La Comunità per L'Ulivo, per tutto L'Ulivo dal 1995
FAIL (the browser should render some flash content, not this).

Egitto verso la dittatura

Discussioni su quanto avviene su questo piccolo-grande pianeta. Temi della guerra e della pace, dell'ambiente e dell'economia globale.

Egitto verso la dittatura

Messaggioda flaviomob il 04/05/2016, 15:29

http://ilmanifesto.info/il-cairo-svela- ... la-stampa/

Censura sul caso Regeni e gamba tesa contro la stampa egiziana in rivolta: è il contenuto, in breve, delle istruzioni a uso interno che per errore il Ministero degli Interni ha inviato ai media dal proprio indirizzo mail. Ufficialmente per errore: dopo l’invio, il dicastero ha parlato di «malfunzionamento tecnico», ma nei corridoi si rincorrono voci diverse. C’è chi parla di un hackeraggio, chi di atto volontario da parte di qualcuno interessato a ostacolare l’uscita dal tunnel in cui il regime di al-Sisi si è infilato.

Il presidente appare indebolito: la campagna di repressione di società civile e stampa è così brutale da avere prodotto l’effetto opposto, almeno all’interno dei confini nazionali. Se fuori la comunità internazionale continua a coccolare Il Cairo, in casa la gente esprime una rabbia crescente. Il governo, dice quel documento diffuso per errore, corre ai ripari ed indica le linee guida per zittire le proteste, quella che viene definita «un’escalation deliberata» ordita dai leader sindacali che puntano ad ottenere vantaggi politici. «C’è da aspettarsi – si legge – una feroce campagna mediatica da parte di tutta la stampa in solidarietà con il sindacato», violato domenica scorsa dal raid della polizia e dall’arresto di due giornalisti.

Per questo, ordina il Ministero, si deve rimanere fermi nelle propri posizioni e «coordinarsi con programmi tv, esperti e generali in pensione per invitarli a parlare a favore del Ministero»: «Non possiamo fare un passo indietro ora: una retromarcia significherebbe ammettere di aver fatto un errore. E se c’è un errore, chi è il responsabile?». Di certo ieri uno sbaglio, volontario o meno, è stato commesso e il Ministero ha già fatto sapere di aver avviato indagini interne per risolvere il mistero della mail incontrollabile.

Ad emergere, però, da quelle righe è anche una pratica spesso utilizzata dal governo cariota: la censura su fatti sensibili e potenzialmente distruttivi. Come il caso Regeni: alla procura generale (quella che dovrebbe collaborare con gli investigatori di Roma) è stato chiesto di imporre il silenzio sull’omicidio del ricercatore. Non è la prima volta: secondo quanto riportato dal Daily News Egypt, dal 29 giugno 2015 alle proteste di massa del 25 aprile, sono stati almeno 8 i casi di censura su fatti interni.

Quel giorno di un anno fa veniva ucciso l’ex procuratore generale Hisham Barakat, omicidio che ha dato il via ad un’ondata di divieti per la stampa: è successo con il caso dei fondi esteri alle Ong egiziane; con la denuncia di corruzione mossa da Hisham Geneina, presidente (poi licenziato) dell’istituto Central Auditing Organization che dal 1942 monitora i casi di corruzione; con le mazzette ricevute da funzionari del Ministero dell’Agricoltura. L’obiettivo è palese: impedire ai giornalisti di investigare, alla gente di discuterne.

Ma ieri, nella Giornata Internazionale per la Libertà di Stampa, i giornalisti egiziani hanno continuato a manifestare. Di fronte alla sede del Sindacato della stampa, proseguono nel sit-in indetto per costringere il ministro degli Interni Ghaffar alle dimissioni e per ottenere il rilascio dei due giornalisti di January Gate, Amr Badr e Mahmoud el-Sakka. I due lunedì si sono visti allungare l’ordine di detenzione di due settimane, con l’accusa di aver diffuso notizie false e aver incitato al colpo di Stato.

Sopra l’edificio la bandiera del sindacato è stata sostituita da bandiere nere, listate a lutto per ricordare le condizioni di lavoro dei giornalisti egiziani. Oggi si terrà un’assemblea generale durante la quale il sindacato annuncerà le prossime mosse. Per ora hanno ottenuto un sostegno inatteso: la mano tesa del giornale governativo al-Ahram. In un editoriale definito in Egitto «senza precedenti», il quotidiano di proprietà dell’esecutivo del Cairo si fa carico indirettamente delle stesse richieste dei colleghi: le dimissioni del ministro Ghaffar.

Il raid contro il sindacato della stampa, scrive al-Ahram, è «una mossa inaccettabile» da parte di un Ministero che «ha commesso tanti errori nell’ultimo periodo, concludendo con il suo infelice comportamento nei confronti dei diritti dei giornalisti e dei lavoratori dell’informazione».

Eppure, aggiunge il quotidiano, Ghaffar «non riuscirà nel suo pernicioso obiettivo di chiudere le bocche e reprimere le libertà di espressione e opinione». Un affondo durissimo che dà la misura delle crepe che si stanno moltiplicando nel monolitico blocco del potere del presidente golpista.


