La Comunità per L'Ulivo, per tutto L'Ulivo dal 1995
FAIL (the browser should render some flash content, not this).

Fine vita per Francesco

Discussioni e proposte, prospettive e strategie per il Paese

Fine vita per Francesco

Messaggioda Robyn il 28/07/2019, 12:03

La posizione di Francesco è semplice risolve anche molti dubbi in ambito di fede.Prima non c'era il prolungamento della vita per via artificiale e quando si moriva non era considerata eutanasia anche se si moriva male nella sofferenza perche non si utilizzava la morfina e le cure palliative.Quindi il prolungamento della vita per via artificiale per alcune patologie gravi ed irreversibili a più a che fare con l'accanimento terapeutico.Quindi il consenso libero ed informato per alcune patologie gravi ed irreversibili non ha ha nulla a che fare con l'eutanasia
Locke la democrazia è fatta di molte persone
Avatar utente
Robyn
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 8662
Iscritto il: 13/10/2008, 9:52

Re: Fine vita per Francesco

Messaggioda pianogrande il 28/07/2019, 13:33

"La posizione di Francesco" è per me quella di un normale cittadino (neanche italiano).

In quelle tragiche situazioni, tutto va deciso caso per caso e nessun "Francesco" (e neanche lo stato) ci deve mettere il becco.

Deve mancare qualsiasi tipo di "accanimento"; compreso quello in nome di un qualsiasi dio che sarà anche un dio ma di fronte a fatti così drammatici, intimi e personali conta meno di niente.

Più di una volta mi sono trovato davanti ad accadimenti di questo tipo e vi assicuro che nessuno sentiva il bisogno dello stato (se non per la dovuta assistenza per la quale ancora ringrazio) o di Francesco o di un qualche dio.

C'era già fin troppo da fare, da pensare e da soffrire.
Fotti il sistema. Studia.
pianogrande
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 9694
Iscritto il: 23/05/2008, 23:52

Re: Fine vita per Francesco

Messaggioda Robyn il 31/07/2019, 11:08

I dubbi dei cattolici si concentrano non tanto sulla irreversibilità di patologie gravi quando sulla veridicità delle dichiarazioni rese sul consenso libero ed informato cioè che questo possa essere condizionato nell'alleanza terapeutica dai familiari in particolare sù soggetti deboli.Ad ex,dai fai la dichiarazione dobbiamo sempre venire in ospedale dobbiamo sempre assisterti non abbiamo tempo abbiamo anche noi i nostri problemi.Allora dovrebbe essere che il conseNso libero ed informato vale solo dopo un lasso di tempo a partire dalla data della dichiarazione resa di chi è affetto da patologie gravi ed irreversibili per ex un periodo di 6 mesi e può essere revocata in qualsiasi momento.Infatti il condizionamento sù soggetti deboli si può configurare come instigazione al suicidio.In più servono cure palliative di elevato standart
Locke la democrazia è fatta di molte persone
Avatar utente
Robyn
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 8662
Iscritto il: 13/10/2008, 9:52

Re: Fine vita per Francesco

Messaggioda franz il 31/07/2019, 15:52

I dubbi dei cattolici se li tengano per se' e per i loro cari.
Che non invadano la nostra sfera privata, pls.
So che i cattolici piace tantissimo farsi i cavoli degli altri ma devono farsi una ragione del fatto che a qualcuno, sempre di più, questo non garba.
Roma ai romani
Anzio agli anziani
(graffito)
Avatar utente
franz
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 20812
Iscritto il: 17/05/2008, 14:58

Re: Fine vita per Francesco

Messaggioda Robyn il 31/07/2019, 20:57

Il consenso per essere veramente libero dovrebbe essere cosi ciò significa stabilire una garanzia.La fine della somministrazione delle terapie scatta dopo un lasso di tempo a partire dalla data della dichiarazione per evitare che questa possa essere viziata da condizionamenti di altri e durante questo periodo può esserci il ripensamento libero dell'interessato.Inoltre non parlerei mai di suicidio assistito ma di fine vita e basta perche la parola suicido è più riferita a chi decide di porre fine alla propria vita in condizioni integre.In ogni caso sarà il parlamento o la corte costituzionale a decidere cosa fare.I dubbi espressi dai cattolici sono i dubbi espressi laicamente da dei cittadini della Repubblica.Adesso tutto è rimesso alle coscienze non parlerò più del fine vita.Lo scivolamento verso forme di eutanasia non ci sarà è una paura inesistente
Locke la democrazia è fatta di molte persone
Avatar utente
Robyn
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 8662
Iscritto il: 13/10/2008, 9:52

Re: Fine vita per Francesco

Messaggioda pianogrande il 31/07/2019, 21:31

Robyn ha scritto:Il consenso per essere veramente libero dovrebbe essere cosi ciò significa stabilire una garanzia.La fine della somministrazione delle terapie scatta dopo un lasso di tempo a partire dalla data della dichiarazione per evitare che questa possa essere viziata da condizionamenti di altri e durante questo periodo può esserci il ripensamento libero dell'interessato.Inoltre non parlerei mai di suicidio assistito ma di fine vita e basta perche la parola suicido è più riferita a chi decide di porre fine alla propria vita in condizioni integre.In ogni caso sarà il parlamento o la corte costituzionale a decidere cosa fare.I dubbi espressi dai cattolici sono i dubbi espressi laicamente da dei cittadini della Repubblica.Adesso tutto è rimesso alle coscienze non parlerò più del fine vita.Lo scivolamento verso forme di eutanasia non ci sarà è una paura inesistente


Non c'è nessun bisogno di stabilire tante sottili distinzioni.

Le situazioni possono essere tra loro diversissime e le decisioni sono sempre difficili e sofferte.

Quindi, ancora a maggior ragione, le decisioni vanno lasciate a un ambito ristrettissimo; ovviamente a partire dall'interessato.

Silenzio, rispetto e assistenza.

Questo ci si aspetta da chiunque altro: a partire da "dio" e fino all'ultimo degli umani.

Il resto è costituito da tentativi di impadronirsi di una fetta di potere e sono tentativi senza scrupoli e ad altissimo contenuto di fanatismo.

Silenzio, rispetto e assistenza.
Fotti il sistema. Studia.
pianogrande
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 9694
Iscritto il: 23/05/2008, 23:52

Re: Fine vita per Francesco

Messaggioda trilogy il 01/08/2019, 6:39

Il comitato di bioetica ha fatto un buon lavoro distinguendo tra suicidio assistito ed eutanasia, anche se è diviso su tutto l'argomento. Il tema al centro della dibattito in realtà non è il fine vita ma il diritto all'autodeterminazione degli individui, un diritto spesso violato dagli Stati e dalle religioni. Personalmente mi riconosco in quella descritta come posizione B espressa dai membri del comitato etico, peraltro posizione maggioritaria in comitato con 13 voti favorevoli e 11 contrari.

[--]Il cuore del documento, come detto, è rappresentato dalle riflessioni offerte dai vari membri, raggruppate in tre aree. La prima – posizione A – sottolinea come l’eventuale legittimazione del suicidio assistito rappresenti “un vulnus irrimediabile al principio secondo il quale compito primario e inderogabile del medico sia l’assoluto rispetto della vita del paziente”. Inoltre risulta impossibile accertare, oltre ogni ragionevole dubbio, “la pretesa volontà suicidaria del paziente, assunta come volontà pienamente informata, consapevole, non sottoposta a condizionamenti psicologici, familiari, sociali, economici o religiosi”. Il terzo motivo del no riguarda il rischio che un’eventuale apertura al suicidio assistito favorisca “un progressivo superamento dei limiti che si volessero eventualmente indicare, come appare assolutamente evidente in quegli ordinamenti che, avendo legalizzato il suicidio medicalmente assistito, l’hanno di fatto esteso indebitamente ai minori, a soggetti psicologicamente e/o psichiatricamente fragili, agli anziani non autosufficienti”.

Insomma, se lo scivolamento dal “lasciar morire” (no all’accanimento terapeutico) all’”agevolare la morte” (aiuto al suicidio) è inaccettabile, occorre allo stesso tempo raddoppiare gli sforzi per offrire a tutti i malati l’accesso alle cure palliative, alle terapie del dolore e all’assistenza psicologica alla fine della vita. La posizione è stata sostenuta da Amato, D’Agostino, Dallapiccola, Di Segni, Garavaglia, Gensabella, Morresi, Romano, Palazzani, Scaraffia e Sargiacomo.

Altri membri del Cnb hanno invece rappresentato l’opportunità di aprire la strada alla legalizzazione del suicidio assistito (posizione B). Scelta, si argomenta, da accogliere in nome del principio etico di autodeterminazione. “Si reputa che il bilanciamento di valori favorevole all'aiuto al suicidio medicalmente assistito sia eticamente e giuridicamente legittimo perché la persona – hanno spiegato Battaglia, Caltagirone, Caporale, Casonato, d’Avack, De Curtis, Donzelli, Garattini, Mori, Pitch, Savarino, Toraldo di Francia e Zuffa - ha diritto di preservare la propria dignità anche e soprattutto nelle fasi finali della vita”. Tre le condizioni richieste che ricalcano in parte quanto già espresso nell’ordinanza della Corte costituzionale: 1. la presenza di una malattia grave e irreversibile accertata da almeno due medici indipendenti (uno dei quali del SSN); 2. la presenza di uno stato prolungato di sofferenza fisica o psichica di carattere intrattabile o insopportabile per il malato; 3. la presenza di una richiesta esplicita espressa in forma chiara e ripetuta, in un lasso di tempo ragionevole.

Infine altri due membri del Cnb (Canestrari, Da Re) hanno espresso una terza posizione, contraria all’apertura al suicidio assistito ma convinta che la libertà di autodeterminazione possa manifestata solo “in un contesto concreto in cui i pazienti godano di un'effettiva e adeguata assistenza sanitaria, ove possano accedere a tutte le cure palliative praticabili - compresa la sedazione palliativa profonda - e nel quale siano supportati da una consona terapia medica, psicologica e psichiatrica”. Il potenziamento della terapia del dolore e delle cure palliative “non possono eliminare del tutto le richieste di assistenza medica a morire, ma - concludono i due esperti - potrebbero ridurle in maniera significativa, escludendo quelle dettate da cause legate ad una sofferenza alleviabile”...

fonte: https://www.avvenire.it/famiglia-e-vita ... -assistito


Eutanasia e suicidio assistito, ecco cosa sono

Eutanasia, rifiuto dei trattamenti, suicidio assistito, aspetti presi in considerazione dal dibattito politico ed etico e che sono rientrati anche nelle considerazioni del Comitato nazionale di Bioetica. Ecco cosa sono:

* EUTANASIA (anche detta eutanasia attiva) - E' l'infusione di un farmaco che interrompe, in maniera rapida e indolore, la vita del malato che lo richiede. A compiere il gesto di somministrare la sostanza letale e' una persona terza, un sanitario che la infonde endovena a chi ritiene di patire sofferenze eccessive a livello fisico o esistenziale. Questa e' l'unica forma di eutanasia che esiste in senso proprio, e per la quale si sta discutendo una legge di iniziativa popolare in Parlamento, sollecitata dalla Corte Costituzionale.
* INTERRUZIONE DEI TRATTAMENTI - E' un termine a volte indicato in modo improprio come eutanasia passiva, ma non ha nulla a che vedere con l'eutanasia. Si riferisce invece al diritto, costituzionalmente previsto, del rifiuto di trattamenti che possono essere anche salvavita: questo principio e' alla base della legge sulle dichiarazioni anticipate di trattamento (Dat). Ad esempio, il distacco del ventilatore meccanico per Piergiorgio Welby e Walter Piludu, o della nutrizione e idratazione nel caso di Eluana Englaro (la cui volonta' e' stata ricostruita quando lei non era piu' capace di intendere e volere).
* SUICIDIO ASSISTITO - Consiste nell'aiutare un soggetto che chiede di porre fine alla propria vita, ma in cui e' lui stesso ad assumere un farmaco letale. Questa possibilita' e' prevista in Svizzera, dove si e' recato Dj Fabo, aiutato da Marco Cappato. Fabiano Antoniani, pur essendo tetraplegico, ha potuto attivare una pompa infusionale schiacciando con i denti un pulsante. In questo caso l'aiuto e' consistito nel predisporre il meccanismo che ha permesso di assumere la sostanza. Ma il gesto finale e' rimasto suo.

fonte: http://www.ansa.it/canale_saluteebeness ... 73d6b.html
Chiunque ha tentato di creare uno Stato perfetto, un paradiso in terra, ha in realtà realizzato un inferno. Popper
Avatar utente
trilogy
Redattore
Redattore
 
Messaggi: 4174
Iscritto il: 23/05/2008, 22:58


Torna a Che fare? Discussioni di oggi per le prospettive di domani

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 8 ospiti

cron