La Comunità per L'Ulivo, per tutto L'Ulivo dal 1995
FAIL (the browser should render some flash content, not this).

Bologna: rinasce l'Ulivo?

Il futuro del PD si sviluppa se non nega le sue radici.

Bologna: rinasce l'Ulivo?

Messaggioda flaviomob il 12/12/2014, 16:13

Civati ha il suo programma ma non il suo partito

All’indomani dello sciopero generale il deputato Dem lancia il suo decalogo per unire la sinistra nel mome dell'Ulivo. Di scissione però ancora non si parla, anche se i vendoliani scommettono che arriverà con l'anno nuovo

di Luca Sappino

12 dicembre 2014


Sempre a Bologna, per evocare il caro vecchio Ulivo. Giuseppe Civati, sabato, alle Scuderie di Piazza Verdi, con la sua associazione “ èpossibile ”, chiama tutti a raccolta, un sacco di gufi, docenti universitari ed economisti, sindacalisti e vendoliani di Sel, per lanciare un «patto repubblicano». Questo è il titolo del manifesto di cui Civati è il primo firmatario, seguito da l’europarlamentare Elly Schlein e dalla senatrice Lucrezia Ricchiuti, dal costituzionalista Andrea Pertici, da Alberto Vannucci e Nadia Urbinati. Tra le prime dieci firme firme c’è anche quella di Silvia Prodi, nipote dell’ex premier Romano, civatiana eletta in Emilia Romagna. Ah, l’Ulivo.

È un decalogo quello che propone Civati. È una sintesi, uno schema che «condensa gli ideali dai quali siamo mossi», scrivono gli organizzatori della kermesse bolognese. Una linea, un programma. C’è la posizione sulla legge elettorale, con il ritorno alla legge Mattarella, con i collegi uninominali, ma «previa selezione delle candidature in base a elezioni primarie regolate per legge». C’è una legge sui partiti. C’è la riforma del bicameralismo, sì, ma con l’elezione diretta dei senatori, tanto per dare un senso alle minacce dei renziani che evocano il voto anticipato ogni volta che qualcuno osa esercitare l'articolo 67 della costituzione (come è successo con il voto degli emendamenti di Sel e della minoranza dem in commissione affari costituzionali alla Camera, che propongono di eliminare i senatori nominati dal presidente della Repubblica, smontando un dettaglio assai poco rilevante del patto del Nazareno). «Il ricattone assomiglia tanto a un bluff», scrive Civati sul suo blog, «e la verità è che a votare ci vuole andare il premier».

Una legge sul conflitto d'interessi, investimenti sulla scuola, sull'ambiente e sul welfare. Diritti civili all inclusive: matrimoni egualitari, fine vita. Legalizzazione delle droghe leggere. Una riforma del lavoro, con il contratto unico, ma unico veramente: «deve essere davvero unico» è scritto nel documento, «per eliminare le attuali forme di precariato e deve consentire il pieno raggiungimento di tutte le garanzie nel giro di non più di tre anni». Sottointeso: «Non come il jobs act». Reddito minimo di cittadinza, pure. Un programma di partito, insomma. Anche se manca il partito. Ancora.

Perché Civati e i suoi si dicono «una sinistra è possibile», ma non si è ancora capito se sarà possibile nel Pd. Di scissione è bene non parlare. I vendoliani sono sicuri che arriverà con l'anno. nuovo, ma per ora è troppo presto, troppo tardi, non si capisce.

«Subito un partito con Sel» diceva il candidato Civati durante le primarie del 2013. Ora Sel è all’opposizione del Pd, sempre più distante e in rotta con il premier Matteo Renzi. Il capogruppo alla camera di Sel, Arturo Scotto, ha firmato il patto. Ma Civati è ancora nel Pd. Sfila allo sciopero dei sindacati, contro il governo, e dice: «Altro che scissione: la mossa vera è unire la sinistra, divisa e spaesata». A Bologna vuole farlo «con tutti coloro che si interrogano e che chiedono qualcosa di più e di diverso». Di diverso dal Pd che sta al governo, si può immaginare. «Farlo con tutto ciò che di sinistra e di moderno c'è un Europa, da Podemos a Tsipras, ai verdi, ai socialisti, alla fine di un semestre europeo non proprio irresistibile».

Espresso


"Dovremmo aver paura del capitalismo, non delle macchine".
(Stephen Hawking)
flaviomob
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 12704
Iscritto il: 19/06/2008, 19:51

Re: Bologna: rinasce l'Ulivo?

Messaggioda ranvit il 12/12/2014, 16:45

Bene legge Mattarella, bene contratto veramente unico, bene pure il reddito di cittadinanza, ma....come uscire dalle secche economiche?????????????????????????????????????????' :roll:
Il 60% degli italiani si è fatta infinocchiare votando contro il Referendum che pur tra errori vari proponeva un deciso rinnovamento del Paese...continueremo nella palude delle non decisioni, degli intrallazzi, etc etc.
ranvit
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 10669
Iscritto il: 23/05/2008, 15:46

Re: Bologna: rinasce l'Ulivo?

Messaggioda pianogrande il 12/12/2014, 17:13

Oggi è il giorno dei ripetenti.

Ma qualcosa di nuovo noo?

Con tutto l'affetto per questo forum a cui partecipo con mucho gusto potrei riproporre dal Sacro Romano Impero alla Lega dei comuni socialisti ma solo in un ambito di rievocazione storica.

Cosa vogliamo?
Un panorama politico che assomigli alle pittoresche automobili che circolano a Cuba?
Fotti il sistema. Studia.
pianogrande
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 9898
Iscritto il: 23/05/2008, 23:52

Re: Bologna: rinasce l'Ulivo?

Messaggioda franz il 15/12/2014, 8:27

Cosa c'entra L'ulivo con l'unire la sinistra (a sinistra del PD, per giunta)?
Be careful when you follow the masses;
Sometimes the M is silent.
Avatar utente
franz
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 21161
Iscritto il: 17/05/2008, 14:58

Re: Bologna: rinasce l'Ulivo?

Messaggioda flaviomob il 21/12/2014, 0:49

Quirinale, la proposta di Vendola: "Se il Pd vuole, Prodi presidente alla quarta votazione"

Il leader di Sel lancia la sua proposta per il Colle. Poi attacca il premier su legge di stabilità e Italicum. E guarda ancora a Civati: "Non è Godot, ma si sta aprendo una crepa vera in quel mondo"

http://www.repubblica.it/politica/2014/ ... 103382505/


"Dovremmo aver paura del capitalismo, non delle macchine".
(Stephen Hawking)
flaviomob
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 12704
Iscritto il: 19/06/2008, 19:51

Re: Bologna: rinasce l'Ulivo?

Messaggioda pianogrande il 21/12/2014, 2:13

Peccato che Vendola svilisca una proposta apprezzabile come Prodi al Quirinale (cosa di cui sarei entusiasta anche dato il panorama davvero avvilente della nostra classe politica) per uno dei tanti attacchi a Renzi e delle tante dichiarazioni di appoggio agli scissionisti del PD.

In questo modo, fa un dispetto a Renzi e, sopratutto, un dispetto a Prodi.

Come se non glie ne avessero fatti abbastanza per mettercisi pure Vendola, tra l'altro per una banale e perfino noiosa strumetalizzazione.
Fotti il sistema. Studia.
pianogrande
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 9898
Iscritto il: 23/05/2008, 23:52


Torna a Ulivo e PD: tra radici e futuro

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti