La Comunità per L'Ulivo, per tutto L'Ulivo dal 1995
FAIL (the browser should render some flash content, not this).

Di Maio ha mentito su Whirlpool?

Discussioni e proposte, prospettive e strategie per il Paese

Di Maio ha mentito su Whirlpool?

Messaggioda franz il 17/06/2019, 16:31

Di Maio ha mentito su Whirlpool?

Un articolo di Politico sostiene che sapesse da aprile delle intenzioni dell'azienda di cedere lo stabilimento di Napoli, ma che abbia aspettato le elezioni europee per dire qualcosa

Luigi Di Maio sapeva da aprile delle intenzioni dell’azienda Whirlpool di cedere il suo stabilimento di Napoli, scrive il sito Politico, ma avrebbe deciso di non dire niente fino alle elezioni europee. Whirlpool ha manifestato pubblicamente questa intenzione lo scorso 31 maggio, dicendo di voler trovare un acquirente in grado di mantenere gli attuali livelli occupazionali (tradotto: non licenziare nessuno), e Di Maio ha detto di aver appreso tutto in quel momento e ha accusato l’azienda di voler chiudere la fabbrica. Anche Carlo Calenda, europarlamentare del PD e predecessore di Di Maio al ministero dello Sviluppo Economico, lo ha accusato di essere stato a conoscenza della crisi da aprile.

Whirlpool è una multinazionale specializzata nella produzione di elettrodomestici: ha uno stabilimento a Napoli, in cui lavorano 420 dipendenti. Lo scorso 25 ottobre Whirlpool aveva raggiunto un accordo con il ministero dello Sviluppo economico sul nuovo piano industriale 2019-2021, e si era impegnata a investire 250 milioni di euro in Italia. L’azienda però ha comunicato il 31 maggio di voler riconvertire e vendere lo stabilimento di Napoli. I sindacati hanno subito definito la scelta di Whirlpool inaccettabile: «C’è un piano industriale, siglato circa 6 mesi fa insieme al governo, che prevede investimenti e rilancio di tutti i siti, Napoli compreso», ha detto un comunicato del segretario della Fim Cisl Alessandra Damiani. Di Maio ha reagito tagliando gli incentivi destinati a Whirlpool, dicendo che Whirlpool «si è rimangiata la parola e dice di voler chiudere lo stabilimento di Napoli».

Politico scrive però di aver visto dei documenti che mostrano come il ministero dello Sviluppo economico sapesse da due mesi delle intenzioni di Whirlpool. In una lettera dello scorso aprile, infatti, Whirlpool avrebbe informato il ministero delle sue intenzioni e avrebbe anche citato un potenziale investitore che sarebbe stato in grado di acquisire lo stabilimento e salvare i posti di lavoro degli impiegati. Di Maio ha sempre smentito questa circostanza: quando la stessa accusa gli era stata rivolta da Carlo Calenda, Di Maio ha detto «assolutamente» di aver scoperto le intenzioni di Whirlpool il 31 maggio.

Calenda aveva detto, durante la trasmissione di La7 L’aria che tira: «Luigi Di Maio ha mentito al paese e agli operai su Whirlpool. Sapeva della chiusura di Napoli da inizio aprile. Ha incaricato Invitalia di analizzare il nuovo possibile investitore in sostituzione di Whirlpool, si sono svolti tre incontri con quello che dovrà essere chi subentrerà. Non ha ricevuto i sindacati che il 18 aprile hanno chiesto un incontro, ha aspettato le elezioni europee e poi ha fatto scene indecorose di finta indignazione. Si deve vergognare». Di Maio ha detto che sapeva che Whirlpool stava attraversando un momento difficile ma che non sapeva delle loro intenzioni.


Eppure Politico sostiene di aver visto la lettera che Whirlpool ha mandato al ministero ad aprile per comunicare che non era più in grado di tenere fede all’impegno di investire 17 milioni di euro nello stabilimento di Napoli, che produce lavatrici, «considerato il robusto calo della domanda nel segmento industriale». Politico ha parlato con due persone vicine a questi negoziati, secondo cui Di Maio già in aprile avrebbe incaricato il suo staff di esplorare le alternative possibili per salvare i posti di lavoro: è la Invitalia di cui parla Calenda, un’agenzia di proprietà del ministero. Il vice di Di Maio, Giorgio Sorial, avrebbe anche partecipato a un incontro tra Invitalia e i rappresentanti del nuovo investitore potenziale. Altre due riunioni si sarebbero tenute a maggio.

Sia Sorial che Whirlpool non hanno ancora diffuso commenti, e un portavoce dell’azienda ha detto di voler aspettare l’incontro fissato per il 21 giugno con il ministero e i sindacati per trovare una soluzione. Il portavoce ha ribadito che l’obiettivo dell’azienda è «garantire la continuità aziendale e i massimi livelli occupazionali». Nel frattempo l’opposizione sta accusando Di Maio per la gestione della crisi. Mara Carfagna, parlamentare di Forza Italia, ha scritto su Twitter: «Se, come dice Carlo Calenda, Di Maio sapeva da aprile della chiusura dello stabilimento Whirlpool di Napoli, sarebbe gravissimo. Di Maio ha nascosto l’informazione fino alle europee?».

https://www.ilpost.it/2019/06/15/di-maio-whirlpool/
Roma ai romani
Anzio agli anziani
(graffito)
Avatar utente
franz
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 20909
Iscritto il: 17/05/2008, 14:58

Re: Di Maio ha mentito su Whirlpool?

Messaggioda franz il 17/06/2019, 16:35

(tradotto dall'inglese)

I documenti mettono in dubbio il diniego di Di Maio
Il vicepremier italiano ha detto che non sapeva che Whirlpool avrebbe lasciato Napoli, mettendo a rischio centinaia di posti di lavoro.

ROMA - Luigi Di Maio, leader del Movimento 5Star d'Italia, ha sollevato un polverone a proposito di un investitore straniero che stacca la spina in una fabbrica di Napoli - ma i documenti visti da POLITICO mostrano che il suo ministero aveva saputo della mossa per due mesi.

A fine maggio, il produttore americano di elettrodomestici Whirlpool ha annunciato che non avrebbe più gestito un impianto di produzione che impiegava 420 persone a Napoli, una roccaforte a 5 stelle.


All'inizio di questa settimana, Di Maio - che è ministro per lo sviluppo economico e uno dei due vice primi ministri - ha espresso indignazione per i piani di Whirlpool e ha detto che avrebbe riciclato incentivi pubblici per la compagnia.

"Il governo italiano non permetterà alle grandi multinazionali di deridere l'Italia", ha detto Di Maio in una trasmissione in diretta su Facebook martedì. "Whirlpool non è stata fedele agli accordi quindi firmerò un decreto per revocare tutti gli incentivi pubblici dati alla compagnia finora."

Tuttavia, martedì Carlo Calenda - il predecessore di Di Maio nel ministero dello sviluppo economico e un europarlamentare in arrivo per il Partito democratico di centro-sinistra - ha detto a uno spettacolo televisivo che Di Maio aveva saputo delle intenzioni di Whirlpool dall'inizio di aprile.

La lettera di Whirlpool menzionava un potenziale investitore che poteva essere un buon candidato per rilevare il sito di produzione e salvare i posti di lavoro.

"Ha aspettato fino a dopo le elezioni europee, e ora sta facendo di tutto questo dramma indecoroso per qualcosa che è conosciuto da due mesi, a cui il suo staff ha lavorato da aprile", ha detto Calenda.

Giovedì, Di Maio ha negato di conoscere le intenzioni di Whirlpool. Chiesto da un conduttore radiofonico se avesse saputo prima dell'annuncio del 31 maggio che la società stava per chiudere la sua fabbrica di Napoli, ha risposto : "No, assolutamente no".


ANCHE SU POLITICO

Il 5 ° leader Di Maio chiama il voto di fiducia
SILVIA SCIORILLI BORRELLI

ANCHE SU POLITICO

Alleanza Salvini per essere nominata Identità e Democrazia
ZIA WEISE
Una lettera inviata da Whirlpool a Di Maio agli inizi di aprile - e vista da POLITICO - mostra che l'azienda ha informato il ministro che non era più in grado di sostenere l'impegno di ottobre del 2018 di investire € 17 milioni nello stabilimento di Napoli, dove produce high-end lavatrici, "dato il segmento di business stava vivendo un forte calo della domanda".

La lettera di Whirlpool menzionava un potenziale investitore che poteva essere un buon candidato per rilevare il sito di produzione e salvare i posti di lavoro.

Giovedì, Di Maio ha detto alla radio "tutti sapevano che Whirlpool stava affrontando una crisi a Napoli, ma non che volevano lasciare la città".


Whirlpool è un produttore di elettrodomestici, tra le altre cose | Ethan Miller / Getty Images

Secondo due persone coinvolte nelle discussioni, il ministro - che viene da vicino a Napoli - era consapevole che gli americani stavano progettando di partire e aveva incaricato il suo personale di esplorare alternative per evitare di perdere tutti i 420 posti di lavoro.


I funzionari del ministero hanno quindi chiesto ad Invitalia - un'agenzia di sviluppo economico di proprietà pubblica con sede a Roma - di incontrare il potenziale nuovo investitore identificato da Whirlpool (che non può essere nominato per non influenzare i negoziati in corso) e ha chiesto una valutazione tecnica della proposta piano di investimento, secondo quattro persone che hanno preso parte alle discussioni.

Il primo incontro, svoltosi presso la sede del ministero a Roma il 19 aprile, ha visto la presenza del vice capo di Gabinetto di Di Maio, Giorgio Sorial, funzionari di Invitalia e rappresentanti del potenziale nuovo investitore.

I portavoce di Di Maio e Sorial non hanno risposto alle richieste di commento.

Altri due incontri si sono tenuti a maggio, in base a tre partecipanti e una nota che riassume gli scambi visti da POLITICO. Le registrazioni mostrano anche che due dei tre incontri si sono svolti al ministero mentre il terzo si è svolto presso la sede di Invitalia.

Fermare le multinazionali dal trasferire la produzione e punire coloro che prendono soldi pubblici e poi spostarsi è stata una delle principali promesse della campagna 5Stars nelle elezioni generali dello scorso anno. Nell'ottobre dello scorso anno, il governo italiano e la Whirlpool hanno firmato un accordo che delineava un piano triennale di investimenti che prevedeva un investimento di 250 milioni di euro da parte della corporazione statunitense, un ritorno della produzione dalla Polonia e l'impegno a mantenere i livelli di occupazione attuali.

In quel periodo Di Maio celebrò la sua "vittoria" e disse che era un segnale positivo per il paese.

"Le accuse devono ancora essere dimostrate" - Claudio Durigon

Un portavoce di Whirlpool non ha voluto commentare gli scambi privati ​​della compagnia con il ministero

L' accordo ha anche dato a Di Maio la responsabilità di riunire Whirlpool e sindacati per discutere gli aggiornamenti sull'attuazione del piano entro sei mesi dalla firma. Non è stato convocato alcun incontro entro tale termine e il ministro non ha risposto alla richiesta del 20 aprile da parte dei sindacati di fissare un incontro.

Un portavoce di Whirlpool ha rifiutato di commentare gli scambi privati ​​della compagnia con il ministero, ma ha detto che la compagnia non vedeva l'ora di un incontro con il ministro e i sindacati in programma per il 21 giugno.

"Al momento stiamo lavorando alla soluzione per il sito di Napoli che sarà in linea con le linee guida condivise dal ministero e l'obiettivo di garantire continuità industriale e massimi livelli di occupazione", ha affermato il portavoce.

L'opposizione, nel frattempo, ha chiesto a Di Maio di chiarire la sua posizione in parlamento.

"Se Di Maio venisse a sapere da aprile della chiusura dell'impianto di Whirlpool a Napoli sarebbe estremamente serio, ha nascosto le informazioni fino alle elezioni europee?" ha twittato Mara Carfagna, un deputato di Forza Italia che si è unito ad altri parlamentari per chiedere a Di Maio di rivolgersi al parlamento.

Giovedì, il sottosegretario laburista Claudio Durigon della Lega di estrema destra, l'altro partito al governo in Italia, ha assistito alle interrogazioni parlamentari al posto di Di Maio.

Ha detto che il ministro non aveva nascosto informazioni. "Le accuse devono ancora essere provate, non abbiamo alcun feedback da parte dei dipartimenti ministeriali per supportare [le affermazioni di Calenda]", ha detto .

Valeria Valente, deputata del Partito Democratico di Napoli, ha dichiarato: "Di Maio sfugge al parlamento, il suo silenzio parla 1.000 parole e con la presenza di Durigon al suo posto, la Lega diventa corresponsabile per coprire le sue bugie".

https://www.politico.eu/article/5stars- ... ivestment/
Roma ai romani
Anzio agli anziani
(graffito)
Avatar utente
franz
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 20909
Iscritto il: 17/05/2008, 14:58


Torna a Che fare? Discussioni di oggi per le prospettive di domani

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 17 ospiti

cron