La Comunità per L'Ulivo, per tutto L'Ulivo dal 1995
FAIL (the browser should render some flash content, not this).

L’inguaribile tara genetica della sinistra

Il futuro del PD si sviluppa se non nega le sue radici.

Re: L’inguaribile tara genetica della sinistra

Messaggioda mariok il 04/10/2017, 18:17

Il superticket per chi è?se è oltre una certa fascia di reddito in genere alta và bene oltre questa fascia ci si può fare l'assicurazione

Ma sì, continuiamo a tartassare sempre i soliti (lavoratori dipendenti e pensionati): oltre a pagare le tasse per tutti, dovranno farsi anche l'assicurazione sanitaria, mentre gli autonomi oltre ad evadere per il 60%, godranno dei servizi pagati dagli altri.
Il paese dove si premiano i furbi e si puniscono i fessi.
Record negativo
Il triste primato dell'Italia: si evadono 111 miliardi l'anno

http://www.rainews.it/dl/rainews/artico ... 39eeb.html

4 ottobre 2017
Centoundici miliardi. Tanto sfugge al fisco annualmente, secondo la commissione governativa sull'economia sommersa. E la lotta all'evasione al momento non sta incidendo più di tanto: nel nostro Paese gli esattori riescono a riscuotere appena l'1,13% del carico fiscale affidatogli. Una percentuale misera se confrontata con il 17,1%, che rappresenta la media Ocse. I numeri Secondo i numeri dell'inchiesta pubblicata da Repubblica, l'evasione fiscale aumenta di anno in anno: 107,6 miliardi nel 2012, 109,7 nel 2013, 111,7 nel 2014. E i dati provvisori del 2015, contenuti nella nota di aggiornamento al Def, non fanno presagire un cambio di rotta. Il calo risulta di 3,9 miliardi e non c'è ancora una valutazione esatta del mancato introito Irpef dei lavoratori dipendenti irregolari: si tornerebbe solamente ai livelli del 2012. Propensione all'evasione La propensione a evadere l'Irpef da parte del lavoro autonomo ha raggiunto nel 2014 il 59,4%. Tradotto: solo quattro euro su dieci delle imposte sul reddito dovute da chi esercita un'attività non dipendente entrano nelle casse pubbliche. E il 55,9 per cento non viene neanche dichiarato. Trenta miliardi e 736 milioni evaporati ogni anno, ma la cosa davvero preoccupante è che in cinque anni l'aumento di questa evasione, dicono i dati della commissione presieduta da Enrico Giovannini, ha superato il 50%.
Problema Iva
A proposito di primati negativi, l'Italia è anche il Paese europeo che detiene il record dell'evasione dell'Iva. Il differenziale fra l'Iva dovuta e quella effettivamente pagata sfiora il 30 per cento e ammonta a più di 40 milardi. L'Italia rappresenta quasi un quarto dell'evasione Iva dell'Unione europea, contro il 15,3 per cento della Francia e il 3,9 per cento della Spagna.
« Dopo aver studiato moltissimo il Corano, la convinzione a cui sono pervenuto è che nel complesso vi siano state nel mondo poche religioni altrettanto letali per l'uomo di quella di Maometto» Alexis de Tocqueville
mariok
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 2878
Iscritto il: 10/06/2008, 16:19

Re: L’inguaribile tara genetica della sinistra

Messaggioda Robyn il 04/10/2017, 18:23

Il ticket elevato non è per chi ha 2900 euro di trattamento previdenziale ma per fasce di reddito alte
Avatar utente
Robyn
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 7620
Iscritto il: 13/10/2008, 9:52

Re: L’inguaribile tara genetica della sinistra

Messaggioda pianogrande il 04/10/2017, 18:46

mariok ha scritto:Il superticket per chi è?se è oltre una certa fascia di reddito in genere alta và bene oltre questa fascia ci si può fare l'assicurazione

Ma sì, continuiamo a tartassare sempre i soliti (lavoratori dipendenti e pensionati): oltre a pagare le tasse per tutti, dovranno farsi anche l'assicurazione sanitaria, mentre gli autonomi oltre ad evadere per il 60%, godranno dei servizi pagati dagli altri.
Il paese dove si premiano i furbi e si puniscono i fessi.
Record negativo
Il triste primato dell'Italia: si evadono 111 miliardi l'anno

