La Comunità per L'Ulivo, per tutto L'Ulivo dal 1995
FAIL (the browser should render some flash content, not this).

Matteo Renzi, ecco perché i compagni lo detestano

Il futuro del PD si sviluppa se non nega le sue radici.

Matteo Renzi, ecco perché i compagni lo detestano

Messaggioda franz il 27/12/2019, 9:35

Matteo Renzi, ecco perché i compagni e la sinistra lo detestano

25 Dicembre 2019

C' è qualcosa che corrode all'interno della sinistra italiana, che la agita e dissolve fin dalla sua nascita ed è il rifiuto del riformismo democratico, che risorge ogni volta che essa sembra sul punto di approdare definitivamente alla tolleranza, una sorta di richiamo della foresta che sempre la allontana dalla democrazia liberale nell'ultimo tratto, quando pare che vi stia finalmente per approdare.

Prima i socialisti rivoluzionari e i massimalisti, poi i bolscevichi e i comunisti, poi ancora i gruppettari e i maoisti e oggi i giustizialisti insieme a fondamentalisti verdi e terzomondisti, c' è sempre qualcuno nella sinistra, che, alla domanda se si debbano e possano rispettare gli avversari, risponde in teoria sì, però sia chiaro mica tutti. E coloro che invece, sempre nel corpo della sinistra, aderiscono compiutamente alla democrazia e ai suoi valori, vengono isolati e attaccati.

Bissolati e Bonomi, Turati e Saragat, Pacciardi e Craxi, sono esempi classici di uomini politici emarginati, quando non violentemente esclusi (e in un paio di casi fu il giovane Mussolini socialista a compiere l' impresa) e oggi l' opera sembra continuare con Matteo Renzi.

L'uomo non è certo simpatico, è un po' bullo e un po' Pierino, sembra quasi che alla domanda classica di Totò "siamo uomini o caporali" risponda con entusiasmo caporale di giornata, è accentratore (ne sa qualcosa Calenda) però non è comunista, non lo è mai stato. È certo troppo sbrigativo e impulsivo e la sua riforma costituzionale era uno sbrego, ma io non ce lo vedo Renzi (spero di non sbagliare) a scassare l' economia di mercato o a fare nuove leggi liberticide contro i reati d' opinione e temo che sia proprio per quello che a sinistra lo rifiutino e stiano tentando di distruggerlo. In tutti i modi.

UN PIERINO CAPORALE
La sinistra, anche quella di oggi, lo fa ancora e spesso, almeno quella parte della sinistra che sente come lacerazione impossibile a sopportarsi la separazione dal mito dell' egualitarismo totalitario, per quanti lutti esso possa aver provocato nella storia. Nel caso di Renzi conta certo anche la banale cronaca politica, la concorrenza, il potere, le ostilità personali, ma è difficile sfuggire alla sensazione che al fondo della vera e propria aggressione che mi pare stia subendo, non vi sia la sua emarginazione in quanto "diverso", diverso da una lunga tradizione comunista settaria, che può accettare di essere messa in soffitta, ma non contraddetta.

È un problema che sembra tornato d' attualità. Come si spiegano altrimenti le rispolverate tirate antifasciste, che quando erano dirette contro Pella, Scelba o Tambroni erano certo totalmente ingiustificate, ma almeno avvenivano ad una relativa breve distanza dalla fine del fenomeno, mentre oggi hanno un che di surreale, un po' come richiamare Erode o Attila a testimonial dell' attualità politica. Il nemico della democrazia si definisce con concetti generali: dittatura, totalitarismo o altro, ma non con un nome storico come fascismo, perché è come strizzare l' occhio e dire che per altre dittature, da quelle comuniste a quella religiose, il discorso può essere diverso, oppure, per contrasto, che la bonifica delle paludi o l' enciclopedia Treccani, furono negative perché "fasciste".

IL VECCHIO CHE RITORNA
Le Sardine, in questo senso, non sono un fenomeno nuovo, sembrano - e in effetti credo siano - solo il vecchio che ritorna, anche se, come spesso accade nella storia, rappresentano probabilmente non la possibilità di ripetere una vera tragedia, ma solo una farsa. Si capisce però facilmente, come Renzi e i suoi c' entrino poco con sardine, grilli, centri sociali, vecchi sindacalisti, attivisti anti-tav, spegnitori d' altiforni e procuratori d' assalto. I renziani vorrebbero imitare le sinistre di tradizione anglosassone e, anche se questo non è certo un gran pregio, perché il politically correct non è proprio un modello di tolleranza o di democrazia liberale, tuttavia rispetto ai redivivi trinariciuti italiani di guareschiana memoria (chiamiamoli Threenostrilled, per dare anche a loro un tocco di modernità progressista) beh, sono altro e, anche se col cavolo che possono sperare di travestirsi da moderati di centro-destra, questo basta e avanza per farli odiare a sinistra.

Non avrei mai pensato di scrivere qualcosa in larvata difesa di Renzi, eppure c' è qualcosa negli attacchi che subisce che non mi convince per niente e allora ecco queste brevi note, ma smetto subito perché preoccupato da questo mio subitaneo attacco di buonismo.

di Giuseppe Basini
https://www.liberoquotidiano.it/news/po ... -viva.html


PS: a quanto pare il sommo giornalaio non aveva niente di meglio da fare il giorno di Natale ma qualche cosa di vero c'è.
Tutto sommato se in Italia stenta ad affermasi una sinistra alla Blair o alla Schröder, un motivo ci sarà.
Per me è anche dovuto alla mancanza di materia prima. Renzi non ha nulla a che vedere con la levatura dei due citati sopra. Per imboccare la terza via serve qualcuno che guidi tutti per mano e per ora non si vede all'orizzonte.
Il comportamento più adeguato per un essere umano è quello di sentirsi fortunato di essere vivo, umile di fronte all'immensità del tutto. Magari facendosi una birra.
Karry Mullis, Biochimico, Nobel per la Chimica 1993, (28/12/1944 – 07/08/2019)
Avatar utente
franz
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 21112
Iscritto il: 17/05/2008, 14:58

Re: Matteo Renzi, ecco perché i compagni lo detestano

Messaggioda pianogrande il 27/12/2019, 11:52

Non basta essere diversi o nuovi.
Bisogna anche essere capaci.
Renzi, che ho sostenuto finché destava in me delle speranze, si è dimostrato un incapace/limitatissimo e ora un opportunista che si smarca continuamente per paura di perdere visibilità dimostrando così che dei problemi del èaese non gli frega una beata m...a.
E quindi, basta Renzi così come basta per tante promesse non mantenute come Berrsani, D'Alema e altri disorientati.

Questo giornalista, tra l'altro, parte praticando quella sorta di contrabbando a cui si assiste nelle leggi finanziarie dove si cerca di infilare di tutto nel mucchio.
E così si permette il lusso di assimilare un miserabile come Craxi (che si sinistra non aveva neanche la mano sinistra) ad altri nomi parecchio più rispettabili.

Dopodiché; e scommetterei una cena contro un caffè che è quello il vero scopo dell'articolo, va a mescolare le Sardine coi "gruppettari" etc. per svilirle bollarle di ottusità etc.

Tattiche in cui è maestro un certo Feltri che ci ha dato dimostrazioni di barbarie giornalistica di prim'ordine.

Insomma, Renzi è il nuovo e le Sardine il vecchio.

Basta solo aver voglia di crederci.
Fotti il sistema. Studia.
pianogrande
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 9883
Iscritto il: 23/05/2008, 23:52

Re: Matteo Renzi, ecco perché i compagni lo detestano

Messaggioda Robyn il 27/12/2019, 12:12

Il fatto che Renzi provenga da un'altra tradizione non c'entra niente non ha nulla a che fare con questo si smonta quindi la vulgata del corpo estraneo alla sinistra.Il problema e' che Renzi non aveva limiti si puo' ridere e scherzare su' una battuta ma poi le cose non possono protrarsi all'infinito per ex Fassina chi,i gufi,il lanciafiamme.Altra cosa ancora che e' stato portatore di un riformismo diverso da quello presente nella sinistra riformista che contempla la coesione e la pace sociale.Infatti la stella polare di questa legislatura deve essere la coesione sociale in un tessuto sociale sfibrato,bisogna operare per ricostruire la pace sociale
Locke la democrazia è fatta di molte persone
Avatar utente
Robyn
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 9286
Iscritto il: 13/10/2008, 9:52


Torna a Ulivo e PD: tra radici e futuro

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti

cron