La Comunità per L'Ulivo, per tutto L'Ulivo dal 1995
FAIL (the browser should render some flash content, not this).

se Tsipras vince le elezioni

Discussioni su quanto avviene su questo piccolo-grande pianeta. Temi della guerra e della pace, dell'ambiente e dell'economia globale.

le 4 lezioni del caso Grecia

Messaggioda franz il 01/01/2015, 13:39

No a Syriza: le 4 lezioni del caso Grecia (che è un dramma vero)

di Oscar Giannino, su LeoniBlog http://www.leoniblog.it/2014/12/30/perc ... amma-vero/

Con la Grecia era cominciata l’eurocrisi 5 anni fa, e rieccoci. Malgrado sia stata salvata a colpi di centinaia di miliardi, la cura imposta da Fmi, Ue e BCE ha fatto saltare ad Atene governi dopo governi. Ha ristretto al lumicino i partiti che li hanno sostenuti. Ha fatto crescere sofferenza sociale e protesta. Con un 26% di PIL perso, un milione di occupati in meno dei 4,6 milioni del 2007, il 27% di disoccupati, emigrati che hanno superano il mezzo milione l’anno su una popolazione di poco superiore a 11 milioni. Cifre tragiche. Intollerabili e bisogna voltar pagina con una spallata finale, dicono in tanti non solo ad Atene.

In realtà, il caso greco ha 4 lezioni
. La prima è che è vano continuare a dare aiuti su aiuti se non si rimediano negli anni i problemi veri. La seconda è che “le vittime” hanno più volte disinvoltamente tirato la corda, e bisogna ricordarsi che assecondarli sempre diventa un azzardo che non vale il costo. La terza è che il problema della sostenibilità reale di debiti ingenti equando è sparito un quarto del Pil esiste, ed è un errore confonderla con la mera sostenibilità finanziaria che “compra” tempo. La quarta è che questa volta l’euroarea non è nuda esposta alla tempesta come nel 2010, ma forse neanche così dotata di armi efficaci a gestire il guaio greco come quasi tutti i commentatori oggi scrivono.

I fatti. Fino a un mese fa tutto sembrava gestibile, dal punto di vista finanziario. Dal secondo trimestre 2014 la Grecia non è più in recessione. Grazie ai poderosi tagli nel settore pubblico, l’avanzo primario sul Pil è superiore al 2%, migliore di quello italiano. La Grecia è tornata in aprile, per la prima volta dal 2009, a emettere sui mercati un titolo pubblico di 5 miliardi di euro. Ma le riforme, i tagli e le privatizzazioni dovevano continuare, tra proteste che da 2 anni e mezzo sono crescenti. Non poteva durare il governo attuale di minoranza, guidato dal leader di Nea Demokratia di centrodestra Antonis Samaras, con l’appoggio esterno del Pasok socialista e di Dimar di sinistra riformista, più volte andato sotto dopo i parlamentari del Pasok uscivano dal partito sotto la pressione delle piazze. Per questo Samaras, d’accordo con la Commissione Juncker e la Merkel, ha tentato un colpo di forza. Ottenuta la prosecuzione dell’ombrello della Trojika per i soli primi 2 mesi del 2015, ha convocato a sorpresa le elezioni del nuovo capo dello Stato, per estendere la sua maggioranza da 155 membri ai 180 necessari per eleggerlo. Altrimenti sarebbe stato scioglimento del parlamento ed elezioni anticipate. Con il rischio concreto di riaprire l’eurocrisi, visto chi è in vantaggio nei sondaggi. Samaras ha perso, e il 25 gennaio ad Atene si vota per l’ennesima volta. Nei sondaggi, oltre il 50% dei voti va a chi non ne può più dell’euro, sia pure divisi tra destra e sinistra.

Gli aiuti alla Grecia. Tra gennaio 2010, quando fu ufficiale che il deficit annuale greco non era del 3,7% come dichiarato ma del 13%, e marzo 2012, Atene è stata beneficiaria di ben 4 diversi pacchetti di sostegno comuni, tra Ue e Fmi, per oltre 150 miliardi di euro, anzi oltre 200 se sommiamo tutte le linee di credito concesse. Ed è passata per due default del suo debito pubblico nel 2010 e 2011, non onorando i pagamenti dei suoi titoli in scadenza, riacquistati da chi è corso in aiuto, e tosando i privati sommando i due interventi del 75% del valore. A fine 2011, di fronte a una nuova ipotesi di abbattimento del 50% del debito pubblico greco, l’allora premier socialista Papandreou forzò la mano, annunciano un referendum popolare che sarebbe stato sicuramente perso per l’euro. L’Europa imbestialita lo fece dimettere, e a un governo tecnico vennero concessi altri pacchi di miliardi di euro di linee di credito in cambio di riforme vere. Governo travolto dopo 5 mesi. C’erano già tutte le premesse per la crisi che travolge oggi Samaras.

Gli squilibri persistenti. Solo grazie alle 2 ristrutturazioni già avvenute il debito pubblico greco è attualmente al 177% del PIL. Nel senso che già nel 2011 era salito al 170% e oggi, con un PIl ridotto del 27%, sarebbe al 250% e oltre, se non si fosse intervenuti in aiuto. Ma la sua sostenibilità resta un problma. Nel 2015 non sono previste emissioni pubbliche sul mercato – per questo ieri il FMI ha detto che a questo punto si tratterà solo con nuovo governo dopo il 25 gennaio – ma 17 miliardi di titoli scadono comunque nel 2015, 7 nel 2016, 7 nel 2017. Senza sostegno della Trojka, per la Grecia significa tornare a deficit insostenibili per la sua economia reale in ginocchio.

Gli aiuti su cui si trattava. Prima di rischiare e perdere, Samaras pare stesse trattando con Ue, Bce e FMI una nuova linea di credito biennale, per 21 miliardi di euro divisa a metà tra le due rive dell’Atlantico. Poiché non avrebbe comunque intaccato la montagna di debito pubblico, pare anche che Samaras avesse aggiunto la richiesta di estendere di 20 anni la durata di tutti i titoli pubblici in mano europea senza aggravi d’interesse, equivalente a cancellare per circa 50 miliardi un sesto del debito greco attuale. Non ottenuto il via libera, Samaras ha tentato la forzatura. E ha perso. E’ questa comunque la pista che l’Europa si riserva di riaprire, se dopo il 25 gennaio ad Atene ci sarà un governo che chiede il ripudio del debito. Personalmente, sono meno ottimista dei più, sul fatto che funzionerebbe.

I nuovi partiti. Dopo il successo alle ultime europee con il 26% dei voti, la formazione oggi con oltre il 32% nei sondaggi è la sinistra antagonista di Syriza, che ha asciugato il Pasok ridotto a un 5%. Syriza e il suo leader Alexis Tsipras potrebbero crescere ancora. Il quesito è se sommata ai comunisti del KKE, alla sinistra estrema di Potami e a Dimar riuscirà a mettere insieme una maggioranza, visto che attualmente le tre formazioni insieme a stento arrivano al 9%. Dall’altra parte c’è Nea Demokratia che sembra reggere al 30%, i fascisti no euro di Alba Dorata oltre il 6%, la destra costituzionale del partito indipendente sul 5%. Di sicuro, i voti anti austerità e del no all’eurorigore sono in stragrande maggioranza: ma le estreme di destra e sinistra dovrebbero aggiungere i propri voti in parlamento.

La richiesta: il terzo default. Il programma di Syriza è netto: un terzo, massiccio default assistito della Grecia in 4 anni. Grazie alle due ristrutturazioni avvenute, attualmente dei 319 miliardi di debito pubblico greco solo 56 sono sul mercato in mano a privati, ben 205 sono detenuti da governi dell’euroarea, 27 miliardi dalla BCE, e 31 dal FMI. In altre parole questa volta il ripudio del debito non colpisce i mercati, ma gli Stati. E Syriza infatti nel suo programma la residua quota di debito in mani private e del FMI non la tocca, mentre chiede l’abbattimento ulteriore del 50% dei 232 miliardi detenuti da governi dell’euroarea e BCE. E che in più la BCE compri per 60 anni debito greco a interesse zero. Gli economisti che hanno elaborato il piano, George Stathakis e John Milios, sanno che è una provocazione. Ma pensano sia l’unico modo per far saltare l’eurorigore incentrato sul veto della Germania. Se dicono no, i tedeschi costringono la Grecia fuori dall’euro. Ma spalancano così la porta ad altri, a cominciare dall’Italia. Syriza ha già annunciato lo stop a privatizzazioni e ai tagli pubblici, il ripristino delle assunzioni di Stato e delle tredicesime e pensioni saltate. Merril Lynch stima gli effetti in 28 miliardi di deficit in 2 anni, più 17 miliardi di oneri finanziari: cifre da capogiro per un Pil greco 8 volte inferiore a quello italiano.

Il mercato non ci crede. Finora i mercati non credono allo tsunami. Lo spread italiano è risalito ieri a 145 punti, 30 punti più di quello spagnolo, ma stamane scende di 10 punti. Molti analisti ritengono che o Syriza non ce la farà, oppure Europa e Germania tratteranno con Tsipras duramente, e alla fine si troverà una soluzione intermedia tra il tutto e il niente. Alla fine, anche il 50% del debito greco è solo un modesto 1% del Pil europeo. A me questo ottimismo appare troppo scontato. Certo, l’ammontare di cui si parla per una qualunque assistenza ai greci, anche nell’ipotesi più grave, è copribile con la dotazione potenziale dell’ESM. Ma ricordianmoci che l’ESM non è il vecchio EFSF, è gestito dai ministri dell’euroarea. Se i greci davvero dovessero chiedere che a rimetterci siano tutti i paesi membri per il loro terzo default in 4 anni, non vedo la corsa di Padoan e dei suoi colleghi a dar ragione a Tsipras. Ripeto: a rimetterci sarebbero tutti, come abbiamo visto, mica solo i tedeschi copme ripetono i propagandisti. Al contrario, la Germania potrebbe benissimo dire ai greci “accomodatevi fuori, non è certo la svalutazione del vostro modestissimo export a preoccuparci sui mercati”.

In Italia. I tifosi di Syriza da noi sono tanti, anche qui a destra come a sinistra. Di ristrutturazione del debito anche italiano parlano economisti di sinistra come Lucrezia Reichlin e moderati come Paolo Savona o Gustavo Piga. Dalla Lega a Fratelli d’Italia a una bella fetta di Pd passando per un bel po’ di Forza Italia, oltre a SEL e alla Cgil, Syriza da noi ha più tifosi della Juventus. L’Europa politica ha sbagliato molto, a usare male il tempo regalatole dalla Bce di Mario Draghi. Dacché a molti sembrava un bel passo avanti la decisione annunciata a maggioranza dalla BCE di comprare presto titoli pubblici, entro un mese all’Europa potrebbe esser chiesto di perdere 100 miliardi abbuonandoli ai greci. Per che cosa? Dopo averli messi i ginocchio, per farli tornare al loro scassato settore pubblico, il peggiore d’Europa da decenni, nuovamente indicato come salvezza da politici demagoghi. Se non sono errori questi, difficile capire che cosa significhi la parola.
Roma ai romani
Anzio agli anziani
(graffito)
Avatar utente
franz
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 20955
Iscritto il: 17/05/2008, 14:58

Re: se Tsipras vince le elezioni

Messaggioda pianogrande il 01/01/2015, 23:49

E allora?

Allora, Grecia fuori dall'Euro e prima o poi se non si cambia decisamente, Italia fuori dall'Euro.

Ma non fuori sdegnosamente e in nome della "sovranità nazionale" ma bensì fuori a calci nel culo e arrangiatevi visto che siete capaci solo di far danno.

Dopo, ce lo spiega Salvini come cavarcela in una economia esposta ai quattro venti e con una moneta che rischia di non valere la carta su cui è stampata.

Dopo, vorrò vedere per chi voteranno le badanti italiane che partiranno per la Polonia.

W la sovranità nazionale.

W il debito elastico e i creditori rincojoniti che continuano a finanziarlo.
Fotti il sistema. Studia.
pianogrande
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 9762
Iscritto il: 23/05/2008, 23:52

Re: se Tsipras vince le elezioni

Messaggioda franz il 02/01/2015, 10:50

pianogrande ha scritto:E allora?

Allora, Grecia fuori dall'Euro e prima o poi se non si cambia decisamente, Italia fuori dall'Euro.

Dovrebbe essere anche abbastanza chiaro che fuori dall'Euro significa oggettivamente anche fuori dalla UE.
Il che son cavoli amari, per usare un eufemismo.

Ma mi preme di piu' chiarire un altro aspetto del testo di Giannino (che pur senza lauree dimostra di di conoscere le cose e di ragionare bene).
I tifosi di Syriza da noi sono tanti, anche qui a destra come a sinistra. Di ristrutturazione del debito anche italiano parlano economisti di sinistra come Lucrezia Reichlin e moderati come Paolo Savona o Gustavo Piga. Dalla Lega a Fratelli d’Italia a una bella fetta di Pd passando per un bel po’ di Forza Italia, oltre a SEL e alla Cgil, Syriza da noi ha più tifosi della Juventus.

Come mai abbondano i tifosi di Syriza (anche in questo forum)?
Perché contano che la pressione di Syriza, Podemos e del Fronte Nazionale di Le Pen, possano indurre maggiore flessibilità per l'Italia. Insomma fa niente se poi i greci finiscono nella σκατά, l'importante è che questo sia utile per continuare a fare le cicale per un tempo piu' lungo.
Roma ai romani
Anzio agli anziani
(graffito)
Avatar utente
franz
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 20955
Iscritto il: 17/05/2008, 14:58

Re: se Tsipras vince le elezioni

Messaggioda mauri il 04/01/2015, 20:54

io tifo si syriza, non è la ns sinistrasinistra come dice ranvit, gli auguro di vincere e risolvere i loro problemi e diventare un esempio da seguire anche per noi, difficile ma non impossibile visto che noi italiani siamo diversi dai greci che attualmente sono cambiati ulteriormente colpa l'esperienza tragica vissuta in questi ultimi anni
per quanto tiguarda podemos...podevamos visto la figura meschina del loro lider arranfino, la lepen ci lascerà lo zampino come il nulla facente salvini e l'europa continuerà ad essere unita, sono solo 10 anni che è nata in concreto deve crescere e ci vuole tempo errori ci saranno ma si va avanti spero per una europa federata
ciao mauri
mauri
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 1835
Iscritto il: 16/06/2008, 10:57

“Merkel pronta a accettare l’uscita di Atene da euro”

Messaggioda franz il 04/01/2015, 21:15

“Merkel pronta a accettare l’uscita di Atene da euro”

Secondo il settimanale tedesco la Cancelliera ha cambiato posizione perché ritiene che il rischio di contagio sul resto dell'Eurozona si sia molto attenuato. Il 25 gennaio la Grecia va a elezioni anticipate e il grande favorito è Alexis Tsipras, che vuol chiedere alla troika una rinegoziazione del memorandum

La Germania ha cambiato posizione riguardo alla possibile uscita della Grecia dall’euro. Ed è pronta ad accettarla, perché non teme più il rischio di un contagio ad altri Paesi dell’eurozona. A scriverlo è il settimanale tedesco Der Spiegel, che cita fonti del governo di Berlino secondo cui la cancelliera Angela Merkel e il ministro delle Finanze Wolfgang Schaeuble considerano ormai accettabile quella che in gergo è nota come ‘Grexit’, cioè appunto l’uscita (exit) di Atene dalla moneta unica. Questo proprio mentre la Ue aspetta con il fiato sospeso l’esito delle elezioni anticipate del 25 gennaio, indette dopo che il Parlamento ateniese non è riuscito ad eleggere entro la terza votazione il nuovo presidente della Repubblica. Come è noto, il candidato favorito è Alexis Tsipras, le cui prese di posizione in favore della richiesta di uno “sconto” sul debito e di una rinegoziazione delle ricette di austerità imposte dalla troika spaventano i mercati.

Lo Spiegel sostiene che Merkel ha rivisto le sue convinzioni sulla base dei progressi fatti dalla zona euro rispetto alla fase più acuta della crisi nel 2012 e i rischi limitati per Paesi come Portogallo e Irlanda, che hanno dovuto ricorrere agli aiuti di Fmi e Ue ma ora hanno di nuovo accesso al mercato dei capitali. Tanto più che nel frattempo sono entrati in funzione il Meccanismo europeo di risoluzione delle crisi bancarie e la vigilanza unica sugli istituti di credito. Ma non sembra un caso se queste indiscrezioni arrivano il giorno dopo l’intervista rilasciata da Mario Draghi a un altro giornale tedesco, l’Handelsblatt, a cui il presidente della Bce ha ripetuto che l’Eurotower si sta “preparando per modificare l’ampiezza, il ritmo e le caratteristiche dei mezzi a cui ricorrere qualora fosse necessario per rispondere ad un periodo di bassa inflazione eccessivamente prolungato”. Parole interpretate come un’apertura all’attesa operazione di acquisto di titoli di Stato (in gergo quantitative easing) che dovrebbe rilanciare la crescita dell’Eurozona, proprio mentre, appunto, qualcuno ne prefigura la almeno parziale disgregazione.

Né la Cancelleria né il ministero del “falco” Schaeuble hanno voluto commentare l’articolo dello Spiegel. Un portavoce del ministero ha rimandato alle dichiarazioni rilasciate nei giorni scorsi dal titolare delle Finanze, che ha esortato Atene a non abbandonare la politica di riforme. Ma “se la Grecia intraprendesse un altro percorso – aveva detto Schaeuble – sarebbe difficile. Le elezioni non cambiano gli accordi raggiunti con il governo greco. Ogni nuovo governo dovrà rispettare gli accordi raggiunti da quello precedente”.

Sempre domenica un’inchiesta del Frankfurter Allgeimeine Zeitung basata su un report della troika ha messo in luce che Atene paga sul proprio debito interessi inferiori a quelli riconosciuti dalla Germania: il 2,4% contro il 2,7 per cento. Merito, secondo il quotidiano, delle condizioni “molto favorevoli” dei prestiti internazionali. Un dato che non mancherà di scatenare polemiche in un Paese che tende a non essere tenero nei confronti di chi fa pagare ai partner dell’Eurozona il prezzo della propria gestione “allegra” dei conti pubblici. Non per niente, nell’intervista data in dicembre a Repubblica, il presidente della Bundesbank Jens Weidmann ha ricordato che “nei Paesi che concedono crediti c’è il timore di venire imbrogliati e di dover pagare i costi di decisioni altrui”.



Nota del redattore: c'è da aggiungere che l'uscita della grecia dall'euro (che sarebbe una catatrofe per la Grecia) oggi non innescherebbe piu' l'effetto domino che si temeva anni fa, proprio perché le altre tessere dei PIGS hanno fatto passi avanti nel consolidamento, nella ripresa e nella stabilità. Italia compresa, anche se è l'unica a non crescere. Inoltre è anche vero che il disastro greco farebbe sparire ad altri la tentazione di seguire la stessa strada.
Roma ai romani
Anzio agli anziani
(graffito)
Avatar utente
franz
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 20955
Iscritto il: 17/05/2008, 14:58

Re: se Tsipras vince le elezioni

Messaggioda trilogy il 05/01/2015, 11:30

Mah? per ora l'unico dato visibile è che l'euro contro il dollaro è sceso ai minimi da 9 anni fino a 1,1864, livello più basso dal marzo 2006. In parte è dovuto alle parole di Draghi sul possibile massiccio acquisto di titoli pubblici, in parte alla Grecia.
In quanto al possibile contagio per l'Italia, per ora lo spread BTP/BUND viaggia sui 127 punti, quindi tranquillo.
In pratica le parole di Draghi rendono troppo rischiosa la speculazione sul debito pubblico.
Chiunque ha tentato di creare uno Stato perfetto, un paradiso in terra, ha in realtà realizzato un inferno. Popper
Avatar utente
trilogy
Redattore
Redattore
 
Messaggi: 4255
Iscritto il: 23/05/2008, 22:58

Re: se Tsipras vince le elezioni

Messaggioda franz il 05/01/2015, 15:18

trilogy ha scritto:Mah? per ora l'unico dato visibile è che l'euro contro il dollaro è sceso ai minimi da 9 anni fino a 1,1864, livello più basso dal marzo 2006. In parte è dovuto alle parole di Draghi sul possibile massiccio acquisto di titoli pubblici, in parte alla Grecia.

In parte al fatto che la FED ha smesso di stampare dollari a balla e e comprare titoli di debito pubblico
http://www.tradingeconomics.com/united- ... -supply-m0
http://www.assintel.it/sala-stampa-2/ne ... di-titoli/
E naturalmente, sul piano delle aspettative commerciali, c'è anche il problema dello shale boom, che allevia le importazioni petrolifere, soprattutto quelle del greggio piu' caro, e permette agli USA di esportare, anche se per ora solo quantità modeste.
Roma ai romani
Anzio agli anziani
(graffito)
Avatar utente
franz
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 20955
Iscritto il: 17/05/2008, 14:58

Re: se Tsipras vince le elezioni

Messaggioda trilogy il 05/01/2015, 16:20

franz ha scritto:E naturalmente, sul piano delle aspettative commerciali, c'è anche il problema dello shale boom, che allevia le importazioni petrolifere, soprattutto quelle del greggio piu' caro, e permette agli USA di esportare, anche se per ora solo quantità modeste.


Gli USA hanno un sistema di norme che in sostanza vietavano l'esportazione di greggio di produzione nazionale. Solo ora con la produzione di shale oil le stanno lentamente modificando aprendo alla possibilità di esportare.
Chiunque ha tentato di creare uno Stato perfetto, un paradiso in terra, ha in realtà realizzato un inferno. Popper
Avatar utente
trilogy
Redattore
Redattore
 
Messaggi: 4255
Iscritto il: 23/05/2008, 22:58

Precedente

Torna a Temi caldi nel mondo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite