La Comunità per L'Ulivo, per tutto L'Ulivo dal 1995
FAIL (the browser should render some flash content, not this).

Europa, lockdown a catena

Discussioni e proposte, prospettive e strategie per il Paese

Europa, lockdown a catena

Messaggioda franz il 03/11/2020, 9:57

Quattro stati hanno annunciato un nuovo confinamento sabato. Chiudono bar e ristoranti, le scuole restano aperte
Ultima modifica: 01 novembre 2020 20:48

Dopo Francia e Germania mercoledì, sabato altri quattro stati europei hanno annunciato l’introduzione di misure di confinamento nel tentativo di contenere la seconda ondata della pandemia.

L’Austria chiude ristoranti, alberghi, cinema e teatri e impone un coprifuoco dalle 20.00 alle 6.00. Sono invece risparmiate scuole, negozi e industria. Le misure entreranno in vigore mercoledì e rimarranno attive fino a fine mese.

Situazione simile nel Regno Unito, dove si contano oltre un milione di contagi. Le restrizioni saranno applicate a partire da giovedì, per la durata di un mese. La stretta prevede la chiusura di tutti i negozi non essenziali (escluse farmacie e supermercati), delle attività ricreative e sociali, di alberghi, ristoranti e bar. Scuole e università resteranno aperte, e si dovrà lavorare da casa quando possibile.

In Portogallo il lockdown interesserà circa il 70% della popolazione, ovvero gli abitanti di 121 municipalità incluse le regioni di Lisbona e Porto. Sarà consentito recarsi al lavoro qualora l’home office non fosse possibile. A partire da mercoledì, i cittadini sono invitati a non uscire di casa al di fuori del lavoro, della scuola e della spesa.

Da martedì scatteranno le restrizioni anche in Grecia, che ha optato per un lockdown parziale. Nella zona rossa, che comprende anche Atene e Salonicco, vigerà un coprifuoco notturno. Chiusi bar, ristoranti, palestre, teatri e cinema. Restano aperti scuole, alberghi, parrucchieri e negozi al dettaglio. Gli spostamenti tra le regioni sono consentiti.

La prima nazione dell’Unione europea a reintrodurre un lockdown nazionale è stata l’Irlanda, il 21 ottobre. Francia e Germania hanno seguito il 29.
https://www.rsi.ch/news/mondo/Europa-lo ... 66418.html
====

E a proposito di Irlanda, si vedono già i risultati di quanto deciso il 21 ottobre, quando entrava in vigore il semi lockdown. Tra le altre cose sono state chiuse le attività non essenziali, i bar e i ristoranti per 6 settimane.
Sono passate due settimane ed il calo dei contagi è stato del 60%. Da 1’200, a 546.

Cosa c'è di strano, direte. L'aspetto singolare è che il calo è stato avvertito subito, già due o tre giorni l'inizio ufficiale del blocco.

Solitamente si pensa che l'effetto delle misure sia osservabile dopo un paio di settimane e che per l'effetto completo ne servano almeno quattro. Si ritiene tuttavia che parte della popolazione, su base volontaria, si fosse già messa in isolamento e questo lo si vede dalle statistiche Google Covid19 Mobility.

L'Irlanda è stata la prima a predisporre un semi-lockdown durante la seconda ondata e altre nazioni l'hanno seguita. Ora si pensa a misure simili anche in Svizzera, dove la situazione è ben più grave dell'Irlanda.
Be careful when you follow the masses;
Sometimes the M is silent.
Avatar utente
franz
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 21432
Iscritto il: 17/05/2008, 14:58

Torna a Che fare? Discussioni di oggi per le prospettive di domani

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 22 ospiti

cron