La Comunità per L'Ulivo, per tutto L'Ulivo dal 1995
FAIL (the browser should render some flash content, not this).

L'Europa rischia il collasso

Discussioni su quanto avviene su questo piccolo-grande pianeta. Temi della guerra e della pace, dell'ambiente e dell'economia globale.

Re: L'Europa rischia il collasso

Messaggioda trilogy il 09/02/2016, 0:00

Se saltano questi ci facciamo 4 risate. Li voglio vedere la Merkel e Schaeuble che fanno il bail-in sui conti DB con un portafoglio derivati che vale 20 volte il PIL tedesco 8-)

(ANSA) - ROMA, 8 FEB - Deutsche Bank segna -4,26% alla borsa, con i credit-default swap, i contratti di assicurazione dal rischio d'insolvenza, volati oltre quota 200 ai massimi da fine 2012.
Chiunque ha tentato di creare uno Stato perfetto, un paradiso in terra, ha in realtà realizzato un inferno. Popper
Avatar utente
trilogy
Redattore
Redattore
 
Messaggi: 4253
Iscritto il: 23/05/2008, 22:58

Re: L'Europa rischia il collasso

Messaggioda ranvit il 09/02/2016, 12:17

:D

Chiariamo un concetto: i "crucchi" vogliono risolvere i loro problemi a spese nostre! Come già hanno fatto con le banche tedesche infilate nei debiti greci che hanno sanato a spese dei fondi europei (e quindi anche ns)!
Altro che Europa Unita!
E' nel loro Dna: vogliono dominare....si credono superiori a noialtri "mediterranei"; siamo solo carne da macello! Maledetti! Aveva ragione De Gaulle!!!
Fin'ora gli è andata bene con le quinte colonne Monti e Letta (e Napolitano...).
Vediamo da qui in avanti!
Il 60% degli italiani si è fatta infinocchiare votando contro il Referendum che pur tra errori vari proponeva un deciso rinnovamento del Paese...continueremo nella palude delle non decisioni, degli intrallazzi, etc etc.
ranvit
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 10669
Iscritto il: 23/05/2008, 15:46

Re: L'Europa rischia il collasso

Messaggioda ranvit il 09/02/2016, 12:28

http://www.ilsole24ore.com/art/commenti-e-idee/2016-02-09/il-problema-europeo-e-differenziale-il-nord-e-sud--070117.shtml?uuid=ACV9aTQC

........................
Sulle banche il problema è europeo, ritorna lo spettro greco e la stessa Deutsche Bank non può dare lezioni a nessuno, oggi è chiaro a tutti che l’Europa dei “dieci piccoli indiani” dove ogni giorno qualcuno mette un pezzetto (monetario, economico, bancario e così via) e lo fa in mezzo a mille asimmetrie (sempre più o meno interessate) non aiuta né l’Europa né l’Italia e, tanto meno, le sue banche. In casa ci sono stati errori e ruberie, non bisogna fare sconti a nessuno accertando responsabilità e assumendo decisioni esemplari, ma in un quadro che resta, tuttavia, solido e paga il conto di una crisi durissima.

Diciamo le cose come stanno: per fare gli Stati Uniti d’Europa bisogna cedere sovranità (difesa, politica estera) e abbiamo, di certo, bisogno di un ministro del Tesoro europeo unico. Attenzione, però, un ministro del Tesoro “tedesco” con un controllo “francese” (e noi sempre alle porte) è un rischio politico europeo enorme. L’Italia deve volere, anzi pretendere, un ministro del Tesoro unico, ma a patto che questa scelta politica sia accompagnata dalla condivisione dei debiti pubblici conferendo a un nuovo veicolo (si scelga la soluzione tecnica ritenuta più idonea) le eccedenze nazionali rispetto al tetto previsto del 60% con l’impegno di disciplinare poi la

Non si può dire: o accettate le nostre condizioni o ve la “faremo pagare”. Serve la Politica, non i burocrati travestiti da politici, serve soprattutto una Politica diversa. L’Europa non ha bisogno né di nuove onnipotenze tedesche né di nuovi velleitarismi nazionali. Questo non significa occuparsi dell’interesse generale. Quel differenziale italiano non ci aiuta, ma sbaglieremmo noi a dimenticarcelo e i tedeschi, altrettanto, a ritenerlo un problema solo nostro. La frenata mondiale della crescita non risparmia nessuno, per questo il mondo ha ancora bisogno del mercato dei consumi della vecchia Europa, di tutta l’Europa, non di antichi e nuovi squilibri tra Nord
di Roberto Napoletano - Il Sole 24 Ore - leggi su http://24o.it/VHRTnE


----------------------------------------------
http://www.ilsole24ore.com/art/finanza- ... d=ACe7s1PC

Rischio CoCos bond per Deutsche Bank. Titolo (-9,5%) ai minimi dal 1999

-----------------------------------
http://www.econopoly.ilsole24ore.com/20 ... azionisti/

In tempi difficili è bene sapere dei CoCos bond e di come vi trasformano in azionisti

----------------------------------------

E adesso vediamo cosa ci dirà franz per difendere i crucchi e parlar male degli italiani.... :roll: :oops:
Il 60% degli italiani si è fatta infinocchiare votando contro il Referendum che pur tra errori vari proponeva un deciso rinnovamento del Paese...continueremo nella palude delle non decisioni, degli intrallazzi, etc etc.
ranvit
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 10669
Iscritto il: 23/05/2008, 15:46

Re: L'Europa rischia il collasso

Messaggioda flaviomob il 10/02/2016, 1:01

Trilogy, ma quali sono le cause reali di questi ribassi?


"Dovremmo aver paura del capitalismo, non delle macchine".
(Stephen Hawking)
flaviomob
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 12704
Iscritto il: 19/06/2008, 19:51

Re: L'Europa rischia il collasso

Messaggioda ranvit il 10/02/2016, 8:31

Il crollo delle borse? La sharing soppianta la old economy


..............
E' in corso un passaggio epocale: il sorpasso della new economy 2.0 sulla old economy. La prima, viaggia alla velocità della luce grazie alla Rete, senza limiti, priva di freni o regolamenti che tengano. La seconda (la nostra), è imbrigliata da una serie di norme europee che di fatto rendono impossibile la spesa per investimenti di ciascun paese dell'Eurozona, costringono le banche a fare pulizia in modo scomposto senza quegli aiuti statali così cruciali negli Usa, inibiscono i governi l'emissione di nuovo debito nonostante il QE della Bce (e per questo sale lo spread). In sostanza, noi europei abbiamo troppe regole per una crescita già anemica, gli americani hanno poche regole che permettono una crescita sostenibile. Noi siamo strangolati dal debito, loro col debito fanno affari. Fino alla prossima tempesta, si intende.
..............
E la ricchezza si crea molto più facilmente se si vive in quella parte di mondo dove non è in vigore il Fiscal Compact, la Federal Reserve stampa denaro e i nuovi Zuckerberg trovano facilmente finanziatori senza aspettare il piano Juncker.
.................
Non si tratta quindi di un rallentamento dell'economia, è solo il suo naturale andamento. D'altronde, da quant'è che Bce e Commissione parlano di uscita dal tunnel e di spiragli di ripresa? Più o meno dal fallimento della Lehman Brothers. Forse si dovrebbe prendere atto che il tunnel è finito da un pezzo ma corriamo su una strada provinciale e non su un'autostrada a otto corsie.


http://www.huffingtonpost.it/roberto-so ... _ref=italy
Il 60% degli italiani si è fatta infinocchiare votando contro il Referendum che pur tra errori vari proponeva un deciso rinnovamento del Paese...continueremo nella palude delle non decisioni, degli intrallazzi, etc etc.
ranvit
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 10669
Iscritto il: 23/05/2008, 15:46

Re: L'Europa rischia il collasso

Messaggioda ranvit il 10/02/2016, 13:37

:D


http://www.ansa.it/sito/notizie/politica/2016/02/10/-renzi-ue-e-come-lorchestra-che-suona-sul-titanic-_045bd241-0337-4f8f-9703-8cc1700588dd.html

Renzi, l'Ue è come l'orchestra che suona sul Titanic
Intervista a Bloomberg, bisogna cambiare approccio burocratico
Il 60% degli italiani si è fatta infinocchiare votando contro il Referendum che pur tra errori vari proponeva un deciso rinnovamento del Paese...continueremo nella palude delle non decisioni, degli intrallazzi, etc etc.
ranvit
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 10669
Iscritto il: 23/05/2008, 15:46

Re: L'Europa rischia il collasso

Messaggioda flaviomob il 11/02/2016, 7:59

Ranvit, Renzi ha citato il Titanic, usando quasi le stesse identiche parole di... Varoufakis!
Ti dice niente?
:)
http://www.huffingtonpost.it/2016/02/10 ... a-politica

*****
Prodi sull'Huffington:

"Bisogna far presto, si deve riunire in tempi rapidissimi un tavolo internazionale su temi economici e politici. I drammi non sono i ribassi della borsa ma l'inquietudine generale di tutto il sistema economico". Romano Prodi, una una conversazione con l'Agi, lancia l'allarme sull'economia. "Siamo in emergenza: rallenta la crescita, siamo di fronte alla crisi drammatica di alcuni grandi paesi e si prospettano svalutazioni competitive. Quando tutto è in subbuglio se non si arriva a una riunione di emergenza i rischi sono altissimi".

L'ex presidente non si sbilancia sulla forma di questo incontro "ma si deve fare subito: c'è una eccessiva quantità di variabili che si agitano tutte insieme". E questo ovviamente investe anche il nostro Paese in cui, dopo mesi, lo spread torna a salire: "Accanto a questo mi preoccupa la crescita del debito che, dopo il calo dei miei due governi, vedo pericolosamente aumentare" ha spiegato prodi notando come, ovviamente, tale dato macroeconomico non aiuti l'andamento dei titoli di Stato. Un allarme, quello di Prodi, che non si limita solo alle tensioni economiche ma investe diversi settori e analizza fenomeni globali necessariamente interconnessi, dalle crisi di Siria, Libia e Ucraina, alla emergenza migranti, dal calo del petrolio e delle materie prime alla frenata di Cina e Africa.

Prodi si sofferma a lungo sulla crisi libica. Il nuovo governo, se nascerà, secondo l'ex premier sarà una soluzione parziale e temporanea ed è da escludere l'intervento di terra come opzione per combattere l'Isis in Libia e pacificare un Paese in guerra civile. "Ho fatto già più volte presente le difficoltà enormi che ci sono per questo governo, guidato da Fayez el-Sarraj, proprio perchè la sua autorità sul territorio è molto parziale. Si devono fare i conti con tutta una serie di forze che, se non si siederanno intorno al tavolo, renderanno difficile una soluzione definitiva. Tutti gli osservatori più attenti sperano in un accordo di governo, perchè una tregua è oggi indispensabile, ma nell'analisi profonda sono altrettanto concordi nel dire che sarebbe una soluzione temporanea e parziale.

Molto meglio di una guerra aperta, ma l'accordo ha un'efficacia parziale ed è ancora difficile". Qualcuno ipotizza un ruolo dell'Italia simile a quello ricoperto guidando Unifil in Libano, ma Prodi, che fu ideatore di quell'operazione, mette in guardia dai confronti: "allora ci fu un accordo internazionale, siamo stati richiesti, siamo stati graditi e siamo stati bravi. Ma soprattutto c'era un vuoto che ci hanno chiesto di riempire. In Libia c'è troppo pieno: Unifil può essere difficilmente ripetuta. Se ripetessimo quel modello in Libia, si aprirebbe subito un conflitto, verremmo considerati come nemici cronici. Insomma, è un'azione che non è realistica". Questa analisi vale ovviamente al momento, se invece si desse vita a un governo stabile e tale governo chiedesse l'aiuto di una forza internazionale, il quadro cambierebbe: "Quando si aprono nuove prospettive si valutano. Una volta che ci saranno questi passaggi si rifletterà".

http://www.huffingtonpost.it/2016/02/10 ... 99738.html


"Dovremmo aver paura del capitalismo, non delle macchine".
(Stephen Hawking)
flaviomob
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 12704
Iscritto il: 19/06/2008, 19:51

Re: L'Europa rischia il collasso

Messaggioda ranvit il 11/02/2016, 9:25

http://www.huffingtonpost.it/2016/02/11 ... _ref=italy
.................
Ho grande rispetto per il dibattito che si è creato e sul quale anche l’Italia ha da dire e dice la sua, ma la questione del superministro europeo del Tesoro non è il punto centrale. Oggi il problema dell’economia dell’Unione non è il superministro, ma la direzione. Perché — questa è la tesi del nostro Governo — negli ultimi anni l’Europa ha sbagliato strada. E se vogliamo bene alle istituzioni europee, dobbiamo far sentire la nostra voce: lo facciamo per l’Europa, non per l’Italia. Molto sinteticamente: negli otto anni di presidenza democratica, gli Stati Uniti hanno puntato su crescita, investimenti e innovazione. L’Europa su austerity, moneta, rigore. A livello economico gli Stati Uniti stanno meglio di otto anni fa, l’Europa sta peggio di otto anni fa. Sintesi da titolo di giornale o se preferisce da tweet: Obama ha fatto bene, Barroso no.

..............
Il 60% degli italiani si è fatta infinocchiare votando contro il Referendum che pur tra errori vari proponeva un deciso rinnovamento del Paese...continueremo nella palude delle non decisioni, degli intrallazzi, etc etc.
ranvit
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 10669
Iscritto il: 23/05/2008, 15:46

Re: L'Europa rischia il collasso

Messaggioda franz il 11/02/2016, 10:58

ranvit ha scritto:Molto sinteticamente: negli otto anni di presidenza democratica, gli Stati Uniti hanno puntato su crescita, investimenti e innovazione. L’Europa su austerity, moneta, rigore. A livello economico gli Stati Uniti stanno meglio di otto anni fa, l’Europa sta peggio di otto anni fa. Sintesi da titolo di giornale o se preferisce da tweet: Obama ha fatto bene, Barroso no.

Altrettanto sinteticamente basta osservare il grafico della spesa pubblica USA / UE / Euro area per capire che quell'articolo (ed il discorso di Renzi) è una solenne presa in giro. In realtà l'amministrazione americana è stata molto piu' rigorosa nel controllo della spesa pubblica di quanto sia stato fatto in Europa. In media, dato che alcuni paesi europei hanno ridotto la spesa ma altri (indovinate chi?) per nulla.

http://www.google.com/publicdata/explor ... &ind=false

Sempre ad onor di sintesi osserviamo anche la pressione fiscale e magari qualcuno capisce perché gli americani stanno meglio e possono investire in innovazione e ricerca, dato che il governo non li rapina di un buon 15% di PIL (tanto è il differenziale tra USA e UE). Un 15% di PIL che rimane nelle tasche degli americani, che possono usare per i consumi interni, gli investimenti, la ricerca.

http://www.google.com/publicdata/explor ... &ind=false

Ora con un colpo di bacchetta magica facciamo apparire l'Italia nel grafico .... e Matteo Renzi credo che, malgrado i buoni propositi e l'assenza di aletrnative, sia da classificare come il piu' gran pallonaro dopo Silvio Berlusconi.

http://www.google.com/publicdata/explor ... &ind=false
Roma ai romani
Anzio agli anziani
(graffito)
Avatar utente
franz
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 20947
Iscritto il: 17/05/2008, 14:58

Re: L'Europa rischia il collasso

Messaggioda trilogy il 11/02/2016, 12:21

ranvit ha scritto:Il crollo delle borse? La sharing soppianta la old economy
..............
E' in corso un passaggio epocale: il sorpasso della new economy 2.0 sulla old economy. La prima, viaggia alla velocità della luce grazie alla Rete, senza limiti, priva di freni o regolamenti che tengano.
http://www.huffingtonpost.it/roberto-so ... _ref=italy


Una spiegazione "suggestiva" ma il crollo in atto è probabilmente legato a questioni interne al mercato finanziario.
Ci sono grandi operatori, in particolare i fondi sovrani dei paesi petroliferi che hanno un disperato bisogno di liquidità e stanno vendendo tutto quello che possono. A questi si accodano gestori e trader grandi e piccoli che provocano degli scivoloni da paura, soprattutto in mercati piccoli come quello italiano.
Chiunque ha tentato di creare uno Stato perfetto, un paradiso in terra, ha in realtà realizzato un inferno. Popper
Avatar utente
trilogy
Redattore
Redattore
 
Messaggi: 4253
Iscritto il: 23/05/2008, 22:58

PrecedenteProssimo

Torna a Temi caldi nel mondo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite