La Comunità per L'Ulivo, per tutto L'Ulivo dal 1995
FAIL (the browser should render some flash content, not this).

recovery fund

Discussioni e proposte, prospettive e strategie per il Paese

Re: recovery fund

Messaggioda Robyn il 20/07/2020, 13:36

Recovery fund l'Europa pronta a bocciare l'intesa.Questa Europa e' malata di burocrazia male che discende da opposte fazioni i fautori della spesa,i fautori dell'austerity.Per il recovery fund basta presentare un programma alla commissione europea che e' soggetto a una precisa linea.La linea e' che c'e' un'utilizzo <esclusivo> del recovery fund,per ex per investimenti,il che esclude in partenza utilizzi diversi dagli investimenti ad ex e' leggittimo un'utilizzo del recovery fund per investimenti che possono diminuire la spesa nella Pa.In caso di utilizzo diverso da quello previsto dalla linea esclusiva prescelta la commissione europea blocca i finanziamenti del recovery fund al paese membro che li sta' usando male.I finanziamenti a fondo perduto rimangono a 500 mld e per le violazioni dello stato di diritto dei paesi di Visegrad l'Europa deve far valere il suo principio di supremazia attraverso il parlamento.Quota 100?Quota 100 non e' un problema perche e' in scadenza.L'Italia sul recovery fund sara' inflessibile
Locke la democrazia è fatta di molte persone
Avatar utente
Robyn
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 9448
Iscritto il: 13/10/2008, 9:52

Re: recovery fund

Messaggioda Robyn il 20/07/2020, 16:11

Adesso bisogna chiudere l'Europa non puo' piu' aspettate date le condizioni non si poteva fare meglio
Locke la democrazia è fatta di molte persone
Avatar utente
Robyn
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 9448
Iscritto il: 13/10/2008, 9:52

Re: recovery fund

Messaggioda franz il 20/07/2020, 19:40

L'Europa dice: se non ti piacciono le mie pesche, non scuotere il mio albero!

https://www.youtube.com/watch?v=QhLmHOa9-FE

FAIL (the browser should render some flash content, not this).
Be careful when you follow the masses;
Sometimes the M is silent.
Avatar utente
franz
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 21216
Iscritto il: 17/05/2008, 14:58

Re: recovery fund

Messaggioda Robyn il 20/07/2020, 21:12

Di piu' di questo non si puo' dobbiamo accettarlo cosi com'e'.Quelli come te fanno il gioco dei nazionalisti e i nazionalisti hanno fatto il gioco dell'Olanda perche qualcuno ha creato i nazionalisti.Se Di Maio non avrebbe detto che 80 mld si potevano usare per la riforma fiscale,una cosa fatta a dispetto,non sarebbe finita cosi l'intesa sarebbe stata migliore per i mediterranei e anche per i frugali.Non e' cosi' che si fa' l'interesse nazionale in europa.Quando il nazionalismo si mette in mezzo i danni sono incalcolabili e a rimetterci e' lo spirito europeo e gli europeisti.In ogni caso c'e' sempre la corte costituzionale europea che verifica se l'intesa e' compatibile con la costituzione europa.Non e' con il nazionalismo che si fa' l'interesse nazionale,se non si fa' l'interesse europeo non si puo' fare neanche l'interesse nazionale
Locke la democrazia è fatta di molte persone
Avatar utente
Robyn
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 9448
Iscritto il: 13/10/2008, 9:52

Re: recovery fund

Messaggioda franz il 21/07/2020, 6:45

E alla fine, hanno firmato

https://www.repubblica.it/politica/2020 ... 262501668/

Vertice Ue, firmato l'accordo sul Recovery Fund. Conte: "Tutelata la dignità dell'Italia"Vertice Ue, firmato l'accordo sul Recovery Fund. Conte: "Tutelata la dignità dell'Italia"
Ha una dotazione di 750 miliardi di euro, di cui 390 miliardi di sussidi. Il bilancio è stato fissato a 1.074 miliardi

dal nostro corrispondente ALBERTO D'ARGENIO

21 luglio 2020
BRUXELLES - E’ finalmente accordo sul Recovery Fund: i leader europei impegnati in duri negoziati da venerdì scorso, alle 5,32 del mattino, dopo l’ennesima notte di trattative, con gli occhi cerchiati dalla stanchezza approvano per acclamazione e applauso finale il testo di un vertice combattuto fino all’ultimo, che in più di un’occasione è arrivato a un passo dal fallimento e risolto sul filo di lana nell’ennesimo incontro sulle riforme tra Conte e Rutte, guidati da Merkel e Macron. Può dunque vedere la luce il piano straordinario da 750 miliardi per salvare i paesi più colpiti dal Covid dal tracollo finanziario. Soldi che saranno reperiti da Bruxelles tramite gli Eurobond. Un passo storico per l’Unione, che cambia le politiche economiche del continente al termine di un drammatico summit, che entrato nel quinto giorno di trattative, supera per lunghezza il record di quattro giorni e quattro notti di colloqui del vertice di Nizza del 2000.

