La Comunità per L'Ulivo, per tutto L'Ulivo dal 1995
FAIL (the browser should render some flash content, not this).

Corruzione nel mondo

Discussioni e proposte, prospettive e strategie per il Paese

Corruzione nel mondo

Messaggioda flaviomob il 10/01/2018, 16:49

Four reasons why corruption matters
by Oliver Bullough
9 Jan 2018
Corruption is everyone's problem, writes Bullough [Sertac Kayar/Reuters]


To count out a trillion dollars in dollar bills would take you almost 32,000 years. If the first anatomically modern humans had started counting at the moment they crossed from the Middle East into Europe, they would be getting to a trillion around now.

But if you live in a wealthy country, you may be struggling to care.

After all, most of that money ends up supporting jobs in estate agencies, buoying the share prices of luxury goods companies, and taking our politicians on all-expenses-paid trips to Baku, Bahrain, or Bamako.

Although corruption is bad for other people, it suits us very well, right?

Wrong. Corruption is everyone's problem, and here are four reasons why you should care about the world's failure to properly address the situation.

Corruption causes bloodshed
We should be cautious about accepting the word of armed groups who call governments corrupt. They are murderous and will say anything to attract more followers.

But we do need to listen to the warnings of our own generals.

All around the world, the people who know best what it is like to fight terrorism tell us their worst enemy is corruption.

"For too long, we've focused our attention on the Taliban as the existential threat to Afghanistan. They are an annoyance compared to the scope and magnitude of corruption," said US Marine Corps General John Allen, formerly head of international forces in Afghanistan, in 2014.

Similar warnings can be heard about Boko Haram in Nigeria, the Islamic State of Iraq and the Levant (ISIL, also known as ISIS) in the Middle East, and equivalent movements elsewhere.

Corruption angers citizens, making them sympathetic to the state's enemies, even if they are terrorists, while undermining the government's ability to fight back.

In the long term, the best way to neuter the threat of terrorism is to provide honest and fair government.

This is everyone's problem because terrorism spreads freely across national boundaries - a movement born in Iraq can attack us in Manchester, Paris or Brussels.

Corruption spreads disease
In 2017, Russia recorded more than 100,000 new HIV infections for the second year running, taking the total number of cases in the country perhaps as high as 1.5 million.

Two percent of Russians in their thirties are infected, which is unprecedented for a European country, and the epidemic's growth shows no sign of slowing.

It is spread by drug use, prostitution, and a poor healthcare system - all of which are a result of the country's rampant corruption.

Russia is not alone. Corruption has helped rekindle polio in Ukraine, spread multi-drug resistant tuberculosis in Central Asia, and impede the fight against Ebola in Liberia.

Viruses and microbes do not respect national borders. If we do not help these countries build effective healthcare systems, we will all be dealing with the consequences, and all be getting sick.

Corruption undermines democracy
Opinions differ on whether Russian money helped Donald Trump win the United States presidency, but surely everyone can agree that the reputation of US politics has been badly harmed by the controversy.

This is what happens when the virus of illicit finance, hidden in the secret channels of the global financial network, infects a democratic system that depends on trust to survive.

The US is only catching up with other countries here, however.

Russia's own democracy died of corruption back in the 1990s, while the political systems of Nigeria, South Africa, Malaysia, Kenya, Ukraine, and elsewhere are perilously ill, if not terminally so.

Open discussion and the free exercise of votes cannot coexist with a system where decisions are made for money, and positions of power are bought and sold.

Corruption is threatened by democracy, and corrupt individuals will always seek to undermine the rule of law to protect themselves. If we wish to protect our political systems from infection, we need to fight back.

Corruption raises house prices
Academic research has shown that flight capital inflates house prices in London, and there is every reason to suppose the same phenomenon - of rich people getting their money out of places where it could be taken away, and stashing it somewhere safe - affects cities all over the developed world.

One of the reasons your rent is so high, therefore, is that foreigners are investing money in your country not because they are seeking a good return, but because they want to keep it safe from corrupt officials.

Several cities - notably London and New York City, but also Miami, Los Angeles and elsewhere - have seen expensive buildings become an asset class, rather than homes.

This has emptied out some neighbourhoods and sparked fury among people who can no longer afford to live in their own cities.

'Dark corners'
Fighting corruption does not have to be hard.

Most people would not steal if they could not keep their stolen property. Similarly, corrupt officials would not embezzle their fortunes, if it was not so easy for them to wash their money in the dark corners of the offshore world, then invest it in safe havens like the UK, Switzerland or the US.

Our weapon against this dark money is simple: light. We need to open windows into all corners of our economies, so we can see where money is from, and who owns what.

We will never stop officials being dishonest, but we do not have to make their lives so easy.

We need public registries of property and company ownership, so we can see where money is coming from.

And we need to give our law enforcement bodies the money they need to investigative the world's crooks.

Just a few successful prosecutions would drive dirty money out of our countries, thus protecting our economies and political systems, and helping our allies all over the world.

http://www.aljazeera.com/indepth/opinio ... 47134.html


“Siamo in grande rimonta, sul filo di lana"

(Matteo Renzi)
flaviomob
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 12291
Iscritto il: 19/06/2008, 19:51

Re: Corruzione nel mondo

Messaggioda flaviomob il 17/01/2018, 3:16

Corruzione, ecco dove, come e perché l’Italia fa acqua
Gianluca Zapponini


Se c’è un male tutto italiano è la corruzione. Un cancro così grande e profondo che è difficile persino quantificarlo in cifre, anche solo per somme righe. Una cosa è certa, l’Italia non dà segni particolari di reazione al fenomeno, che ogni anno strappa miliardi all’economia reale. L’ultimo Termometro, presentato questa mattina alla Camera dal think tank Riparte il futuro, parla fin troppo chiaro. Ecco che cosa racconta.

ALL’ORIGINE DEL MALE

L’origine della corruzione si chiama clientelismo, spiega il rapporto presentato a Montecitorio. Ovvero la “propensione dei governi a favorire specifici soggetti o aziende tramite l’assegnazione di commesse e appalti o facilitando l’approvazione di norme ad personam”. E qui per l’Italia sono dolori. Perchè dal confronto con i 28 stati membri dell’Ue, l’Italia nel 2015 risulta penultima seguita solo dalla Slovacchia, mentre nel 2016 è terzultima seguita da Slovacchia e Ungheria. Chi sono i primi della classe? Nemmeno a dirlo, l’Europa del Nord, ovvero Finlandia, Irlanda, Germania, Olanda e Francia. La relazione tra clientelismo e corruzione è direttamente proporzionale: al crescere dell’uno, aumenta l’altra. Dunque “quando il livello di clientelismo scende o sale, diminuisce o aumenta anche il livello di corruzione”.

TRASPARENZA, CHI ERA COSTEI?

Altro aspetto legato a doppio filo alla corruzione analizzato nel report, la trasparenza. E cambiando l’ordine degli addendi il risultato non cambia. Trasparenza vuol dire quanto siano accessibili agli attori economici le informazioni sui cambiamenti normativi inerenti alle attività di impresa. In pratica, quanto ne possono sapere gli imprenditori di quello che succede tra governo e parlamento. Anche il questo caso per l’Italia è notte fonda. “Comparando i 28 stati membri dell’Ue emerge che l’Italia è ultima classificata nel 2015 e penultima dopo l’Ungheria nel 2016. Inoltre, questo indicatore mostra una forte correlazione con il livello di corruzione nell’Ue: maggiore è la trasparenza delle decisioni pubbliche, minore il livello di corruzione”.

L’ARMA DEL DIGITALE

Nell’attesa che gli uomini diventino più onesti, c’è solo un vero, pratico antidoto, contro la corruzione nella Pa. Il digitale. Perché la carta bollata può sparire, il file lascia sempre una traccia. Risolto il problema? Macchè, l’Italia è indietro anche sul digitale. Peggio di lei fanno solo Grecia, Romania e Bulgaria. “L’Italia è quartultima classificata nel 2015 e nel 2016″, recita il rapporto. Riproponendo ancora la stretta correlazione tra corruzione e i suoi fattori scatenanti. “Più sono elevati lo sviluppo e la performance digitale in un Paese dell’Ue, inferiore è il livello di corruzione, e viceversa”.

BUROCRAZIA ALLEATA DELLA CORRUZIONE?

Un quarto indicatore misura la difficoltà riscontrata dalle aziende ad adempiere alle richieste della Pubblica amministrazione, ad esempio in materia di permessi e reportistica. E’ un viatico per la corruzione dal momento che se i tempi per avere un permesso diventano esasperanti un imprenditore o rinuncia al suo investimento oppure mette mano al portafoglio e si compra il lasciapassare. Confrontando questi dati per tutti gli Stati membri dell’Ue, si rileva che l’Italia “è in ultima posizione nel 2015 e si conferma ultima nel 2016. Anche questo indicatore mostra una forte correlazione con il livello di corruzione: negli Stati membri in cui è più facile per le aziende adempiere alle richieste della Pubblica a, il livello di corruzione è più basso”.

RENDERE DIFFICILE IL FACILE (ATTRAVERSO L’INUTILE)

Paolo Ielo, sostituto procuratore, di corruzione se ne intende. Per questo quando, intervenendo al convegno, ha dovuto dire la sua sul perchè la corruzione trova sempre terreno fertile in Italia. Ed è stato piuttosto chiaro, per non dire inquietante. Sottobanco c’è un attacco diretto allo stesso apparato pubblico, reo di incentivare, inconsciamente, il fenomeno attraverso la creazione di una selva normativa. “L’eccesso di regolazione e la scarsa qualità della regolazione, portano all’impossibilità di sapere cosa si può e cosa non si può fare, ciò che è lecito e ciò che è illecito. Talvolta sembra che tutta una serie di provvedimenti legislativi, amministrativi e perfino le sentenze, siano scritte attraverso la logica del ‘rendere difficile il facile attraverso l’inutile'”. La semplificazione – ha dichiarato Ielo – “è una qualità delle regolazione e allora se noi andiamo a vedere tutta una serie di norme, leggi, regolamenti, circolari, incappiamo nelle norme matrioska che ti rimandano di legge in legge, di regolamento in regolamento, di comma in comma, di paragrafo in paragrafo e così via”.

http://formiche.net/2017/05/25/corruzio ... ia-report/


“Siamo in grande rimonta, sul filo di lana"

(Matteo Renzi)
flaviomob
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 12291
Iscritto il: 19/06/2008, 19:51


Torna a Che fare? Discussioni di oggi per le prospettive di domani

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

cron