La Comunità per L'Ulivo, per tutto L'Ulivo dal 1995
FAIL (the browser should render some flash content, not this).

Conte deve cadere o può vivere?

Il futuro del PD si sviluppa se non nega le sue radici.

Conte deve cadere o può vivere?

Messaggioda cardif il 16/01/2021, 17:33

https://video.repubblica.it/politica/cr ... vd-top-d-8

Qui le ipotesi di 'la Repubblica' sui possibili scenari, da una nuova maggioranza fino alle elezioni; ma io non le capisco.

L'art.94 della Costituzione stabilisce che il Governo deve ottenere la fiducia delle Camere entro dieci giorni dalla formazione.
Dice pure che 'Il voto contrario di una o d'entrambe le Camere su una proposta del Governo non importa obbligo di dimissioni.'

Da dove nasce l'idea che adesso Conte debba andare in Parlamento per ottenere la fiducia?
Il Governo è in carica e può continuare a rimanerci anche se non viene approvato un qualche provvedimento.
Due ministre si sono dimesse: Conte avoca a sé le deleghe, e può nominare altre due ministre.

Quando viene votato un provvedimento:
si fa forse la verifica che ciascun voto sia stato espresso da un parlamentare appartenente ad un gruppo o partito? NO.
si esclude il voto favorevole se viene espresso da un senatore iscritto ad un partito che non sostiene il Governo? NO.

Non vedo l'obbligo costituzionale per un senatore né di essere iscritto ad un partito o gruppo, né che debba votare SI solo se ha dato la fiducia al Governo.

La costituzione in gruppo parlamentare con almeno 10 senatori e con simbolo già presentato alle elezioni è conseguenza dell'art.14 del Regolamento del Senato, ma riguarda sovvenzioni e ripartizione del 2 per mille ai gruppi e non ai singoli. Non influisce sulla libertà di ogni singolo senatore di votare come gli pare.
Non vedo dov'è l'obbligo di costituirsi in gruppo per i senatori che vogliano sostenere il governo; né l'obbligo di costituire un nuovo governo, se non in modo nominale per la sostituzione delle ministre.
Se un provvedimento viene approvato, bene; altrimenti il Governo può andare avanti lo stesso (ripeto: art.94 Cost.)
Pur essendo uscita dal governo Iv, i suoi componenti possono comunque votare a favore dei provvedimenti del Governo, oltre ad altri senatori anche se non costituiti in gruppo o appartenenti ad altri gruppi.
Il Governo potrebbe porre il voto di fiducia su un provvedimento, ma non mi risulta che debba necessariamente votare sì a maggioranza che ha espresso la fiducia all'atto dell'insediamento e che sia vietato agli altri di votarla.

E' cosa buona e giusta che un Governo possa fare affidamento su una maggioranza già ben schierata a suo sostegno, così è certamente più stabile.
Ma non è cosa cattiva e ingiusta se va avanti senza, purché vengano approvati i suoi provvedimenti alla faccia di Salvini che parla di 'maggioranza raccogliticcia'. Anche se non scalpita come la Meloni per andare al voto, nonostante sia il primo nei sondaggi.
Ci sono già stati in Italia, ed anche in altre democrazie parlamentari europee, governi di minoranza.

Il PD non ha altre alternative che sostenere Conte assieme al M5S, se non vuole correre il rischio di arrivare alle elezioni e far vincere la destra aprendo la crisi vera, con la caduta del Governo in carica.
Non capisco né la necessità né il senso di sostituire Conte, ora che chi lo voleva a terra se n'è andato, e pace all'anima sua (politicamente). Si può fare l'ipotesi che Tizio o Caio faccia meglio; ma apputo: ipotesi.
Ma mo' mi so' capito bene?
cardif
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 1626
Iscritto il: 13/04/2009, 18:29

Re: Conte deve cadere o può vivere?

Messaggioda franz il 17/01/2021, 9:23

Ottime e ragionevoli considerazioni, tuttavia il custode della Costituzione è il Presidente della Repubblica.
È lui che decide se rimandare o meno il PdC alle camere.
Sarà Mattarella a stabilire se Conte deve andare in Parlamento per ottenere la fiducia.
Ora è vero che la sfiducia in un solo ramo non obbliga alle dimissioni ma è prassi che il PdC in un caso del genere si rechi al Colle. Anche perché <<Il Presidente della Repubblica può, sentiti i loro Presidenti, sciogliere le Camere o anche una sola di esse.>>
Poi a fronte di governi che chiedono la fiducia ogni tre per due (al 26 maggio mi risulta che Il Conte bis avesse chiesto sedici volte il voto di fiducia in Parlamento) essere in minoranza in una camera è un grave impedimento.

La cosa divertente sarà vedere come i 5S dopo aver cambiato idea sul famoso "massimo due mandati" ed aver rotto le scatole sul vincolo di mandato, ora cercheranno di stare a galla grazie a chi questo vincolo lo tradirà.
Be careful when you follow the masses;
Sometimes the M is silent.
Avatar utente
franz
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 21432
Iscritto il: 17/05/2008, 14:58

Re: Conte deve cadere o può vivere?

Messaggioda pianogrande il 17/01/2021, 11:49

Sono contrario (da sempre) al vincolo di mandato ma forse dovremmo parlarne in un'altra discussione.

Direi che, se non un dovere, sia un diritto del Pdc andare alle camere.

Lo fece anche Prodi quando disse "Sfiduciatemi in parlamento" e per farla finita coi ricatti o come dico io o cade il governo.

Certamente anche dopo il governo può essere sottoposto a ricatti (la qualità dei "responsabili" mi provoca qualche dubbio) ma, a quel punto, meglio le elezioni.

Detto questo, se non ci sbrighiamo a uscire da questo micidiale sistema proporzionale, non ci salviamo più.
Fotti il sistema. Studia.
pianogrande
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 10071
Iscritto il: 23/05/2008, 23:52

Re: Conte deve cadere o può vivere?

Messaggioda cardif il 18/01/2021, 0:55

Conte doveva andare dal PdR per correttezza istituzionale per la dimissione delle ministre, e infatti è andato. Il PdR può sciogliere una o entrambe le Camere e quindi convocare le elezioni solo se non c'è un Governo sostenuto dal Parlamento. Altrimenti potrebbe scioglierle ogni volta che il Parlamento non esprima un Governo a lui gradito.
Il Governo che c'è ha ottenuto la fiducia dopo l'insediamento. Un cambio di due ministri non obbliga né alle dimissioni né ad un nuovo voto di fiducia.

Ci sono tre soggetti coinvolti nella crisi che portano il problema al PdR:
- Conte, che può dimettersi o continuare a governare, ma che al momento non è sfiduciato;
- il singolo senatore, che può votare o meno a favore del Governo, o chiederne le dimissioni ed affrontare le elezioni a rischio di perdere il seggio, soprattutto per la riduzione che ci sarà;
- il parlamentare all'opposizione, incapace di accettare l'idea di occupare quel ruolo finché c'è un governo, e chiede ogni giorno di andare ad elezioni.

La soluzione di questo evento dipenderà dalla scelta di ciascuno, che agisce prima secondo il proprio interesse e solo dopo nell'interesse del Paese e solo se non riceve danno.

Si parla di crisi, ma di che?
Non mi pare crisi di Governo, visto che la sostituzione di due ministri è stata tanto frequente da non fare scuola.
Di Parlamento non si sa finché non c'è una 'mozione di sfiducia ... firmata da almeno un decimo dei componenti della Camera ...', come stabilisce lo stesso art. 94.
Ma nell'opposizione la mozione Meloni vorrebbe non è sostenuta dagli altri.

Conte due o Conte tre; Mastella sì o no, Cesa sì o no, Calenda sì o no, Casini si o no; Renzi sì o no; un tira e molla che finirà presto.
Secondo me il Governo resterà perché è convenienza sia di Conte che della maggioranza dei senatori, e col consenso di Matterella ovviamente e giustamente contrario per ruolo allo scioglimento del Parlamento. Non capirei se rimandasse Conte in Parlamento a chiedere la ri-fiudcia.

Conte deve andare avanti appunto come Prodi; non capisco perché tutto questo lavorio per cercare una maggioranza: se la trovasse il Parlamento, se vuole sopravvivere. Poi si vedrà fino a quando, ma non può essere concesso a Renzi di provocare la caduta, e la frana.
Ci sono opinioni, dibattiti, valutazioni, di cui l'informazione si nutre. Legittimo discuterne, ma non credo che l'opinione pubblica peserà nella soluzione.
Spero che peserà nel far scomparire Renzi: ha messo tanto impegno per la schifezza di riforma costituzionale e italicum, invece che doppio turno e riduzione dei parlamentari secondo il disegno di legge Zanda del 2008 (400 Deputati e 200 Senatori). Oltre agli altri tanti danni che ha fatto.
Ma mo' mi so' capito bene?
cardif
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 1626
Iscritto il: 13/04/2009, 18:29

Re: Conte deve cadere o può vivere?