"Deal!", scrive il presidente del Consiglio Europeo Charles Michel su Twitter. E pochi minuti dopo dichiara: "Ce l'abbiamo fatta, l'Europa è forte ed unita". "E' un ottimo accordo, e accordo giusto", ha commentato visibilmente soddisfatto. "Ed è un segno concreto che l'Europa è una forza in azione", ha aggiunto Michel.

"Abbiamo conseguito questo risultato tutelando la dignità del nostro Paese e l'autonomia delle istituzioni comunitarie", dice il premier Giuseppe Conte in conferenza stampa al termine del Consiglio europeo. E aggiunge: "Il governo italiano è forte: la verità è che l'approvazione di questo piano rafforza l'azione del governo italiano. Ora avremo una grande responsabilità: con 209 miliardi abbiamo la possibilità di far ripartire l'Italia con forza e cambiare volto al Paese. Ora dobbiamo correre". e a domanda risponde: "La mia posizione non è mai cambiata. Il Mes non è il nostro obiettivo. L'obiettivo è valutare il quadro di finanza pubblica e utilizzare tutti i piani che sono nell'interesse dell'Italia.Il piano che oggi approviamo ha assoluta priorità. Ci sono prestiti molto vantaggiosi".".

"E' un giorno storico per l'Europa", commenta il presidente francese, Emmanuel Macron. "L'Europa ha dimostrato di essere in grado di aprire nuovi orizzonti in una situazione cosi' speciale", dichiara la cancelliera tedesca Angela Merkel nella conferenza stampa congiunta con Macron.

"Un pacchetto senza precedenti - ricorda la presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen- Il Recovery and Resilience Facility è stabilito in una maniera molto chiara: è volontario, ma chi vi accede deve allinearsi con il Semestre europeo e le raccomandazioni ai Paesi". "Finora dipendeva solo dai Paesi rispettarle o meno - aggiunge - ma ora le raccomandazioni sono legate a sussidi e potenziali prestiti".

Ieri sera dopo un’altra infinita giornata di bilaterali e rinvii del decisivo incontro a ventisette, Charles Michel ha radunato i capi di Stato e di governo e insieme alla cena ha servito la nuova bozza di accordo, attesa da 48 ore. La proposta salva i 750 miliardi del Recovery, anche se dei 500 miliardi a fondo perso 110 si trasformano in prestiti su spinta dei “frugali”, che ottengono anche un aumento dei loro rebates, gli sconti ai versamenti al Bilancio comune 2021-2027. L’equilibrio finale del Recovery è dunque di 390 miliardi di sovvenzioni da non rimborsare e 360 miliardi di prestiti.

Grazie a uno spostamento delle poste all’interno del “Next Generation Eu”, l’Italia limita i danni e perde 3,8 miliardi di aiuti diretti, con l’asticella a 81,4. Guadagna invece 38 miliardi di prestiti, nella nuova versione pari a 127 miliardi. Sommando le due voci, dei 750 miliardi europei 208 andrebbero al nostro Paese, confermato primo beneficiario del Fondo davanti alla Spagna. I soldi degli Eurobond inizieranno ad arrivare nel secondo trimestre del 2021, ma all’ultimo i leader hanno deciso che potranno essere usati retroattivamente anche per coprire le misure prese dal febbraio 2020, purché compatibili con gli obiettivi del Recovery.

L’Italia però sarà sorvegliata speciale sull’uso dei finanziamenti. Nella prima proposta di Ursula von der Leyen, sarebbe stata la Commissione europea a decidere sui fondi, lasciando ai governi un ruolo marginale. Soluzione contrastata sin da inizio lavori da Mark Rutte, intenzionato ad avere un diritto di veto per costringere Roma anche alle riforme più impopolari in cambio dei fondi. Di fronte alla pressione olandese, dopo giorni di scontri con Conte, che resteranno nella memoria collettiva del vertice, prima di mezzanotte si è registrato un nuovo, ultimo, duello tra i due che ha costretto Michel a interrompere di nuovo la seduta plenaria che avrebbe dovuto approvare il testo finale. Conte e Rutte sono stati scortati in una stanza separata da Merkel e Macron e si è arrivati all’intesa.

La soluzione prevede che quando (il prossimo autunno) un governo proporrà il suo Piano nazionale di riforme, precondizione per accedere al Recovery, la Commissione deciderà entro due mesi se promuoverlo in base al tasso di rispetto di politiche verdi, digitali e delle raccomandazioni Ue 2019-2020: per l’Italia riforme di pensioni, lavoro, giustizia, pubblica amministrazione, istruzione e sanità. Su richiesta di Rutte, contrastata invano da Conte, il giudizio di Bruxelles sarà però votato anche dai ministri a maggioranza qualificata: un gruppo di paesi che rappresenta il 35% della popolazione potrebbe bloccarlo, anche se i “piccoli” nordici per riuscirci dovrebbero trovare l’appoggio di un partner medio-grande.

Rutte è inoltre riuscito a imporre un “Super freno d’emergenza” per i successivi esborsi dei soldi, condizionati alla verifica degli obiettivi intermedi del Piano di riforme nazionale. Significa che le singole decisioni sui pagamenti della Commissione dovranno essere confermate dagli sherpa dei ministeri delle Finanze della zona euro (Efc) «per consenso»: qualcosa meno di un diritto di veto.

Inoltre – e su questo si è litigato - «se uno o più governi» dovessero vedere «serie deviazioni dai target», potranno chiedere che la situazione di un singolo Paese venga discussa dai leader al successivo Consiglio europeo, con la Commissione che dovrà bloccare i pagamenti. I leader dovranno risolvere la faccenda «in modo decisivo», compariva nell’ultima bozza di Michel. Una formulazione volutamente ambigua del processo politico sulle riforme che avrebbe dato modo a Rutte di interpretarlo come un veto mascherato e a Conte come una semplice discussione. Il premier italiano però nella notte ha contrastato questa formula, giudicata pericolosa per il futuro, fino al litigio con l’olandese.

Così nell’ultima riunione separata terminata all’una di notte, Conte - assistito sempre dal ministro Amendola, dal consigliere diplomatico Piero Benassi, dal rappresentante permanente presso la Ue Maurizio Massari e, collegato dal Tesoro, da Roberto Gualtieri - sotto gli occhi Merkel e Macron è riuscito a far scrivere che i leader dovranno affrontare il nodo riforme «in modo esaustivo», allontanando lo spettro dell’unanimità. Tutto il processo potrà durare al massimo tre mesi, al termine dei quali sarà comunque la Commissione ad avere l’ultima parola sui fondi, scartando la richiesta olandese di lasciare la decisione finale ai governi.

La procedura potrebbe quanto meno rallentare l’arrivo dei soldi ed esporre il governo a condizionamenti politici delle altre capitali sulle riforme. Una soluzione in fondo gradita anche a Merkel e Macron, che hanno contrastato la richiesta di veto olandese, giudicata illegale, ma contenti di controllare che l’Italia non sprechi i fondi. La coppia franco-tedesca ha invece difeso Conte dal taglio dei soldi, con gli stessi nordici che hanno lottato contro i sussidi per ragioni mediatiche e politiche interne ai loro paesi, ma non hanno mai cercato di intaccare l’assegno per l’Italia. Anzi, hanno sempre pensato che Roma e Madrid dovessero essere salvate, alle loro condizioni, e hanno puntato a sfilare soldi ad altri paesi, come la Polonia, per via dello scarso impatto del virus e del mancato rispetto dei diritti fondamentali.

Durante la cena dei leader è stato infine superato anche lo scontro proprio tra Macron e Rutte, convinti di vincolare i fondi al rispetto dello stato di diritto, e Orbàn e Morawiecki: alla fine il principio è stato introdotto, ma in modo meno spigoloso di quanto avrebbero voluto Parigi e le capitali nordiche, i cui parlamenti sono molto sensibili ai diritti. Il resto della notte è volata nella limatura dei dettagli. Alle 5.15 Michel ha convocato l’ultima seduta plenaria. Alle 5,32 del mattino lo storico annuncio.
Be careful when you follow the masses;
Sometimes the M is silent.
Avatar utente
franz
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 21216
Iscritto il: 17/05/2008, 14:58

Re: recovery fund

Messaggioda franz il 21/07/2020, 7:06

Vedere anche https://www.lastampa.it/esteri/2020/07/ ... 1.39106888?

Interessante: "Nella notte Giuseppe Conte ha tentato un ultimo assalto per annacquare quel passaggio, ottenendo la modifica di alcuni aggettivi che lasciano però inalterato l'impianto del meccanismo." Limare gli aggettivi. Se non sbaglio da «in modo decisivo» a «in maniera esaustiva». Così Conte può dire "Tutelata la dignità dell'Italia".
Ma un solo Paese potrà tirare il freno e bloccare per tre mesi i pagamenti.
Be careful when you follow the masses;
Sometimes the M is silent.
Avatar utente
franz
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 21216
Iscritto il: 17/05/2008, 14:58

Re: recovery fund

Messaggioda Robyn il 21/07/2020, 7:56

L'intesa va` piu` che bene per tutti.Per l'Italia non cambia nulla 80+120 e i frugali hanno degli sconti sui contributi perche utilizzano poco il recovery fund e questo permette a Rutte di dire in Olanda paghiamo poco,una cifra simbolica,perche usiamo poco il recovery fund arginando i partiti antieuropeisti del suo paese.Allo stesso tempo viene superato il punto piu' critico sulla governance,ci sara' solo un passaggio preliminare che fara' una semplice relazione,ma sara' la commissione europea presieduta dalla Presidente Ursula Von Der Leyen a decidere sul da farsi.L'Europa adesso dopo aver superato un passaggio cosi` difficile puo` fare sogni tranquilli
Locke la democrazia è fatta di molte persone
Avatar utente
Robyn
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 9448
Iscritto il: 13/10/2008, 9:52

Re: recovery fund

Messaggioda franz il 21/07/2020, 18:01

Dunque, tra un po' (primavera 2021) arriveranno centinaia di miliardi. Piatto ricco mi ci ficco. Siamo sicuri che in autunno sarà questo governo a raccogliere il frutto di questo accordo? Non pensate che si metteranno in moto appetiti e si cercheranno nuove maggioranze? Ma no, dai, impossibile. Conte, stai sereno. ;)
Be careful when you follow the masses;
Sometimes the M is silent.
Avatar utente
franz
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 21216
Iscritto il: 17/05/2008, 14:58

Re: recovery fund

Messaggioda pianogrande il 21/07/2020, 19:25

franz ha scritto:Dunque, tra un po' (primavera 2021) arriveranno centinaia di miliardi. Piatto ricco mi ci ficco. Siamo sicuri che in autunno sarà questo governo a raccogliere il frutto di questo accordo? Non pensate che si metteranno in moto appetiti e si cercheranno nuove maggioranze? Ma no, dai, impossibile. Conte, stai sereno. ;)


Con la popolarità di Conte, con la destra fascista della Meloni che è salita (insieme a Forza Italia) sul carro del vincitore e Renzi che si è rabbonito e dà solo suggerimenti su come spendere i soldi, credo proprio che di governi alternativi all'orizzonte non ce ne siano.

Credo che perfino gli industriali, con quel soggetto che ha sbagliato secolo e che si chiama Bonomi, smetteranno di ostacolare il governo (a meno che non parta una lotta all'evasione fiscale che vada oltre le solite chiacchiere).

Insomma direi che un po' di stabilità, magari da pagare cara in futuro se si faranno i soliti errori, sia garantita per un po'.
Fotti il sistema. Studia.
pianogrande
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 9936
Iscritto il: 23/05/2008, 23:52

Re: recovery fund

Messaggioda Robyn il 22/07/2020, 10:21

In Europa nessun paese membro puo` bloccare in modo discrezionale i fondi ad un altro paese membro perche esiste una clausola di protezione.In sintesi si puo`solo se esiste una palese deviazione dal target altrimenti non se ne fa` niente,se fosse discrezionale ogni paese membro bloccherebbe un'altro paese membro,sarebbe un processo paralizzante reciproco.Adesso non ci rimane che usare bene il recovery fund
Locke la democrazia è fatta di molte persone
Avatar utente
Robyn
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 9448
Iscritto il: 13/10/2008, 9:52

PrecedenteProssimo

Torna a Che fare? Discussioni di oggi per le prospettive di domani

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Robyn e 18 ospiti