La Comunità per L'Ulivo, per tutto L'Ulivo dal 1995
FAIL (the browser should render some flash content, not this).

Covid-19 - Tiriamo le somme

Discussioni e proposte, prospettive e strategie per il Paese

Re: Covid-19 - Tiriamo le somme

Messaggioda trilogy il 31/07/2021, 23:28

pianogrande ha scritto:Questo articolo di Repubblica considera "vaccinato" chi ha ricevuto la doppia dose.
https://www.repubblica.it/cronaca/2021/ ... 311978649/
Anche sul sito del governo

https://www.governo.it/it/cscovid19/report-vaccini/

per "vaccinato" si intende la doppia dose


Si ma il campione non è rappresentativo. Quel numero non significa che il vaccino copre al 99% perché se a febbraio avevo 59 milioni di non vaccinati e 1 milione di vaccinati è scontato che avrò più morti tra i non vaccinati. L'iss l'aveva l'aveva precisato.

...la notizia giornalistica è stata ricavata da un dato riportato a pagina 9 del documento e a cui l’Istituto superiore di sanità ha dato una rilevanza più che marginale, specificando esplicitamente che “questo dato non può fornire informazioni circa l’efficacia della vaccinazione, ma viene fornito con finalità puramente descrittive...
L'Europa non deve omologarsi alle follie del politically correct che si vedono sempre più spesso altrove, anche perché a livello di diritti umani e di umanità in generale abbiamo tanto da insegnare a molte nazioni". (E. Canalis)
Avatar utente
trilogy
Redattore
Redattore
 
Messaggi: 4667
Iscritto il: 23/05/2008, 22:58

A quando un vaccino "aggiornato"?

Messaggioda diffidente il 31/07/2021, 23:57

Essendo il virus "variante Delta" leggermente, ma significativamente, diverso dal ceppo isolato ad inizio pandemia non è sorprendente che i vaccini realizzati partendo da quest'ultimo abbiano un'efficacia minore, sia pure non di molto, che nei confronti del virus "originario"; ricordiamo però che i manager di pfizer e modeRNA avevano detto più volte che la tecnologia a mRNA avrebbe permesso di "aggiornare" i vaccini agevolmente, in quanto la sequenza nucletodica delle varianti era perfettamente nota e non cambia molto riprodurne una piuttosto che un'altra. Bene, per motivi matematici era fin troppo prevedibile che la "variante Delta" sarebbe diventata prevalente anche in Italia e in Europa, per cui ci saremmo aspettati che le aziende si fossero mosse per tempo e che avrebbero allestito un vaccino specifico per la variante Delta disponibile per il 2021. Però vediamo che siamo a 2021 inoltrato e ancora Pfizer e ModeRNA continuano a fornire il vaccino "vecchio", penso che sarebbe meglio cambiarlo e vaccinare le persone con un vaccino su misura delle varianti che circolano effettivamente. Evidentemente aggiornare il vaccino costa, anche se dubito che si tratti di cifre altissime, e queste aziende hanno il braccino corto, sarebbe bene che la comunità scientifica e la politica suonasse la sveglia.
diffidente
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 399
Iscritto il: 09/03/2014, 14:25

Re: Covid-19 - Tiriamo le somme

Messaggioda franz il 01/08/2021, 8:29

trilogy ha scritto:Sulla lettura delle statistiche bell'articolo anche questo. Purtroppo molte delle notizie che si leggono anche sui mezzi d'informazione "attendibili" sono errate o falsate da una poca conoscenza del campionamento statistico.

https://www.wired.it/scienza/medicina/2 ... re-sanita/

In effetti la soluzione migliore è fare l'integrale delle due popolazioni giornaliere (quella crescente dei vaccinati e quella decrescente dei non vaccinati e fare la proporzione tra queste due sommatorie. Anti, la proporzione tra le singole sommatorie e la popolazione totale, che diamo per fissa anche se ci sono costantemente nascite, decessi, arrivi e partenze.
L'ho fatto un paio di mesi fa per i dati americani ma bisogna appunto avere i dati giornalieri, non un report con i totali.
Be careful when you follow the masses;
Sometimes the M is silent.
Avatar utente
franz
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 21730
Iscritto il: 17/05/2008, 14:58

Re: Vaccini ad hoc contro la "variante Delta"?

Messaggioda franz il 01/08/2021, 8:37

diffidente ha scritto:Non solo AstraZeneca, ma anche Pfizer e ModeRNA a distanza di quasi due anni dallo scoppio della pandemia, causata, come sappiamo, da un virus che muta con una certa frequenza, continuano a proporre un vaccino "vecchio", sviluppato sulla base del ceppo isolato nei primi mesi del 2020, quando sarebbe ora che le vaccinazioni effettuate da qui al prossimo futuro fossero fatte con vaccini sviluppati sulla base della variante largamente prevalen ovvero la "Delta". Credo che la comunità scientifica, oltre che la politica, dovrebbe fare pressione sui Consigli di Amministrazione di queste aziende farmaceutiche affinché smettano di dormire sugli allori e si diano da fare per ottenere vaccini "aggiornati" e non obsoleti.

Pfizer e ModeRNA hanno già annunciato (più o meno in luglio) di avere pronti i nuovi vaccini adattati alle varianti.
Per loro è semplice produrli perché basta inserire nel rivestimento lipidico il nuovo mRNA e la formulazione è pronta.
Non serve nemmeno rifare le fasi di test, come nel caso dell'influenza. C'è da dire che invece queste due aziende hanno impiegato il tempo di questi mesi a condurre le fasi di test per la classe di età 12-16 e 12-18. Altrettanto importanti.

Diverso il caso di AZ e J&J che sono a vettore virale. Qui va cercato un nuovo vettore, visto che il precedente è "bruciato" in quanto ormai conosciuto dal nostro sistema immunitario.

Tornando ai vaccini a mRNA "vecchi" questi riconoscono la proteina Spike nuova e contrastano il virus esattamente come prima. La differenza è che Delta si presenta con una carica virale 10 più alta di Alfa (indicazione CDC) e secondo uno studio cinese 1'000 volte maggiore della versione base (19A di Wuhan). Non è chiaro se questa differenza di calcolo sia dovuta ad una confusione tra logaritmi in base 2 e 10 :-)

La prova è che alla fine il vaccino ce la fa e le persone vaccinate non si ammalano in modo grave e non muoiono. Segno che il nostro sistema immunitario, dopo alcvuni giorni iniziali di difficoltà dovuta alla grande carica virale, lavora bene.

Qui un articolo di Enrico Bucci sul tema
https://cattiviscienziati.com/2021/07/3 ... -e-del-cdc
Qui le slide di Fauci (in realtà CDC)
https://cattiviscienziati.com/wp-conten ... o-rise.pdf
Be careful when you follow the masses;
Sometimes the M is silent.
Avatar utente
franz
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 21730
Iscritto il: 17/05/2008, 14:58

Re: Covid-19 - Tiriamo le somme

Messaggioda trilogy il 01/08/2021, 19:29

Bellina la matrice di confronto di fauci tra mortalità e trasmissibilità dei vari virus. Se la variante delta fosse letale come ebola sarebbe un ecatombe. :roll:
L'Europa non deve omologarsi alle follie del politically correct che si vedono sempre più spesso altrove, anche perché a livello di diritti umani e di umanità in generale abbiamo tanto da insegnare a molte nazioni". (E. Canalis)
Avatar utente
trilogy
Redattore
Redattore
 
Messaggi: 4667
Iscritto il: 23/05/2008, 22:58

Re: Covid-19 - Tiriamo le somme

Messaggioda Robyn il 01/08/2021, 23:42

Forse potremmo decidere per convincere i no vax a vaccinarsi di usare la moneta parallela data in modo casch e pronta all'uso per gli acquisti distribuita al momento del vaccino insieme al pass
Allegati
sesterzio-1200-1-330x173.jpg
sesterzio-1200-1-330x173.jpg (12.72 KiB) Osservato 842 volte
Locke la democrazia è fatta di molte persone
Avatar utente
Robyn
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 10133
Iscritto il: 13/10/2008, 9:52

Re: Covid-19 - Tiriamo le somme

Messaggioda trilogy il 10/08/2021, 20:05

Vaccini, Moderna meglio di Pfizer contro la variante Delta.

Sia il vaccino Moderna che lo Pfizer sono efficaci nel prevenire i ricoveri, mentre sul fronte dei contagi il primo sembra essere migliore. Lo affermano due studi, ancora in preprint, secondo cui il Moderna sembra più difficile da ‘evadere’ da parte della variante Delta.

Vaccini, Moderna meglio di Pfizer contro la variante Delta
Nel primo studio sono stati esaminati i dati di 50mila persone vaccinate dal Mayo Clinic Health System. L’efficacia nel prevenire l’infezione da parte di Moderna è scesa dall’86% dell’inizio del 2021 al 76% a luglio, mentre per Pfizer si è passati dal 76% al 42%.

“I vaccini sono stati progettati e testati per la riduzione dei casi sintomatici, dei ricoveri e dei decessi – ricordano gli autori -. Questo studio conferma l’efficacia nell’ottenerla, anche in presenza dell’evoluzione di varianti più trasmissibili.

In generale nella popolazione che abbiamo studiato entrambi i vaccini riducono fortemente il rischio di infezione e casi gravi. Ma gli individui vaccinati con Moderna hanno metà della probabilità di infettarsi rispetto a quelli vaccinati con Pfizer”.

Un altro studio, del Lunenfeld-Tanenbaum Research Institute di Toronto, ha esaminato la risposta alla vaccinazione di una popolazione di anziani. In questo caso si è visto che il livello di anticorpi generato dal vaccino Moderna era maggiore rispetto all’altro
L'Europa non deve omologarsi alle follie del politically correct che si vedono sempre più spesso altrove, anche perché a livello di diritti umani e di umanità in generale abbiamo tanto da insegnare a molte nazioni". (E. Canalis)
Avatar utente
trilogy
Redattore
Redattore
 
Messaggi: 4667
Iscritto il: 23/05/2008, 22:58

Re: Covid-19 - Tiriamo le somme

Messaggioda franz il 18/08/2021, 7:43

Molto interessante e lo sarebbe ancora di più se tu potessi integrare con le fonti.

Potrebbe spiegare le differenze tra Israele, che vede una ripresa dei contagi malgrado il 60% vaccinato, e altri paesi in cui i vaccinati si infettano meno malgrado siano meno avanti con la vaccinazione. Infatti Israele ha usato prevalentemente Pfizer mentre la Svizzera (40% di vaccinati) per 2/3 Moderna.

Ma, ripeto, mi interessa l'articolo o lo studio che ha descritto tutto ciò.
Be careful when you follow the masses;
Sometimes the M is silent.
Avatar utente
franz
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 21730
Iscritto il: 17/05/2008, 14:58

Re: Covid-19 - Tiriamo le somme

Messaggioda diffidente il 19/08/2021, 11:36

Da quello che si può dire, i vaccini sono necessari, ma non sufficienti per poter parlare di un "dopo pandemia", un po' perché - seppur in misura limitata- il virus circola anche fra persone vaccinate, un po' perché in Africa quasi nessuno è vaccinato, nonostante l' AstraZeneca sarebbe disponibile per quelle persone a un costo accettabile, e vi è un'lta probabilità che lì si creino varianti "antivaccino" che con i barconi dei presunti profughi arriverebbero fin troppo facilmente in Italia e in Europa. Per certi aspetti è come un ombrello: servono sia il tessuto impermeabile - i vaccini- che le bacchette - i farmaci antivirali-. Ad oggi questi ultimi non ci sono ancora, cosa comprensibile dato che è passato poco più di un anno e ci vuole tempo per la ricerca di nuovi antivirali. Però bisogna dire che in questo, forse le aziende farmaceutiche europee non sono esenti da tirate d'orecchie, perché pare che non abbiano ancora iniziato a svilupparne uno. In un recente convegno sul Covid19 un rappresentante di unìimportante azienda elvetica ha infatt detto che " ci avevate promesso che con i vaccini la pandemia sarebbe finita, cosa volete adesso"?
diffidente
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 399
Iscritto il: 09/03/2014, 14:25

Re: Covid-19 - Tiriamo le somme

Messaggioda franz il 23/08/2021, 14:54

diffidente ha scritto:Da quello che si può dire, i vaccini sono necessari, ma non sufficienti per poter parlare di un "dopo pandemia", un po' perché - seppur in misura limitata- il virus circola anche fra persone vaccinate, un po' perché in Africa quasi nessuno è vaccinato, nonostante l' AstraZeneca sarebbe disponibile per quelle persone a un costo accettabile, e vi è un'lta probabilità che lì si creino varianti "antivaccino" che con i barconi dei presunti profughi arriverebbero fin troppo facilmente in Italia e in Europa. Per certi aspetti è come un ombrello: servono sia il tessuto impermeabile - i vaccini- che le bacchette - i farmaci antivirali-. Ad oggi questi ultimi non ci sono ancora, cosa comprensibile dato che è passato poco più di un anno e ci vuole tempo per la ricerca di nuovi antivirali. Però bisogna dire che in questo, forse le aziende farmaceutiche europee non sono esenti da tirate d'orecchie, perché pare che non abbiano ancora iniziato a svilupparne uno. In un recente convegno sul Covid19 un rappresentante di unìimportante azienda elvetica ha infatt detto che " ci avevate promesso che con i vaccini la pandemia sarebbe finita, cosa volete adesso"?

Ad ora 5 miliardi di dosi (quasi due miliardi completamente vaccinati) e quindi la promessa non vale fintanto che non si vaccinano tutti. Piu' che nuovi antivirali è interessante la ricerca clinica su farmaci già esistenti, di cui già si conosce la tossicità e che ora sarebbero off-label ma potrebbero essere un domani usati, se i trial li confermano come e efficaci.
Be careful when you follow the masses;
Sometimes the M is silent.
Avatar utente
franz
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 21730
Iscritto il: 17/05/2008, 14:58

PrecedenteProssimo

Torna a Che fare? Discussioni di oggi per le prospettive di domani

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 12 ospiti