Messaggioda flaviomob il 18/01/2021, 17:34

Non sono solo due ministri, ma c'è la fuoriuscita dalla maggioranza di una forza politica, seppur ancora "virtuale" dato che non si è mai presentata alle elezioni politiche.
C'è soprattutto la folle irresponsabilità di Renzi, Bellanova &c. che danno la precedenza al proprio ego ipertrofico, di fronte a centinaia di morti ogni giorno, a un'emergenza sociale, economica, educativa mai vista dai tempi della II guerra mondiale, nel momento in cui è indispensabile gestire e progettare gli aiuti e gli investimenti economici per non soccombere, mentre il debito aumenta e lo spread rischia di risalire fuori controllo.
Narcisisti maligni. come Trump.

https://it.wikipedia.org/wiki/Narcisism ... maligno%20è%20una,"%20o%20"manipolatore%20perverso".


"Dovremmo aver paura del capitalismo, non delle macchine".
(Stephen Hawking)
flaviomob
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 12790
Iscritto il: 19/06/2008, 19:51

Re: Conte deve cadere o può vivere?

Messaggioda cardif il 19/01/2021, 0:09

quelli di Iv sono usciti e si sono già pentiti, a sentire Rosato, Boschi
Il loro Capo fu considerato egotico qui già quando andò ad Arcore. Non s'è curato ;)
Ma mo' mi so' capito bene?
cardif
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 1626
Iscritto il: 13/04/2009, 18:29

Re: Conte deve cadere o può vivere?

Messaggioda Stefano'62 il 19/01/2021, 20:34

Quale che sia la trafila corretta mi interessa poco a questo punto.
Con una situazione come questa far cadere il governo per quanto possa essere inadeguato, è una bestemmia vera e propria.
Renzi sente l'odore dei soldi e la sua minaccia è finalizzata esclusivamente a ottenere una posizione migliore è più "remunerativa" nel momento in cui arriverà il recovery.
La sua mossa è vergognosa e non fa altro che confermare la pochezza di questo individuo la cui statura fisica è infinitamente più elevata di quella morale.
Le elezioni per una mente sana dovrebbero essere fuori discussione: buttare via un mare di soldi adesso che non ce n'è per le esigenze di chi è con l'acqua alla gola sarebbe un crimine vero e proprio.
E cosa dovrebbe cambiare poi con le elezioni, qualcuno pensa davvero che salterebbe fuori dalle Urne lo Spirito Santo a salvarci ? Chi dovremmo votare per risolvere la situazione.....
quel branco di cialtroni che prima credono che i termometri siano una valida difesa da un virus che si trasmette grazie a chi non ha febbre ? gli stessi che poi per contentare un pò tutti giocano la pimpinella un colpo al cerchio e uno alla botte chiudendo una settimana e aprendo quella dopo, prolungando in eterno quello che con un sacrificio utile e ragionato all'inizio poteva durare solo un paio di mesi ? Quelli del "conviviamoci" e poi non si spiega come mai chi ha scelto la via della estirpazione ne è già fuori da un pezzo ?
O chi dovremmo votare, il bugiardino che spariglia le carte quando sente odore di soldi ? Lo stesso che si vantava di risparmiare 5 miliardi sulla sanità e che oggi brontola su ogni punto del recovery tranne su quello che assegna alla sanità solo due o tre euro ?
O dovremmo votare quei fanfaroni delle opposizioni che prima dicono di avere tutte le soluzioni, e poi quando gli si chiede di partecipare a decisioni difficili si ritirano nella tana dei pusillanimi perchè è più facile criticare gli altri piuttosto che partecipare a scelte politicamente penalizzanti ?
Dovremmo votare quei vermi li ?
Il problema in Italia non è la pochezza di chi ci governa, ma la pochezza della intera classe politica e quindi anche di ogni qualsiasi governo esprimibile da essa.
Se andassimo al voto i nomi in ballo sarebbero sempre gli stessi e ne uscirebbe vincitore, di nuovo, uno qualsiasi tra quella stessa pletora di buffoni che abbiamo ai vertici dei partiti.
Se io fossi nei panni del PDR, adesso mi rifiuterei di sciogliere le camere e imporrei a tutti i leader politici di chiudersi a chiave nelle loro Aule e starci li dentro a pane e acqua fino a che non se ne escono con un programma condiviso su come uscire da questa pandemia.
Tutti li dentro, nessuna diserzione possibile, e condividere tutti quanti il peso delle decisioni prese; questa è l'unica via possibile.
Il problema purtroppo è che il PDR stesso, proviene da quella stessa pletora......
Stefano'62
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 1809
Iscritto il: 20/12/2008, 14:36

Re: Conte deve cadere o può vivere?

Messaggioda Robyn il 19/01/2021, 23:24

Adesso con la fiducia relativa al senato il csx e il Presidente del Consiglio Conte devono stilare un programma per ampliare la maggioranza.Ad ex andare verso il bicameralismo differenziato diladando il numero di parlamentari alla camera a 600 deputati ,usare il Mes perché le risorse oridinarie per cure ed investimenti non bastano,usare bene il Recovery Plan sulla Pa,infrastrutture,scuola etc.La parte piu' dirimente è un programma di riforme sul welfare e ampliare le protezioni per i lavoratori precari per ex quelli intermittenti che non hanno niente durante i periodi di inattività.I lavoratori con il sistema previdenziale a ripartizione non c'è la fanno più a sostenere la previdenza serve la previdenza complementare a capitalizzazione.Poi bisognerebbe cambiare il rdc con le politiche attive del lavoro e stabilire un minimum wage in tutti i ccnl piu' alto del compenso dato dal rmg per evitare fenomeni parassitari,servizi offerti dal centro per l'impiego come i corsi di formazione ed altri servizi utili,stabilire il criterio del domicilio al posto della residenza,benefit per combattere la poverta' minorile eliminando le tre proposte offerte che penalizzerebbero i lavoratori più fragili.Più edilizia pubblica per calmierare i prezzi degli affitti privati e dare un'alloggio minimo di 60 mq a chi ne ha bisogno.Sulla famiglia qualcosa e' stato fatto fra carta acquisti e bonus bebè e adesso bisogna dare attuazione al family act,chiudere le case di cura trasferendo il servizio degli assistenti sociali nel domicilio delle persone non autosufficenti,superare i dormitori per i senza fissa dimora attuando un programma di reinserimenro individuale.Infine c'è tutto il capitolo della green economy,una giustizia garantista,lo snellimento della burocrazia e l'efficienza della Pa,l'Europa e l'europeismo,le relazioni transatlantiche,la pace internazionale PS il partito di Conte?non se ne parla proprio basta a fare sempre nuovi partiti e a frammentate la geografia dei partiti,devono funzionare bene i partiti che già esistono
Ultima modifica di Robyn il 20/01/2021, 0:15, modificato 7 volte in totale.
Locke la democrazia è fatta di molte persone
Avatar utente
Robyn
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 9626
Iscritto il: 13/10/2008, 9:52

Re: Conte deve cadere o può vivere?

Messaggioda Robyn il 19/01/2021, 23:45

Maggioranza a 156 calcoliamo che era assente Renzo Piano Napolitano e altri senatori e forse superiamo già i 161
Locke la democrazia è fatta di molte persone
Avatar utente
Robyn
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 9626
Iscritto il: 13/10/2008, 9:52

Re: Conte deve cadere o può vivere?

Messaggioda cardif il 20/01/2021, 10:22

E' finita la conta per Conte; facendo i conti sopravvive a Renzi.
In questa conta ogni partito doveva mostrare la sua compattezza, come dimostrano gli attacchi alla deputata Polverini. Conte chiedeva se poteva andare avanti ed è ovvio che quelli dell'opposizione dovevano dire no, per scelta ideologicamente presa per posizione politica.
Sui prossimi provvedimenti non sarà fatto obbligo di mostrare una posizione così compatta, per cui penso che altri senatori che adesso hanno votato NO saranno più sensibili alle ragioni della loro permanenza in Parlamento che alla posizione ideologica, e di conseguenza a votare SI; si raggiungerà quota 161 e Conte vivrà.
Si parla di trovare la quarta ruota, ma io ricordo che le ruote erano tre: che un gruppo di senatori eletti nel PD abbiano deciso di seguire l'avventurista e formare Iv non comporta l'obbligo, chiesto con inutile enfasi, per il Governo di trovare una ruota costituita. Anche i singoli vanno bene.
Renzi, tattico ma per niente stratega, non s'è capito dove vuole arrivare; dopo aver ottenuto alcune cose, ha lo stesso dimissionato le ministre marionette e si è astenuto al voto sulla base di critiche su cose che si devono fare: chi gli ha detto che non si faranno, e che non sarebbero state fatte anche se fosse rimasto nel governo? Nel suo piccolo sferra l'attacco in Senato sul grande sperpero dei banchi a rotelle: ma i banchi servivano; al massimo non servivano le rotelle, e nemmeno io ne capisco la necessità; cioè lo sperpero per le sole ruote è minore di quello che lui ha fatto con l'aereo, quando stava al Governo.
Questo sempre perché un cambio di Governo, con cinque mesi di perdita di tempo tra campagna elettorale e formazione del Governo e delle commissioni, è un danno peggiore di quelli che il Governo continuerà a fare. Come certo farebbe qualunque altro Governo, soprattutto di destra.
Ma mo' mi so' capito bene?
cardif
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 1626
Iscritto il: 13/04/2009, 18:29

Prossimo

Torna a Ulivo e PD: tra radici e futuro

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti

cron