http://www.rainews.it/dl/rainews/artico ... 39eeb.html

4 ottobre 2017
Centoundici miliardi. Tanto sfugge al fisco annualmente, secondo la commissione governativa sull'economia sommersa. E la lotta all'evasione al momento non sta incidendo più di tanto: nel nostro Paese gli esattori riescono a riscuotere appena l'1,13% del carico fiscale affidatogli. Una percentuale misera se confrontata con il 17,1%, che rappresenta la media Ocse. I numeri Secondo i numeri dell'inchiesta pubblicata da Repubblica, l'evasione fiscale aumenta di anno in anno: 107,6 miliardi nel 2012, 109,7 nel 2013, 111,7 nel 2014. E i dati provvisori del 2015, contenuti nella nota di aggiornamento al Def, non fanno presagire un cambio di rotta. Il calo risulta di 3,9 miliardi e non c'è ancora una valutazione esatta del mancato introito Irpef dei lavoratori dipendenti irregolari: si tornerebbe solamente ai livelli del 2012. Propensione all'evasione La propensione a evadere l'Irpef da parte del lavoro autonomo ha raggiunto nel 2014 il 59,4%. Tradotto: solo quattro euro su dieci delle imposte sul reddito dovute da chi esercita un'attività non dipendente entrano nelle casse pubbliche. E il 55,9 per cento non viene neanche dichiarato. Trenta miliardi e 736 milioni evaporati ogni anno, ma la cosa davvero preoccupante è che in cinque anni l'aumento di questa evasione, dicono i dati della commissione presieduta da Enrico Giovannini, ha superato il 50%.
Problema Iva
A proposito di primati negativi, l'Italia è anche il Paese europeo che detiene il record dell'evasione dell'Iva. Il differenziale fra l'Iva dovuta e quella effettivamente pagata sfiora il 30 per cento e ammonta a più di 40 milardi. L'Italia rappresenta quasi un quarto dell'evasione Iva dell'Unione europea, contro il 15,3 per cento della Francia e il 3,9 per cento della Spagna.


Siamo il paese dei falsi poveri e dei falsi invalidi.

I sindacati che dovrebbero proteggere i dipendenti e i pensionati (gli unici che pagano le tasse) si sbracciano per proteggere gli evasori fiscali che vanno ad ingrossare le fila dei falsi poveri e che normalmente non hanno la tessera sindacale e votano a destra.

E così i ricchi dipendenti e pensionati non li protegge nessuno; hanno tanti doveri e pochi diritti data appunto la loro condizione di ricchi.

Questi ricchi mantengono anche gli stessi sindacati che non li proteggono affatto.

Chissà se si può chiedere la secessione dal paese che non paga le tasse per formare uno stato dove tutti pagano e mandare a farsi fott... lo stato dove non paga nessuno.
Capitano che hai trovato - principesse in ogni porto - pensi mai al rematore - che sua moglie crede morto (Lucio Dalla)
pianogrande
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 9108
Iscritto il: 23/05/2008, 23:52

Re: L’inguaribile tara genetica della sinistra

Messaggioda Robyn il 04/10/2017, 18:51

purtroppo nessuno ci può fare niente se l'italia non funziona come paese
Avatar utente
Robyn
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 7620
Iscritto il: 13/10/2008, 9:52

Re: L’inguaribile tara genetica della sinistra

Messaggioda Robyn il 04/10/2017, 21:05

L'aumento della spesa ha un effetto combinato.Da un lato con l'assicurazione per le fasce di reddito alte la spesa sanitaria può diminuire,e il welfare costerebbe meno se non ci fosse chi evade,perche evadendo usufruisce delle prestazioni sociali che spesso vengono tolte ai più poveri non c'è solo la mancanza dell'ISEE come parametro di riferimento a cui dare le prestazioni di welfare
Avatar utente
Robyn
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 7620
Iscritto il: 13/10/2008, 9:52

Re: L’inguaribile tara genetica della sinistra

Messaggioda Robyn il 04/10/2017, 22:15

La diminuzione della spesa sanitaria permette anche di eliminare i contributi sanitari per i più ricchi perche o paghi i contributi o ti fai l'assicurazione obbligatoria con la quale usufruire sia della sanità privata che pubblica.Però prima con i contributi bisogna fare qualche investimento nella sanità poi si tolgono.Spesso il keynesismo e il liberismo non si incontrano perche il keynesismo vuole l'universalità il liberismo vuole l'assicurazione sanitaria anche per le fasce disagiate,ma questo non è possibile.La sinistra liberal li fà incontrare.Da un lato la fiscalità generale fino ad una fascia di reddito in genere alta la quale superata bisogna fare l'assicurazione obbligatoria.Per diminuire il costo del lavoro a tempo indeterminato serve la web tax e portare dall'1,4% al 2% la maggiorazione dei contratti a termine
Avatar utente
Robyn
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 7620
Iscritto il: 13/10/2008, 9:52

Re: L’inguaribile tara genetica della sinistra

Messaggioda pianogrande il 05/10/2017, 0:33

Quindi io devo pagare i contributi per curare gratis gli evasori e poi pagarmi l'assicurazione per curarmi io.

Propongo di pagare i contributi più l'assicurazione ma anche le cure in modo da arricchire le assicurazioni senza disturbarle troppo con le mie richieste di assistenza.

I ricchi possono permettersi questo ed altro.

Forse non le ho pensate tutte.

Potrei pagarmi le cure ma non farmi curare ma questo significherebbe che potrei crepare e non pagare più per gli altri.
Capitano che hai trovato - principesse in ogni porto - pensi mai al rematore - che sua moglie crede morto (Lucio Dalla)
pianogrande
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 9108
Iscritto il: 23/05/2008, 23:52

Re: L’inguaribile tara genetica della sinistra

Messaggioda Robyn il 05/10/2017, 2:04

Probabilmente fai un pò di confusione.L'assicurazione è per una fascia di reddito alta.Invece per quel che riguarda i contributi sanitari,e il welfare che finisce in mano agli evasori,bisogna combattere efficacemente l'evasione.L'effetto combinato non è solo quello di sottrarre il welfare a chi ne ha bisogno "senza calcolare l'ISEE"e un'aumento di spesa per welfare,ma gli evasori portano all'aumento della tassazione in generale IVA,IRPEF ,IRES aumento dell'assistenza sociale a carico della fiscalità generale che alla fine grava tutto sul costo del lavoro aumentandolo.L'Italia non funziona come paese ,perche il mancato gettito può essere compensato solo da un'aumento di tassazione per il lavoro subordinato e le aziende che stando correttamente sul mercato subiscono la concorrenza sleale delle aziende e di attività che non le pagano e che non mettono in regola i dipendenti
Avatar utente
Robyn
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 7620
Iscritto il: 13/10/2008, 9:52

Re: L’inguaribile tara genetica della sinistra

Messaggioda pianogrande il 05/10/2017, 7:29

Robyn ha scritto:Probabilmente fai un pò di confusione.L'assicurazione è per una fascia di reddito alta.Invece per quel che riguarda i contributi sanitari,e il welfare che finisce in mano agli evasori,bisogna combattere efficacemente l'evasione.L'effetto combinato non è solo quello di sottrarre il welfare a chi ne ha bisogno "senza calcolare l'ISEE"e un'aumento di spesa per welfare,ma gli evasori portano all'aumento della tassazione in generale IVA,IRPEF ,IRES aumento dell'assistenza sociale a carico della fiscalità generale che alla fine grava tutto sul costo del lavoro aumentandolo.L'Italia non funziona come paese ,perche il mancato gettito può essere compensato solo da un'aumento di tassazione per il lavoro subordinato e le aziende che stando correttamente sul mercato subiscono la concorrenza sleale delle aziende e di attività che non le pagano e che non mettono in regola i dipendenti


Continua a sfuggirti un dettaglio del problema.

Pare che la classe di reddito più "alta" sia quella degli evasori fiscali e che ci sia gente che paga per loro e viene presa anche per il c...o venendo definita ricca.

Se ti ostini a non tenere conto di questa realtà, puoi andare avanti a ragionare ma di un mondo che non esiste.
Capitano che hai trovato - principesse in ogni porto - pensi mai al rematore - che sua moglie crede morto (Lucio Dalla)
pianogrande
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 9108
Iscritto il: 23/05/2008, 23:52

Re: L’inguaribile tara genetica della sinistra

Messaggioda mariok il 05/10/2017, 10:30

Se ti ostini a non tenere conto di questa realtà, puoi andare avanti a ragionare ma di un mondo che non esiste.
Infatti qualunque politica sociale (dal reddito di cittadinanza ad ogni forma di prestazioni basate sul reddito) viene falsata da quel 60% di reddito non dichiarato da chi non viene tassato alla fonte.
Sinceramente non credo possibile, almeno nel breve termine, un significativo ridimensionamento del fenomeno, per una serie di ragioni politiche e culturali che è impossibile ribaltare se non in tempi lunghissimi.
L'unica conseguenza razionale è quella di prendere atto della situazione e rivedere completamente la politica fiscale.
Dal momento che i servizi forniti dallo stato finiscono inevitabilmente con il premiare i disonesti a danno di chi volente o nolente è costretto a pagare per tutti, l'unica soluzione è ridimensionare drasticamente lo stato sociale, ridurre la tassazione di almeno il 50% per tutti (fissando per esempio un'aliquota non superiore al 15%) e mantenere solo alcuni servizi fondamentali come le strade, la sicurezza e pochissimi altri.
Tutto il resto lasciarlo a forme di assicurazione privata, delegando ai servizi sociali ed al volontariato la gestione degli interventi a sostegno di situazioni di reale e verificata povertà, escludendo qualunque tipo di automatismo basato sul reddito fiscale.
Si tratterebbe in pratica di una svolta autenticamente liberista, motivata non dal fatto che sia il sistema in assoluto migliore, ma dalla pragmatica constatazione che rappresenta l'unica via d'uscita possibile in un paese come il nostro che non sarà mai come la Svezia o la Danimarca.
« Dopo aver studiato moltissimo il Corano, la convinzione a cui sono pervenuto è che nel complesso vi siano state nel mondo poche religioni altrettanto letali per l'uomo di quella di Maometto» Alexis de Tocqueville
mariok
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 2878
Iscritto il: 10/06/2008, 16:19

PrecedenteProssimo

Torna a Ulivo e PD: tra radici e futuro

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti