uniti, chiedendo loro di mettere mano al portafogli e restituire il denaro ottenuto alla Regione. Il malcostume è stato registrato da Nord a Sud e un po’ in tutti i partiti, grillini compresi.

In Lombardia, mentre ancora non si spegne l’eco del libro “Mignottocrazia” rimborsato a Nicole Minetti e dove il governatore Roberto Maroni ha appena chiesto ai 64 indagati nell’inchiesta relativa alla gestione Formigoni di restituire 3 milioni di euro, nel 2013, con la guida della Lega, sono spuntati ugualmente problemi: ai gruppi la Corte ha chiesto di regolarizzare i conti entro il prossimo 11 aprile.

Stessa situazione in Piemonte, dove già si contano per il passato 40 indagati e dove ha fatto scalpore il rimborso delle mutande verdi acquistate dall’ex presidente Roberto Cota.

Dubbi pure sulla gestione del denaro in Veneto, l’ente che con il governatore Luca Zaia è stato tra i pochi sinora immuni da scandali.

In Friuli, dove già sono state emesse condanne per le spese pazze precedenti, i giudici non sono stati convinti dei documenti esibiti per il 2013 dal Pd, dal Pdl, dalla civica i Cittadini, da Sel, da Autonomia responsabile, dalla Lega, dal Misto e dallo stesso Movimento 5 Stelle. Una grana per Debora Serracchiani.

Problemi poi nelle Marche del presidente dem Gian Mario Spacca. Nella precedente inchiesta gli indagati sono 40 e ora dubbi sono emersi sui rendiconti dei Verdi, di Popolo e territorio libertà e autonomia, della Federazione della sinistra, Per le Marche, Udc e Centrodestra Marche.

Chiesti chiarimenti ai gruppi dell’Umbria e della Campania, dove si sono appena chiuse le vecchie indagini con 51 indagati. Per il 2013, in Campania, la Corte dei Conti ha ritenuto irregolari e carenti i resoconti di Forza Italia, Udc, Moderati, Pd, lista Caldoro presidente, Centro democratico, Noi Sud, misto, Ncd, Udeur e Fratelli d’Italia, invitando i partiti a specificare e provare come hanno speso il denaro.

Chiarimenti, infine, richiesti alla Puglia di Nichi Vendola e, nello specifico, ai Moderati e popolari, al Pd, I Pugliesi, Pdl, misto, Democratici autonomi, Sel, Udc, Puglia per Vendola e La Puglia prima di tutto. Al termine degli accertamenti, che hanno riguardato le spese per il personale, pranzi al ristorante, acquisti di libri e riviste, locandine e cartoline, via libera dai giudici contabili solo ai rendiconti dei gruppi dell’Abruzzo, con l’ok incassato da Abruzzo futuro Chiodi presidente, misto, Movimento per le autonomie, Udc, Comunisti italiani, Idv, Pd, Rifondazione, Centro democratico e Ncd. Insomma le larghe intese in Italia sembrano proprio reggere, ma solo quando si tratta di ottenere denaro pubblico senza fornire troppe spiegazioni.
03 aprile 2014


"Dovremmo aver paura del capitalismo, non delle macchine".
(Stephen Hawking)
flaviomob
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 12704
Iscritto il: 19/06/2008, 19:51

Re: Spere pazze: le regioni

Messaggioda Iafran il 04/04/2014, 0:00

flaviomob ha scritto:... E i politici non vogliono saperne di giustificare le spese di denaro pubblico

Anche sparando nel gruppo non si rischierebbe troppo di colpire un innocente …
Iafran
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 4269
Iscritto il: 02/03/2009, 12:46


Torna a Dai Comuni alle Regioni, Locale e Globale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite