La Comunità per L'Ulivo, per tutto L'Ulivo dal 1995
FAIL (the browser should render some flash content, not this).

intervista a Parisi sul nuovo governo

Il futuro del PD si sviluppa se non nega le sue radici.

intervista a Parisi sul nuovo governo

Messaggioda trilogy il 11/09/2019, 14:40

Governo, Arturo Parisi: non è un governo di sinistra, ma è destinato a durare

di Alessandra Ricciardi

Un governo destinato a durare, il Conte bis, il più a lungo possibile, «salvo interni dissidi non componibili con la nascita di nuovi governi sempre attorno al duo Pd-5S». Così Arturo Parisi, ex ministro con Romano Prodi, fondatore dell'Ulivo. Un governo che ha tra i suoi pilastri la riforma elettorale di stampo proporzionale. E con amarezza Parisi, fiero sostenitore del maggioritario, dice: «Quello che non si è capito è soltanto se il ritorno ad un proporzionale pieno sia il fine o il mezzo....una scusa per tornare al bel tempo antico quando nessuno vinceva e nessuno perdeva oppure serva nient'altro che a blindare la legislatura».

Domanda. Pd e M5S hanno inaugurato il nuovo governo, il Conte-bis. È un governo di sinistra?

Risposta. Sinistra? Con alla guida uno statista come il «BisConte» e come partito di maggioranza i 5S che si considerano post ideologici al di là di ogni destra e sinistra, e per di più confermati nella loro pretesa di centralità che rende reversibile ogni alleanza. Ieri la Lega, oggi il Pd. Domani chissà?

D. Per lei dunque non si tratta di un matrimonio che può durare?

R. Diciamo che trasformare in quella stabile unione che, pensando alle prossime elezioni regionali, di ora in ora viene auspicata in modo crescente, non è cosa da poco. Anche se, come si è visto, possono capitare molte più cose di quelle che io stesso mi sarei immaginato, subentrare nel posto del partner fedifrago mentre il letto è ancora caldo non è il miglior modo per dare vita ad una unione duratura.

D. Eppure c'è chi come Massimo D'Alema sottolinea l'opportunità, nell'alleanza con il Movimento, di riprendersi la base di sinistra. Operazione elettorale o altro?

R. Elettorale? L'incontro che D'Alema, più che ipotizzare, predica è uno stabile incontro politico, il ritrovarsi di un popolo che a suo dire è stato diviso. Ma ho idea che tornati alla casa paterna i grillini da lui immaginati fuggirebbero a gambe levate se sulla porta leggessero i nomi psssati. Un caso classico di profezia che si autonega.

D. Ma qual è il collante del governo Pd-M5s? L'ortodossia euro-atlantica o l'antisalvinismo?

R. La necessità di proteggere l'ordine euro-atlantico è senza dubbio la vera causa oggettiva che ha spinto e costretto ad un accordo contro l'attentatore di turno. Minaccia per il presente e monito per il futuro.

Un'altra cosa sono i motivi soggettivi che hanno guidato e guidano i due partners. Vera per il Pd e per Conte l'ortodossia euro-atlantica è per i 5S ancora tutta da dimostrare. Se è vero che la piattaforma Rousseau è lo strumento attraverso il quale il Movimento sceglie o sancisce le scelte fondamentali non riesco a ricordare che il voto per Ursula, evocato come il fondamento primo del rovesciamento delle alleanze, sia stato considerato così importante da scomodare con un voto la base. Lo stesso dicasi per gli argomenti spesi da Luigi Di Maio e dalla dirigenza a monte e a valle del nuovo accordo.

D. Come spiega l'endorsement di Romano Prodi a favore dell'accordo Pd- M5S?

R. A dire il vero, Prodi è stato a favore del confronto fino dallo scorso anno. Guidato dall'idea che al di là delle differenze l'incontro tra le due formazioni potesse rianimare in extremis il bipolarismo morente, in alternativa al centrodestra.

Grazie ad Orsola e a Salvini, quello che l'anno scorso era stato impossibile quest'anno è sembrato d'un tratto una scelta obbligata.

D. Perché è importante il ritorno al bipolarismo centrodestra-centrosinistra?

R. Senza un governo fondato sulla scelta dei cittadini tra proposte avanzate prima del voto non c'è governo capace di reggere le sfide dell'ora. Senza il confronto tra proposte riconoscibili nella qualità programmatica e nella quantità ambedue potenzialmente capaci di un consenso maggioritario ogni scelta è una delega in bianco. Ma ho idea che tutto questo ormai appartenga al passato.

D. Pensa al fatto che Pd, M5S e LeU abbiano avviato la discussione sulla riforma elettorale e che l'obiettivo è il proporzionale?

R. Ci sono dubbi? Quello che non si è capito è soltanto se il ritorno a un proporzionale pieno sia il fine o il mezzo. Se il riequilibrio del taglio dei parlamentari condiviso di corsa sia soltanto una scusa per approdare finalmente al bel tempo antico quando nessuno vinceva e nessuno perdeva e tutti continuavano eternamente a giocare e rigiocare ad ogni cambio di governo la propria porzione. O se questo blablare di coalizione costituente serva nient'altro che a blindare la legislatura e durare il più a lungo possibile.

D. Secondo lei il governo Conte-bis durerà fino a fine legislatura o comunque sono all'elezione del capo dello stato?

R. Ho detto il più a lungo possibile. Trainato, come ora, dal desiderio dei singoli parlamentari, per di più minacciati dal taglio dei posti appena approvato. Costretto dalla linea di aggressione all'ordine euro-atlantico che Salvini, sembrerebbe intenzionato ad accrescere. Salvo interni dissidi non componibili con la nascita di nuovi governi inevitabilmente costruiti attorno al duo Pd-5S. Come al bel tempo della stabile instabilità governativa costruita a partire dalla «conventio ad excludendum» del Pci.

D. Ultima domanda professore: che consiglio darebbe ai naviganti del Pd?

R. Per consigliare dovrei prima capire se il Pd che ho di fronte è quel partito nuovo che abbiamo immaginato nel solco dell'Ulivo e della democrazia governante. Se invece, non è altro che un ritorno al passato più o meno integrato da nuovi innesti, guidato dall'idea di rappresentare la sua residua porzione di popolo, giocando al meglio la corrispondente porzione di deleghe, cosa vuole consigli? Il mio tempo è finito. Penso che l'attuale dirigenza sappia badare bene a se stessa. Per il resto mi affido alla provvidenza. Scelga ognuno se a quella con la p minuscola, o se sia il caso di distrarre quella con la p maiuscola dalle sofferenze della umanità che soffre senza portarne alcuna colpa.

fonte: https://www.italiaoggi.it/news/governo- ... re-2385860
Chiunque ha tentato di creare uno Stato perfetto, un paradiso in terra, ha in realtà realizzato un inferno. Popper
Avatar utente
trilogy
Redattore
Redattore
 
Messaggi: 4192
Iscritto il: 23/05/2008, 22:58

Re: intervista a Parisi sul nuovo governo

Messaggioda Robyn il 11/09/2019, 22:31

Non capisco il no alla fiducia di Emma Bonino,i liberali o chi si dichiara tale da sempre la possibilta' di provaci concede sempre una schanche.Ci sono 5 voti astenuti che possono diventare dei si.In merito al proporzionale il problema e' che questa non e' una destra normale che ha dimostrato una sua pericolosita' e' non tornera',non si puo' sempre ingannare il popolo orientarlo male e contro la democrazia.L'uninominale tornera' quando ci sara' una destra normale fondata sul popolarismo
Locke la democrazia è fatta di molte persone
Avatar utente
Robyn
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 8750
Iscritto il: 13/10/2008, 9:52

Re: intervista a Parisi sul nuovo governo

Messaggioda pianogrande il 12/09/2019, 12:15

Credo che il primo requisito richiesto per questo governo sia la durata.
Per far calmare le acque fascio leghiste e per l'elezione del presidente della repubblica.

A questo punto, anche l'alleanza elettorale per le regionali potrebbe rintuzzare la propaganda basata sulla "volontà popolare" ma andrebbe giocata davvero bene o anticiperebbe il temuto disastro.

Certo, tantissime cose stanno cambiando e la lotta politica si sta radicalizzando e sarà sempre più difficile non schierarsi e quindi i raggruppamenti possibili sono la vera strada per imporsi.

Nascono raggruppamenti "strani"?

Colpa del proporzionale e a quanto pare ci dovremo tenere il proporzionale ancora a lungo.

Tutto scorre anche troppo in fretta e il voto volatile sta portando a raggruppamenti altrettanto volatili.

Bisogna cominciare a distinguere con sempre maggior accuratezza quello che è l'interesse dei partiti dall'interesse del paese.

E se questo divario si allargherà (come temo) saremo di nuovo col popolo fuori dal palazzo.
Fotti il sistema. Studia.
pianogrande
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 9721
Iscritto il: 23/05/2008, 23:52

Re: intervista a Parisi sul nuovo governo

Messaggioda Robyn il 12/09/2019, 20:33

Il collegio uninominale e' possibile solo se si mantiene il parlamento centrale nel nostro ordinamento come in Inghilterra dove i premier anche se per sfiduciarli serve 1/3 dei deputati che firmano la mozione di sfiducia lasciano il tempo che trovano Blair,Cameroun, May e adesso Boris Jhonson insegnano.Questa riforma risulta difficile perche la destra distorce tutto poiche insegue l'idea dell'uomo forte.Dove si e' mai vista l'elezione diretta del premier?Ma servirebbe anche una riforma costituzionale equilibrata che non porti la maggioranza ad essere il dominus degli organi di garanzia.Non parliamo poi di Pillon Papillon spara spara per legittima difesa la flat tax.Fdi ha fatto anche una cosa grave dicendo di togliere la cittadinanza a Gozi ed era cio' che si faceva nel fascismo per ragioni politiche oppure dire che e' una perversione due persone di religione diversa che si sposano e questo richiama le leggi razziali del 1939 dove ci si poteva sposare solo con persone di religione e cultura affine.Per le alleanze locali PD-pentastelle lasciamo che decidano localmente di farle o meno se trovano o meno le ragioni per farle.Non si puo' decidere di imporre alleanze locali dall'alto.Infine una destra normale sul popolarismo c'e' se c'e' una sinistra normale vedi l'immigrazione
Locke la democrazia è fatta di molte persone
Avatar utente
Robyn
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 8750
Iscritto il: 13/10/2008, 9:52

Re: intervista a Parisi sul nuovo governo

Messaggioda Robyn il 13/09/2019, 20:11

In caso di legge elettorale a collegi ci sarebbe sempre la seconda camera che fa da riflessione e che svolgerebbe una funzione di garanzia anche se la camera dei deputati puo' rigettare le modifiche ed approvare la legge come era inizialmente ed in ultima istanza la corte costituzionale perche il popolo e' sovrano nei limiti della costituzione che significa che neanche il popolo e' un sovrano assoluto.Ma le anomalie della destra sono un problema perche provocano guasti al paese
Locke la democrazia è fatta di molte persone
Avatar utente
Robyn
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 8750
Iscritto il: 13/10/2008, 9:52


Torna a Ulivo e PD: tra radici e futuro

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti

cron