La Comunità per L'Ulivo, per tutto L'Ulivo dal 1995
FAIL (the browser should render some flash content, not this).

Ma la Russia è libera?

Discussioni su quanto avviene su questo piccolo-grande pianeta. Temi della guerra e della pace, dell'ambiente e dell'economia globale.

Ma la Russia è libera?

Messaggioda flaviomob il 30/08/2013, 0:15

Russia Raids Gay People's Homes
Russian gay activist Nikolai Alexeyev's home was among the latest to be raided by prosecutors.
BY Michelle Garcia

The Russian government's new law condemning so-called gay propaganda has now encouraged people to report their LGBT neighbors to local authorities.

A notice allegedly from the government says any person who suspects that a neighbor or tenant disseminates "homosexual propaganda" should contact the police immediately, Gay Star News and O-Blog-Dee-O-Blog-Da report.

"Increase your vigilance when you talk to your neighbors, when you are checking your mail and in elevators," the notice says, according to a translation. "You can easily become a target of homosexual propaganda. There is one step from being homosexual and to start propaganda of homosexualism and molesting decent people."

Russian prosecutors reportedly raided the home of activist and lawyer Nikolai Alexeyev. According to Reuters, officials ransacked Alexeyev's home and removed several pieces of electronic equipment.

"Do you think this is all legal?" Alexeyev said to reporters inside his apartment after the raid. "What if they now start raiding flats every day, for instance?

The raid was spurred by a Russian parliament member who lodged a complaint against Alexeyev.

The Reuters report on the raid below:

http://www.advocate.com/news/world-news ... ples-homes


"Dovremmo aver paura del capitalismo, non delle macchine".
(Stephen Hawking)
flaviomob
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 12704
Iscritto il: 19/06/2008, 19:51

Cajkovskij: "suicidato" perché omosessuale?

Messaggioda flaviomob il 30/08/2013, 12:12

...

Il 16 ottobre (data russa, per cui il 28 ottobre del Calendario gregoriano) 1893 avviene la prima della Pathétique a San Pietroburgo sotto la sua personale direzione che lascia l'uditorio in uno stato di ammirata sorpresa, ma con ampie zone di incomprensione[105]. Il «Requiem per me stesso», la sinfonia con un programma "misterioso"[106] è il proprio testamento spirituale ed artistico.

Soltanto nove giorni dopo il musicista muore. È opinione diffusa che abbia commesso suicidio, anche se il modo e le circostanze sono ancora incerte: si è parlato di colera, contratto bevendo acqua infetta, anche se è più probabile l'avvelenamento da arsenico che produce una sintomatologia pressoché identica a quella del colera. Ma i dubbi circolarono diffusamente ovunque all'indomani della morte. La versione alternativa che si oppose a quella ufficiale (sancita dal biografo e fratello Modest) per colera tramite acqua infetta, è quella di un imposto suicidio tramite veleno autonomamente assunto dal musicista.
La tomba del compositore nel Cimitero Tichvin di San Pietroburgo

Il compositore era entrato in relazione amorosa con il figlio di un certo conte Stenbok-Fermor, il quale oltremodo seccato dalla cosa era intenzionato a denunciarla direttamente allo zar.
Lo scandalo che ne sarebbe derivato (così la musicologa Alexandra Orlova, vedi sezione "P.I.Č. nella letteratura e nel cinema")[107] avrebbe avuto probabilmente drammatiche ripercussioni su Čajkovskij, in particolare e proprio su un personaggio così universalmente noto e simbolico per la Russia (la legge prevedeva la perdita di ogni diritto e l'esilio in Siberia, anche se di fatto questo "delitto" rimaneva sottaciuto e tollerato anche, specie - o perlomeno - in ambienti aristocratici)[108]. Non minor danno (secondo i sostenitori di tale versione) sarebbe ricaduto sulla Scuola di Giurisprudenza e sui suoi ormai famosi ex-allievi, tutti viventi ed altolocati (alcuni amici ed ex-amanti del musicista al vero).
La soluzione più pratica apparve quella di un "giurì" d'onore al quale avrebbero partecipato, presente il compositore, sette alti personaggi. La lettera in cui il conte denunciava Čajkovskij non sarebbe stata trasmessa allo zar, ma il musicista si impegnava ad assumere il veleno, che gli venne recapitato successivamente, onorando tale assurdo impegno, anche proseguendo agli occhi di tutti, in particolare di amici e familiari, la vita d'ogni giorno.

Quando Čajkovskij cominciò a star male la confusione su cosa stesse in realtà succedendo fu generale e i dubbi nacquero immediati. Tra i primi, famosi personaggi stupefatti in proposito, fu Rimskij-Korsakov che scrisse nelle sue Cronache: «Non solo per me, è stata oggetto di meraviglia la constatazione che non venne adottata alcuna precauzione d'ordine sanitario in quei giorni a casa sua, nonostante si dicesse in giro che il colera era stato la causa del decesso. Ricordo bene di aver visto… un insegnante… del Conservatorio, baciare il morto in fronte e sulle guance»[109].
Va aggiunto che numerose persone avevano avuto accesso all'appartamento prima e dopo la morte; per due giorni la salma restò esposta all'omaggio della gente, in casa di Modest: l'appartamento disinfettato e il corpo avvolto in un lenzuolo imbevuto anch'esso di antisettico, mentre un'infermiera disinfettava con una garza il volto trasfigurato (esiste una celebre fotografia), del musicista, sulla quale la folla depose il rituale bacio d'addio[110]. È del resto anche vero che alcune scoperte scientifiche relative al morbo avevano reso le persone molto meno terrorizzate da una in sé remotissima possibilità di contagio.

Le vere cause sono comunque ancora dibattute, come lo furono del resto all'epoca dei fatti, con opposti sostenitori della versione ufficiale di morte per colera e altri del suicidio tramite veleno. Non mancano peraltro "varianti" a queste due ipotesi fondamentali, sulle quali si è sbizzarrita la bibliografia[111]. Se pure fu colera, la discussione si è accesa su attraverso quali "vie" il compositore venne contagiato (acqua, rapporti sessuali, eccetera)[112].
Il musicista in una delle innumerevoli foto-ritratto della maturità. Questa è del 1888, l'anno della Quinta Sinfonia.

Cosa accadde è un mistero verosimilmente destinato a restare tale per sempre[113][114] Il 6 novembre 1993 nel centenario della morte la BBC nel documentario radiofonico dal titolo Pride of Prejudice (vedi sezione "Letteratura e cinema"), trasmesso su BBC Radio 3, interpellò vari esperti che avevano preso parte al confronto sulla questione (tra cui Alexandra Orlova e Alexander Poznansky, oltre a storici russi e medici specialistici): la conclusione pendeva in gran parte per il "giurì d'onore" e l'avvelenamento.

...

http://it.wikipedia.org/wiki/P%C3%ABtr_ ... Cajkovskij


"Dovremmo aver paura del capitalismo, non delle macchine".
(Stephen Hawking)
flaviomob
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 12704
Iscritto il: 19/06/2008, 19:51

Re: Ma la Russia è libera?

Messaggioda cardif il 30/08/2013, 22:50

Non è che recentemente le cose stiano meglio.

"La scia di morti violente di giornalisti inizia nel periodo di governo di Eltsin (1991-1999) e continua sotto il governo Putin (31 dicembre 1999 - 7 maggio 2008)."
L'elenco dei giornalisti è troppo lungo per riportarlo qua. Comunque lo si trova su wikipedia:

http://it.wikipedia.org/wiki/Lista_di_g ... _in_Russia

E' indigesto parlare di libertà in Russia, sia prima della rivoluzione d'ottobre che dopo.
C'era speranza, come in Egitto. Poi succede che il potere logora o corrompe chi ce l'ha.
Ma mo' mi so' capito bene?
cardif
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 1490
Iscritto il: 13/04/2009, 18:29


Torna a Temi caldi nel mondo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 2 ospiti

cron