"Dovremmo aver paura del capitalismo, non delle macchine".
(Stephen Hawking)
flaviomob
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 12704
Iscritto il: 19/06/2008, 19:51

Re: Egitto verso la dittatura

Messaggioda ranvit il 05/05/2016, 7:54

"Verso"? E' una dittatura!
Non vi sta bene? Vogliamo abbattere Al Sisi? Se accadrà. dopo sarà peggio.... 8-)
Il 60% degli italiani si è fatta infinocchiare votando contro il Referendum che pur tra errori vari proponeva un deciso rinnovamento del Paese...continueremo nella palude delle non decisioni, degli intrallazzi, etc etc.
ranvit
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 10669
Iscritto il: 23/05/2008, 15:46

Re: Egitto verso la dittatura

Messaggioda flaviomob il 05/05/2016, 8:50

Veramente è Al Sisi che ha abbattuto il governo e la maggioranza precedente.


"Dovremmo aver paura del capitalismo, non delle macchine".
(Stephen Hawking)
flaviomob
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 12704
Iscritto il: 19/06/2008, 19:51

Re: Egitto verso la dittatura

Messaggioda ranvit il 05/05/2016, 12:32

Certo! Ha abbattuto il Governo dei Fratelli Musulmani....te li raccomando quelli! :lol:

Ma il punto non è questo.
E' che bisogna smetterla di intrometterci: i popoli devono avere il tempo di maturare ed evolvere. Perchè attraverso forzature esterne l'unico risultato che si ottiene è il peggioramento della situazione.
Il 60% degli italiani si è fatta infinocchiare votando contro il Referendum che pur tra errori vari proponeva un deciso rinnovamento del Paese...continueremo nella palude delle non decisioni, degli intrallazzi, etc etc.
ranvit
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 10669
Iscritto il: 23/05/2008, 15:46

Re: Egitto verso la dittatura

Messaggioda flaviomob il 05/05/2016, 17:55

Eri tu a favore della guerra in Iraq, mica altri.


"Dovremmo aver paura del capitalismo, non delle macchine".
(Stephen Hawking)
flaviomob
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 12704
Iscritto il: 19/06/2008, 19:51

Re: Egitto verso la dittatura

Messaggioda ranvit il 06/05/2016, 8:12

Qualcosa non quadra: "altri" lamentano l'ignavia dell'occidente verso i regimi dittatoriali di Siria, Turchia, Egitto, Arabia Saudita, etc etc, o verso il mancato aiuto dato alla popolazione iraqena dove avvenivano stermini di massa con gas, alla primavera araba, ai ribelli siriani, etc....ma come diavolo si dovrebbero aiutare se non intervenendo militarmente?
E' vero che nel caso dell'Iraq ero favorevole all'intervento, ma se ricordi bene sostenevo la tesi di bombardare e basta, senza mettere gli scarponi a terra.
Piu' in generale, comunque, ho sempre sostenuto e sotengo che i popoli devono maturare autonomamente...almeno finchè non minacciano direttamente noi (come oggi fa l'Isis).
Il 60% degli italiani si è fatta infinocchiare votando contro il Referendum che pur tra errori vari proponeva un deciso rinnovamento del Paese...continueremo nella palude delle non decisioni, degli intrallazzi, etc etc.
ranvit
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 10669
Iscritto il: 23/05/2008, 15:46

Re: Egitto verso la dittatura

Messaggioda trilogy il 03/10/2016, 15:40

Ancora i test di verginità in Egitto
ossessionato dal corpo delle donne
di Viviana Mazza

Scriveva negli anni 70 la femminista egiziana Nawal Al Saadawi: «Se una ragazza araba perde un occhio, la sua famiglia non piange tanto quanto piangerebbe se perdesse la verginità».

Nell’Egitto di oggi c’è chi la pensa ancora così, ma ci sono anche donne che non lo accettano. Il parlamentare Ilhami Agena ha suggerito l’introduzione di «test della verginità» come pre-requisito per le ragazze all’università: «Dobbiamo controllare gli esami medici di ciascuna, per dimostrare che è una signorina». Così sostiene di poter prevenire i matrimoni informali (gawaz orfy), scelti da molti giovani che vogliono fare sesso prima delle nozze ma non possono in una società conservatrice né hanno il denaro per sposarsi. Contro il deputato si sono levate proteste sui social e una denuncia è stata depositata in procura dal Consiglio nazionale per le Donne, per espellerlo dal Parlamento.

I test della verginità sono una forma di violenza sessuale, in cui un medico verifica manualmente che l’imene sia intatto. Sono stati imposti dall’esercito alle attiviste egiziane dopo la rivoluzione del 2011. Il 9 marzo i soldati sgomberarono piazza Tahrir dai manifestanti tornati per protestare contro le lentezze della giunta militare post-Mubarak: 17 donne furono picchiate, colpite con i taser e costrette a subire test di verginità. L’attuale presidente Al Sisi, che si è presentato come l’uomo che ha salvato l’Egitto dalla regressione della Fratellanza Musulmana, era d’accordo con quei test, secondo attiviste come Mona Eltahawy. E oggi, il deputato Agena, membro della Commissione per i diritti umani, difende anche la pratica delle mutilazioni genitali, per «ridurre il desiderio sessuale» femminile perché «il 64% degli uomini sono impotenti». Anziché concentrarsi su disoccupazione e analfabetismo le autorità continuano ad essere ossessionate dal corpo e dalla sessualità delle donne.

fonte: http://www.corriere.it/opinioni/16_otto ... 6f6b.shtml
Chiunque ha tentato di creare uno Stato perfetto, un paradiso in terra, ha in realtà realizzato un inferno. Popper
Avatar utente
trilogy
Redattore
Redattore
 
Messaggi: 4236
Iscritto il: 23/05/2008, 22:58


Torna a Temi caldi nel mondo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite