La Comunità per L'Ulivo, per tutto L'Ulivo dal 1995
FAIL (the browser should render some flash content, not this).

Genova: crolla il Viadotto Morandi

Discussioni e proposte, prospettive e strategie per il Paese

Re: Genova: crolla il Viadotto Morandi

Messaggioda Robyn il 19/08/2018, 16:32

Durante un funerale non si applaude mai si stà in silenzio perche si contempla la sofferenza,gli applausi non ci restituiranno le vite venute a mancare con la tragedia.Ad ex sono restio a dare le condoglianze anche in differita perche si può portare una persona al ricordo doloroso e non sai mai qual'è la reazione che può avere non è il caso magari si possono utilizzare frasi diverse che cercano di risollevare il morale.Ma che significa la parola condoglianze?Addirittura nei paesi anglosassoni sono stati costretti a mettere l'applausometro perche non applaudiva più nessuno.Ma che cosa è questa storia del selfie?non si conosce più la privacy,sempre con quel cellulare in mano.Al popolo bisogna saper parlare il linguaggio della costituzione.Quando si dice che il mercato deve essere per cose utili ai cittadini e non dannose ci si riferisce all'art 41 della costituzione in base al quale l'attività pubblica e privata è indirizzata e coordinata a fini sociali.Parlare il linguaggio della costituzione significa parlare ai cittadini perche la costituzione è l'anima di un paese
Locke la democrazia è fatta di molte persone
Avatar utente
Robyn
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 8849
Iscritto il: 13/10/2008, 9:52

Re: Genova: crolla il Viadotto Morandi

Messaggioda trilogy il 19/08/2018, 22:26

A leggere il verbale riportato dall'espresso si rimane sconcertati. Le condizioni della struttura, dagli esami condotti, sembrano molto alterate, eppure nessuno dei tecnici raccomanda misure precauzionali immediate. Boh?

Articolo: http://m.espresso.repubblica.it/inchies ... =HEF_RULLO
Chiunque ha tentato di creare uno Stato perfetto, un paradiso in terra, ha in realtà realizzato un inferno. Popper
Avatar utente
trilogy
Redattore
Redattore
 
Messaggi: 4225
Iscritto il: 23/05/2008, 22:58

Re: Genova: crolla il Viadotto Morandi

Messaggioda franz il 20/08/2018, 11:12

Letto il tutto, dalla lettura emerge però che pur criticando alcuni aspetti dei metodi di misurazione del degrado, alla fine firmano tutti felici e contenti ed il ponte viene giudicato in stato "discreto".

Nessuno propone la chiusura, di parzializzare il traffico, di dirottare il traffico pesante. Non ci sono emergenze.

Quindi c'è una certa situazione di imbarazzo, forse un conflitto di interessi.
Chi ora è incaricato di analizzare le cause, nel febbraio 2018 non aveva rilevato nulla di drammatico.

Potrà mai smentirsi?
Roma ai romani
Anzio agli anziani
(graffito)
Avatar utente
franz
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 20905
Iscritto il: 17/05/2008, 14:58

Re: Genova: crolla il Viadotto Morandi

Messaggioda Robyn il 20/08/2018, 12:19

I tecnici dovrebbero essere autorità indipendenti in grado di emettere un giudizio neutro se non lo sono sono costretti a compiacere l'uno o l'altro potere.Il ponte andava alleggerito dal traffico perche era stato progettato e realizzato per un carico inferiore,il traffico ai tempi di realizzazione non era quello di adesso.Poi i tiranti sono stati soggetti ad usura ed hanno annullato con il 20% in meno di sezione il margine minimo di tolleranza che era rimasto e il ponte ha ceduto.Già l'aumento del traffico riduceva e quasi annullava il margine di tolleranza necessario,cioè il carico che il ponte può sopportare deve essere più alto dell'effettivo carico che porta,l'usura dei tiranti hanno dato il colpo di grazia perche ne hanno diminuito la portata con un margine di tolleranza "negativo".La manutenzione ordinaria se realizzata in tempo avrebbe solo rimandato nel tempo il problema del cedimento dal momento che il carico del traffico veicolare era già al limite
Locke la democrazia è fatta di molte persone
Avatar utente
Robyn
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 8849
Iscritto il: 13/10/2008, 9:52

Re: Genova: crolla il Viadotto Morandi

Messaggioda franz il 20/08/2018, 22:26

ecco l'intervento di un amico Ing. e ligure
---
Perché il governo vigliaccamente non ha nominato una commissione d'indagine indipendente? Che cosa hanno paura che venga a galla?

La commissione di indagine nominata dal governo è tutto meno quel che avrebbe dovuto essere: indipendente, distaccata, del tutto slegata e distante dalla vicenda. Era auspicabile fosse formata da ing. specializzati in quella tipologia di strutture, universalmente riconosciuti di grande spessore professionale. Sarebbe stata auspicabile una commissione snella, tre o 5 membri in maggioranza non italiani, presi dalle migliori università al mondo.

Invece il governo dei peggiori che commissione ha voluto? A maggioranza dei membri, per un verso o per l'altro, già precedentemente COINVOLTI direttamente o indirettamente nelle vicende. L'esatto contrario di quel che bisognava fare.

A scanso di fraintendimenti: la mia non è una critica alle singole persone, magari saranno anche seri professionisti di buon livello, ma alla assurdità del metodo adottato nel comporre la commissione stessa.

-> Architetto Roberto Ferrazza presidente, non idoneo perché architetto (non è un ingegnere specializzato in viadotti e ponti), non idoneo perché provveditore alle opere pubbliche per Liguria, Piemonte e Valle d'Aosta.
-> ing. Antonio Brencich, non idoneo perché coinvolto in precedenti valutazioni sull'opera.
-> ing. Bruno Santoro, non idoneo perché dirigente tecnico della Direzione generale per la vigilanza sulle concessioni autostradali.
-> ing. Michele Franzese, non idoneo perché dirigente tecnico della Direzione generale per la vigilanza sulle concessioni autostradali.

Pur senza mettere in dubbio la buona fede dei commissari è una scelta folle: chi è già stato coinvolto in precedenza non può affrontare il tema con la necessaria serenità d'animo. Speriamo che almeno il giudice nel nominare la CTU in vista della gravità dei fatti utilizzi criteri del tutto diversi!
---
Roma ai romani
Anzio agli anziani
(graffito)
Avatar utente
franz
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 20905
Iscritto il: 17/05/2008, 14:58

Re: Genova: crolla il Viadotto Morandi

Messaggioda Robyn il 21/08/2018, 11:15

L'italianità o meno della composizione di un organo terzo e indipendente sulla sicurezza esula dalla nostra discussione possono essere italiani ma anche alcuni possono essere di altri paesi europei per avere la competenza di altri paesi europei.Sono europeo ma non sono antitaliano e allo stesso tempo non sono sovranista.I vari ingegneri e archidetti sono stati costretti a scrivere quello che hanno scritto cioè l'indecifrabile altrimenti potevano essere rimossi perche non indipendenti probabile che c'erano degli interessi il profitto dei pedaggi.In merito alla statalizzazione il rischio è l'inefficenza cioè si torna alla calcolatrice manuale oggi PASS velocemente domani non si sà se PASS velocemente.Naturalmente sono italiano ma non sono nazionalista non sono di quelli che alla pubblicità diceva è l'Italia,questa è l'Italia facendo passare per buoni tutti i difetti dell'Italia ,bè è l'Italia diceva acriticamente,sì l'Italia a rovescio direi
Locke la democrazia è fatta di molte persone
Avatar utente
Robyn
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 8849
Iscritto il: 13/10/2008, 9:52

Re: Genova: crolla il Viadotto Morandi

Messaggioda trilogy il 29/08/2018, 21:43

Come al solito emerge lo scenario di procedure burocratiche ministeriali che affossano il paese. E q
Dimaio vorrebbe nazionalizzare tutto. Figuriamoci :?
http://m.espresso.repubblica.it/attuali ... =HEF_RULLO
Chiunque ha tentato di creare uno Stato perfetto, un paradiso in terra, ha in realtà realizzato un inferno. Popper
Avatar utente
trilogy
Redattore
Redattore
 
Messaggi: 4225
Iscritto il: 23/05/2008, 22:58

Re: Genova: crolla il Viadotto Morandi

Messaggioda Robyn il 30/08/2018, 12:49

La nazionalizzazione comporta inefficenza e se la società và in perdita queste perdite vengono ripianate con il debito pubblico e le pagano i cittadini c'è anche il rischio del clientelismo attraverso assunzioni clientelari.Dal momento che le autostrade sono di proprietà statale ma le gestione è data al privato lo stato dovrebbe esercitare un controllo in materia di interesse generale ad ex la sicurezza attraverso un'autority indipendente affinche possa valutare in modo neutro ed altri aspetti.Inoltre và favorito un processo di liberalizzazione affinche un monopolio naturale privatizzato non si trasformi in monopolio privato.Per ex più concorrenza nelle concessioni con più concorrenti affinche non siano favoriti gli amici degli amici con bandi di assegnazione che non devono rispondere solo ad esigenze di costo ma di sicurezza di rispetto ambientale e tutela del paesaggio.La normativa delle concessioni và rivista ad ex nel caso di gravi inadempienze contrattuali,se ci sono gravi inadempienze la concessione và ritirata e fatta una nuova gara.Inoltre c'è un limite temporale alla concessione non si possono fare concessioni che durano 70 anni ad ex possono essere di 5 ,10 anni etc.Le concessioni di 70 anni ci sono solo in "regime monarchico"
Ultima modifica di Robyn il 30/08/2018, 12:59, modificato 1 volta in totale.
Locke la democrazia è fatta di molte persone
Avatar utente
Robyn
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 8849
Iscritto il: 13/10/2008, 9:52

Re: Genova: crolla il Viadotto Morandi

Messaggioda pianogrande il 30/08/2018, 12:59

trilogy ha scritto:Come al solito emerge lo scenario di procedure burocratiche ministeriali che affossano il paese. E q
Dimaio vorrebbe nazionalizzare tutto. Figuriamoci :?
http://m.espresso.repubblica.it/attuali ... =HEF_RULLO


Il monopolio (pubblico o privato che sia; tanto ci sono sempre dietro gli umani) è la madre di tutte le inefficienze.
Fotti il sistema. Studia.
pianogrande
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 9750
Iscritto il: 23/05/2008, 23:52

Re: Genova: crolla il Viadotto Morandi

Messaggioda flaviomob il 13/09/2018, 23:50

Sui cinque punti scelti a campione - tre punti su due dei tiranti del pilone 10 e gli altri due su due tiranti del pilone 9 - il risultato è drammatico: uno dei cavi che dovrebbe garantire la precompressione del calcestruzzo e la solidità della struttura rivela una perdita della capacità di carico del 75 per cento, altri due cavi del 50 per cento e uno non si trova dove dovrebbe essere.


http://espresso.repubblica.it/attualita ... P2-S1.8-T2

Ponte Morandi, le foto shock prima del crollo: travi rotte e cavi ridotti del 75 per cento
L'Espresso pubblica in esclusiva le immagini riprese da società Autostrade tra il 2011 e il 2016 che già allora rivelavano il rischio di cedimenti della struttura. Messe a disposizione del ministero delle Infrastrutture dieci mesi fa, sono state ignorate
DI FABRIZIO GATTI


"Dovremmo aver paura del capitalismo, non delle macchine".
(Stephen Hawking)
flaviomob
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 12704
Iscritto il: 19/06/2008, 19:51

PrecedenteProssimo

Torna a Che fare? Discussioni di oggi per le prospettive di domani

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti