La Comunità per L'Ulivo, per tutto L'Ulivo dal 1995
FAIL (the browser should render some flash content, not this).

Liberi e uguali

Discussioni e proposte, prospettive e strategie per il Paese

Re: Liberi e uguali

Messaggioda mariok il 04/12/2017, 9:44

franz ha scritto:
ranvit ha scritto:E' nato il Partito per Flaviomob :D

Beh, non solo per lui, spero.
in democrazia ci si raggruppa e ci si conta.

È sperabile ma l'inizio non mi sembra dei migliori dal punto di vista della democrazia.
Un "leader incoronato" da qualche migliaia di militanti in un teatro, per decisione di quattro "big" autonominatisi anch'essi leader, non mi sembra il massimo della democrazia.
« Dopo aver studiato moltissimo il Corano, la convinzione a cui sono pervenuto è che nel complesso vi siano state nel mondo poche religioni altrettanto letali per l'uomo di quella di Maometto» Alexis de Tocqueville
mariok
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 2789
Iscritto il: 10/06/2008, 16:19

Re: Liberi e uguali

Messaggioda franz il 04/12/2017, 12:17

mariok ha scritto:È sperabile ma l'inizio non mi sembra dei migliori dal punto di vista della democrazia.
Un "leader incoronato" da qualche migliaia di militanti in un teatro, per decisione di quattro "big" autonominatisi anch'essi leader, non mi sembra il massimo della democrazia.

Ma se sono uguali, perché allora avere un leader ed altri 4 sub-comandanti?
“La politique ce n'est qu'une certaine façon d'agiter le peuple avant de s'en servir.” (Talleyrand)
Motto nei fatti ripreso da Grillo e Salvini
Avatar utente
franz
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 19421
Iscritto il: 17/05/2008, 14:58

Re: Liberi e uguali

Messaggioda ranvit il 04/12/2017, 12:33

Grasso politicamente non è nessuno....
Il resto...meglio non definirli :lol: :lol:
Il 60% degli italiani si è fatta infinocchiare votando contro il Referendum che pur tra errori vari proponeva un deciso rinnovamento del Paese...continueremo nella palude delle non decisioni, degli intrallazzi, etc etc.
ranvit
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 10669
Iscritto il: 23/05/2008, 15:46

Re: Liberi e uguali

Messaggioda pianogrande il 04/12/2017, 12:47

Accetto scommesse su quanto dura Grasso dopo le elezioni.

La mia previsione è che "il panettone" lo mangia a casa sua e sono stato largo.
Capitano che hai trovato - principesse in ogni porto - pensi mai al rematore - che sua moglie crede morto (Lucio Dalla)
pianogrande
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 8941
Iscritto il: 23/05/2008, 23:52

Re: Liberi e uguali

Messaggioda flaviomob il 04/12/2017, 15:48

Io penso che una sinistra adeguata al contesto storico che stiamo vivendo (disgregazione sociale, precarietà, insicurezza sociale pre e post crisi del 2007) dovrebbe prima strutturare sul territorio una rete solidale e poi organizzarsi nella duplice forma di partito e di sindacato. Come era con le antiche Società di mutuo soccorso, come era con la solidarietà diretta e prossimale di alcuni quartieri popolari nel dopoguerra. Oggi, nel culto dell'individualismo che lascia l'essere umano solo, isolato e inerme di fronte alla crisi, forse questa cultura si è persa per sempre. Sarebbe bello vedere i partiti e i sindacati favorevoli al reddito di cittadinanza autotassarsi per realizzarlo, magari anche solo in una forma micro-simbolica ma comunque solidale.

Come disse qualcuno, la pianta si giudica dai frutti che produce.


"Dovremmo aver paura del capitalismo, non delle macchine".
(Stephen Hawking)
flaviomob
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 12453
Iscritto il: 19/06/2008, 19:51

Re: Liberi e uguali

Messaggioda ranvit il 04/12/2017, 16:22

Dici bene flavio, ma prima ancora bisognerebbe far fuori il demone della divisione:



Quanti partiti di sinistra ha avuto l’Italia?
Scissioni, fondazioni e scioglimenti: nulla come la politica è in perenne divenire

PAOLO MAGLIOCCO
Sono almeno trenta le sigle che hanno rappresentato in un modo o nell’altro le anime della sinistra, o del centrosinistra, in Italia prima che la nascita di Liberi e Uguali venisse ad allungare la lista. Tra scissioni, nuovi movimenti, scioglimenti repentini, cartelli elettorali e insuccessi elettorali un elenco completo e preciso è praticamente impossibile e quindi anche in questa scheda manca certamente più di un nome.

Negli anni della Prima Repubblica, dal Secondo dopoguerra fino a Tangentopoli, stilare la lista non è poi così difficile. I quattro partiti storici erano PCI (comunisti), PSI (socialisti), PSDI (socialdemocratici) e, volendo, il PRI (repubblicani). Solo alla metà degli anni Sessanta, per l’esattezza nel gennaio del 1964, venne ad aggiungersi il PSIUP (partito socialista di unità proletaria), frutto, appunto, di una scissione causata dall’adesione del PSI al primo governo di centrosinistra guidato da Aldo Moro. Ad andarsene furono personaggi come Emilio Lussu e Lelio Basso. Intanto era entrato in Parlamento anche il Partito Radicale, che nacque in realtà da una scissione del Partito liberale, ma che è sempre stato ascritto alla sinistra e che nonostante molti cambi di nome (Rsa nel pugno, Lista Pannella e Lista Bonino tra gli altri) è rimasto fondamentalmente lo stesso raggruppamento dal 1955 in poi.

“Ciao, io me ne vado”: cent’anni di scissioni nella sinistra italiana


All’inizio degli anni Settanta arrivano i gruppi che vanno a occupare lo spazio a sinistra del PCI: Democrazia Proletaria (che raccoglie un arcipelago di sigle nate soprattutto con i movimenti studenteschi) e il Partito democratico di unità proletaria, poi diventato il PDUP per il comunismo di Lucio Magri e Luciana Castellina. Negli anni Ottanta invece appaiono i Verdi, fondati nel 1986 e approdati in Parlamento l’anno dopo sull’onda di un grande successo elettorale immediato. Ma quello ambientalista diventa subito un arcipelago che accanto ai Verdi del sole che ride (il simbolo storico, nato dalla battaglia contro il nucleare) vede nascere nel 1989 i Verdi arcobaleno che poi confluiscono la Federazione dei verdi. Ma nell’area della sinistra sarebbe giusto collocare anche il Partito sardo d’azione, erede di Giustizia e libertà e del Partito d’azione, oltre che della storia propria della Sardegna.

Quando il Partito Comunista decide il proprio scioglimento al Congresso di Rimini del 1991, attorno ad Armando Cossutta e Sergio Garavini nasce Rifondazione comunista, che riesce ad accorpare tutto il mondo a sinistra di quello che intanto è diventato il Partito democratico della sinistra di Achille Occhetto. Ma Tangentopoli, il crollo della Prima repubblica e l’arrivo della legge maggioritaria che costringe alle alleanze rimescolano molto le carte e complicano le cose, anche nella definizione di centro, centrosinistra e sinistra.

Nel 1994 arrivano sulla scena i Progressisti guidati da Achille Occhetto che tengono insieme i già citati PDS, Rifondazione comunista, Federazione dei verdi, ma anche quel che resta del PSI, Rinascita socialista e, tra sinistra e centro, Alleanza Democratica di Willer Bordon, La Rete di Leoluca Orlando, e i Cristiano sociali. Due anni dopo, alle elezioni vittoriose del 1996 la coalizione dell’Ulivo conta a sinistra anche il Movimento dei Comunisti Unitari di Famiano Crucianelli e la Federazione Laburista di Valdo Spini.

Passano due anni e Rifondazione si spacca: i Comunisti italiani di Armando Cossutta si staccano per non togliere il sostegno al governo di Romano Prodi come vuole il segretario Sergio Bertinotti. Nel frattempo il PDS lascia il posto ai DS, Democratici di sinistra, e perde la falce e martello ai piedi della quercia. Ma l’operazione guidata da Massimo D’Alema e poi da Walter Veltroni non riesce a unire tutta la sinistra perché parte degli ex socialisti e socialdemocratici si ritrovano nei Socialisti democratici italiani (mentre altri passano alla fine al centrodestra con il Nuovo PSI, che dunque si allontana dalla sinistra).

Romano Prodi riunisce invece i suoi attorno a I Democratici, centristi più che di sinistra che poco dopo, nel 2001, aggregano altri pezzi delle formazioni di centro e si trasformano in La Margherita, della quale diventa leader Francesco Rutelli e che dura fino al 2007. A sinistra rispondono con Il Girasole, che mette insieme i Verdi e i Socialisti Democratici ma dura lo spazio delle elezioni. Quando i DS si trasformano in Partito democratico pagano la mossa con la scissione della Sinistra democratica di Fabio Mussi, proprio mentre tutti i partiti alla sinistra dei DS tentano di unirsi nella Sinistra arcobaleno.

Ma le sigle si sparpagliano di nuovo fino a quando prende vita Sinistra ecologia libertà (SEL), che poi tenta l’avventura europea nel 2014 sotto la bandiera della lista L’altra Europa con Tsipras. Il resto è cronaca: Liberi e uguali deve dimostrare di riuscire a tenere insieme la formazione battezzata Possibile di Pippo Civati, la Sinistra italiana di Stefano Fassina, Articolo 1-Movimento Democratico e Progressista di Roberto Speranza, Pier Luigi Bersani e Massimo D’Alema. E magari, se possibile, anche convincere i potenziali elettori.

http://www.lastampa.it/2017/12/04/socie ... agina.html

Il 60% degli italiani si è fatta infinocchiare votando contro il Referendum che pur tra errori vari proponeva un deciso rinnovamento del Paese...continueremo nella palude delle non decisioni, degli intrallazzi, etc etc.
ranvit
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 10669
Iscritto il: 23/05/2008, 15:46

Re: Liberi e uguali

Messaggioda Robyn il 04/12/2017, 18:15

Anche nei confronti dei sindacati c'è separazione al pari di altri corpi sociali ,non c'è più la cinghia di trasmissione,cioè c'è piena indipendenza di giudizio senza per questo venire meno all'ascolto e prendere ciò che è giusto,certo possono esserci corpi dove si realizza la solidarietà.In merito a liberi e uguali,uguali nei punti di partenza,uguali di fronte alla legge,se saremmo tutti uguali non saremmo liberi perche non ci sarebbe meritocrazia,ma le disuguaglianze sociali se sono troppo ampie vanno riportate al giusto equilibrio.Se tutti fossimo uguali cadremmo nel falso universalismo.Se ci fosse la cinghia di trasmissione partiti-sindacati sarebbe giustificata anche la cinghia di trasmissione cattolici-chiesa ma questo è contro la laicità,sarebbe giustificata anche la cinghia di trasmissione fra poteri finanziari e partiti ,ma questo significherebbe fare gli interessi delle lobbyes.Altra cosa è l'ascolto e prendere ciò che si ritiene giusto,in breve dare spazio a interessi legittimi della democrazia
Ultima modifica di Robyn il 04/12/2017, 18:44, modificato 2 volte in totale.
Avatar utente
Robyn
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 7319
Iscritto il: 13/10/2008, 9:52

Re: Liberi e uguali

Messaggioda mauri il 04/12/2017, 18:41

ci vorrebbe il ritorno di un sano trotskismo
"La vita è bella. Invito le generazioni future a purificarla da ogni male, oppressione e violenza e a goderla a pieno"
ciao mauri
mauri
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 1814
Iscritto il: 16/06/2008, 10:57

Re: Liberi e uguali

Messaggioda Robyn il 04/12/2017, 18:51

Perche,cosa sosteneva troski?
Avatar utente
Robyn
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 7319
Iscritto il: 13/10/2008, 9:52

Re: Liberi e uguali

Messaggioda ranvit il 04/12/2017, 19:45

Oh Signore!....
Il 60% degli italiani si è fatta infinocchiare votando contro il Referendum che pur tra errori vari proponeva un deciso rinnovamento del Paese...continueremo nella palude delle non decisioni, degli intrallazzi, etc etc.
ranvit
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 10669
Iscritto il: 23/05/2008, 15:46

PrecedenteProssimo

Torna a Che fare? Discussioni di oggi per le prospettive di domani

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 4 ospiti