La Comunità per L'Ulivo, per tutto L'Ulivo dal 1995
FAIL (the browser should render some flash content, not this).

Brava Catherine Deneuve!

Discussioni su quanto avviene su questo piccolo-grande pianeta. Temi della guerra e della pace, dell'ambiente e dell'economia globale.

Brava Catherine Deneuve!

Messaggioda ranvit il 10/01/2018, 13:24

Ormai non si puo' piu' accarezzare un bambino in testa senza essere considerato un pedofilo!
Non si puo' piu' fare delle avances a una donna senza essere considerato uno stupratore!

La linea di confine dovrebbe essere la violenza.... 8-)


http://www.lastampa.it/2018/01/09/spettacoli/cinema/molestie-sessuali-la-deneuve-stop-alla-caccia-alle-streghe-provarci-un-diritto-delluomo-E65L39Sas9cwhXEFwb7qiP/pagina.html


Molestie sessuali, la Deneuve: “Stop alla caccia alle streghe, provarci è un diritto dell’uomo”
L’attrice si schiera con un centinaio di altre donne, scrittrici, artiste e accademiche, che hanno aderito ad una lettera aperta in «controtendenza» pubblicata da Le Monde

L’attrice Catherine Deneuve

8K


13
Pubblicato il 09/01/2018
Ultima modifica il 10/01/2018 alle ore 12:12
L’ondata di denunce contro le molestie sessuali seguita allo scandalo di Harvey Weinstein ha suscitato la contro-reazione di un centinaio di donne francesi, tra cui Catherine Deneuve, che si sono schierate contro questo nuovo «puritanesimo». La famosa attrice, insieme a scrittrici, artiste e accademiche, ha aderito alla lettera aperta, pubblicata da Le Monde, nella quale si condanna la «caccia alle streghe» che è seguita allo scandalo a Hollywood e che minaccia la libertà sessuale.

La lettera:


« Nous défendons une liberté d’importuner, indispensable à la liberté sexuelle »
Dans une tribune au « Monde », un collectif de 100 femmes, dont Catherine Millet, Ingrid Caven et Catherine Deneuve, affirme son rejet d’un certain féminisme qui exprime une « haine des hommes ».

LE MONDE | 09.01.2018 à 06h42 • Mis à jour le 10.01.2018 à 11h42 |

Tribune. Le viol est un crime. Mais la drague insistante ou maladroite n’est pas un délit, ni la galanterie une agression machiste.
A la suite de l’affaire Weinstein a eu lieu une légitime prise de conscience des violences sexuelles exercées sur les femmes, notamment dans le cadre professionnel, où certains hommes abusent de leur pouvoir. Elle était nécessaire. Mais cette libération de la parole se retourne aujourd’hui en son contraire : on nous intime de parler comme il faut, de taire ce qui fâche, et celles qui refusent de se plier à de telles injonctions sont regardées comme des traîtresses, des complices !
Or c’est là le propre du puritanisme que d’emprunter, au nom d’un prétendu bien général, les arguments de la protection des femmes et de leur émancipation pour mieux les enchaîner à un statut d’éternelles victimes, de pauvres petites choses sous l’emprise de phallocrates démons, comme au bon vieux temps de la sorcellerie.
Délations et mises en accusation
De fait, #metoo a entraîné dans la presse et sur les réseaux sociaux une campagne de délations et de mises en accusation publiques d’individus qui, sans qu’on leur laisse la possibilité ni de répondre ni de se défendre, ont été mis exactement sur le même plan que des agresseurs sexuels. Cette justice expéditive a déjà ses victimes, des hommes sanctionnés dans l’exercice de leur métier, contraints à la démission, etc., alors qu’ils n’ont eu pour seul tort que d’avoir touché un genou, tenté de voler un baiser, parlé de choses « intimes » lors d’un dîner professionnel ou d’avoir envoyé des messages à connotation sexuelle à une femme chez qui l’attirance n’était pas réciproque.
Cette fièvre à envoyer les « porcs » à l’abattoir, loin d’aider les femmes à s’autonomiser, sert en réalité les intérêts des ennemis de la liberté sexuelle, des extrémistes religieux, des pires réactionnaires et de ceux qui estiment, au nom d’une conception substantielle du bien et de la morale..[/i]

En savoir plus sur http://www.lemonde.fr/idees/article/201 ... Z7JBhy8.99
Il 60% degli italiani si è fatta infinocchiare votando contro il Referendum che pur tra errori vari proponeva un deciso rinnovamento del Paese...continueremo nella palude delle non decisioni, degli intrallazzi, etc etc.
ranvit
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 10669
Iscritto il: 23/05/2008, 15:46

Re: Brava Catherine Deneuve!

Messaggioda franz il 10/01/2018, 20:22

già!
e in Italia invece si cambia il finale di un'opera lirica, per renderla "politicamente corretta".

Poi ci si allargherà.

Intollerabile che qualcuno, prima di sposarsi, andasse in giro ad importunare belle fanciulle ed il loro riposo. Queste cose non si fanno ... :-)

Wolfgang Amadeus Mozart è da censurare e riscrivere.

---
Non più andrai, farfallone amoroso,
notte e giorno d'intorno girando;
delle belle turbando il riposo
Narcisetto, Adoncino d'amor.

Non più avrai questi bei pennacchini,
quel cappello leggero e galante,
quella chioma, quell'aria brillante,
quel vermiglio donnesco color.
Be careful when you follow the masses;
Sometimes the M is silent.
Avatar utente
franz
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 21221
Iscritto il: 17/05/2008, 14:58

Re: Brava Catherine Deneuve!

Messaggioda flaviomob il 10/01/2018, 21:14

Ormai non si puo' piu' accarezzare un bambino in testa senza essere considerato un pedofilo!
Non si puo' piu' fare delle avances a una donna senza essere considerato uno stupratore!

La linea di confine dovrebbe essere la violenza


Infatti le donne che hanno accusato molestie e abusi hanno specificato di NON essere state consenzienti. Il vero problema è che è difficile denunciare, per motivi psicologici e talvolta anche economici se si è ricattabili sul lavoro (o in famiglia).

In Italia mi pare che il limite per denunciare sia di sei mesi e non è affatto giusto.

Sulla pedofilia, ricordiamoci che siamo il primo paese per turismo sessuale all'estero (compresi rapporti con i minori). Certe frasi mi sembrano quindi fuori luogo.

http://27esimaora.corriere.it/articolo/ ... i-clienti/

ogni anno ci sono un milione di turisti sessuali che rivolgono le loro attenzioni a minori tra i 12 e 14 anni, e a volte anche più piccoli.


"Dovremmo aver paura del capitalismo, non delle macchine".
(Stephen Hawking)
flaviomob
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 12704
Iscritto il: 19/06/2008, 19:51

Re: Brava Catherine Deneuve!

Messaggioda pianogrande il 10/01/2018, 23:29

Comunque sono d’accordo che si sta esagerando.

Anche una certa ricerca di notorietà gioca il suo ruolo.

Gli abusi sessuali sono un problema reale e pesante ma vedere questa schiera di donne famose cercare da rinverdire gli allori raccontando di quando ....anta anni fa.... mi fa lo stesso effetto di quando da povero campagnolo mi chiedevo se fosse giusto mettere in agitazione mezzo ospedale perché si era ammalato il papa mentre i poveracci non potevano neanche sognarsi tanta attenzione.

Ma gli abusi sessuali lì hanno subiti solo le grandi attrici e scrittrici etc?

Una bella inchiesta tra i baraccati delle periferie potrebbe si fruttare una coltellata ma anche dati interessanti socialmente e politicamente.

Per par condicio lascio solo immaginare le battutacce legate all’età della Deneuve che questa lettera susciterà.
Fotti il sistema. Studia.
pianogrande
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 9938
Iscritto il: 23/05/2008, 23:52

Re: Brava Catherine Deneuve!

Messaggioda flaviomob il 11/01/2018, 0:08

Gli abusi sessuali sono un problema per chi li subisce (esistono ancora nel mondo società in cui è normale che la donna stuprata sia costretta poi a sposare lo stupratore o a essere ripudiata dalla famiglia) finché la controparte è abbastanza forte da deciderne il destino. Poi, se e quando i rapporti di forza si ribaltano, finalmente succede il contrario.

E' ovvio che gli abusi non li subiscono solo le star di Hollywood, ma è altrettanto ovvio che quando capita alla gente comune ai media interessa poco (ed evidentemente anche a chi di media si... nutre).

La ricerca di notorietà non salva dalla querela per diffamazione, a che pro mentire?

E' altrettanto ovvio che corteggiare una donna non significa molestarla o importunarla.


"Dovremmo aver paura del capitalismo, non delle macchine".
(Stephen Hawking)
flaviomob
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 12704
Iscritto il: 19/06/2008, 19:51


Torna a Temi caldi nel mondo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron