La Comunità per L'Ulivo, per tutto L'Ulivo dal 1995
FAIL (the browser should render some flash content, not this).

rmg solo se si esce di casa

Discussioni e proposte, prospettive e strategie per il Paese

Re: rmg solo se si esce di casa

Messaggioda franz il 12/06/2019, 6:51

flaviomob ha scritto:
Intanto pare ci sia emergenza bagnini, cuochi e altro stagionali del settore turistico.


Basta assumerli in nero.

Il rischio è notevole e concreto
http://www.today.it/economia/reddito-di ... -nero.html
Roma ai romani
Anzio agli anziani
(graffito)
Avatar utente
franz
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 20812
Iscritto il: 17/05/2008, 14:58

Re: rmg solo se si esce di casa

Messaggioda Robyn il 12/06/2019, 22:13

Per i furbi ci deve essere il decadimento immediato dal benecio perche danneggiano i lavoratori onesti,ma questa misura anche se va perfezionata rimane.Ad ex la formazione e' una shanche in piu' per chi vuole mettersi in gioco se poi i corsi non si frequentano e' una shance in meno anche se il rmg non si perde"l'io era esemplificativo".Anche la formazione va' cambiata ma adesso c'e' un'idea "molto nebulosa che non e' definita",per ex la scomparsa degli sgravi sull'apprendistato,sgravi che si trasferiscono per finanziare i corsi di formazione dove la formazione e'certa,la scomparsa dell'apprendistato e al loro posto corsi di formazione facoltativi fra 16 e 18 anni se si decide di fermare gli studi a 16 anni.Per il contratto intermittente ci dovrebbero essere anche i contributi previdenziali durante i periodi di inattivita'
Locke la democrazia è fatta di molte persone
Avatar utente
Robyn
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 8662
Iscritto il: 13/10/2008, 9:52

Re: rmg solo se si esce di casa

Messaggioda Robyn il 14/06/2019, 21:14

L'apprendistato e' un fallimento perche c'e' stata l'illusione che la formazione potesse essere affidata alle aziende,ma poi si e' rivelato che non la fanno perche lamentano che non c'e' il tempo e dopo avere preso gli sgravi.In questo modo i fautori della formazione in azienda sono stati clamorosamente sconfessati inclusa la loro lamentela che la formazione in azienda non si volesse per ragioni ideologiche.In piu' il contratto di apprendiststo bisogna ottenerlo e non e' da tutti,quindi crea esclusione,alimenta la raccomandazione.La formazione per essere assicurata,per avere la certezza che tutti possono avere accesso alla formazione deve essere fatta a scuola,negli istituti professionali,nei college,con i corsi di formazione.In azienda si fa' solo pratica per il restante tempo che rimane,per due giorni alla settimana.Per di piu' non puo' esserci limite di eta' per l'accesso alla formazione e ai corsi
Locke la democrazia è fatta di molte persone
Avatar utente
Robyn
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 8662
Iscritto il: 13/10/2008, 9:52

Re: rmg solo se si esce di casa

Messaggioda trilogy il 19/07/2019, 11:47

Reddito, ecco i «navigator». Ma solo il 25% cerca davvero un lavoro

Sono 273 quelli in arrivo nel Lazio. Assegno di cittadinanza, la maggior parte non cerca un’occupazione. Di Berardino (Regione): «È disagio sociale»

di Lilli Garrone

Nel Lazio arriveranno 273 navigator. È questo il numero fissato nella convenzione firmata ieri sera tra la Regione e il governo per l’utilizzo di queste nuove figure professionali, documento in cui è specificato che «svolgeranno attività di affiancamento e assistenza tecnica ai centri per l’impiego finalizzate al raccordo con le strutture di istruzione e formazione», oltre che di supporto «con i Comuni per il “Patto di inclusione”». L’assessore al lavoro della Regione Claudio Di Berardino su un punto è, infatti, inflessibile: «La loro sarà un’ assistenza tecnica per migliorare i sistemi, per aggiornare i dati, così come abbiamo stabilito con il governo. Se invece qualcuno pensa di far rientrare dalla finestra quello che è uscito dalla porta, ovvero che i navigator siano figure che vanno a intercettare le persone e gli impieghi, creiamo un danno ai cittadini: si genera confusione dei ruoli. Ci vuole la massima chiarezza su quali saranno i loro compiti».

Così se dovranno pur essere sempre i Centri per l’impiego a fare da interfaccia con le aziende laziali, si chiariscono definitivamente anche i numeri: secondo i dati forniti proprio in questa settimana dall’Anpal, nella nostra Regione sono in tutto circa 38 mila le persone che avranno diritto al reddito di cittadinanza, mentre sono 28.226 i laziali che hanno diritto all’accompagnamento verso un posto di lavoro. Le domande iniziali erano addirittura 110.402, ma di queste sono state accolte solo il 60 per cento.

Sono invece intorno al 25 per cento quelle respinte, mentre circa nel 15 per cento dei casi è stata chiesta una integrazione di documentazione. Quanto alle cifre erogate il Lazio è nella media nazionale, ovvero 520 euro a famiglia: si va da un minimo di poche decine di euro a un massimo di 1.350 euro mensili. Ecco dunque per la prima volta i dati ufficiali del Lazio, dove a richiedere il contributo sono state più donne che uomini (oltre il 55 per cento) e più che persone in cerca di occupazione nuclei familiari con un forte disagio sociale. «Coloro che sono interessati a un “Patto per il lavoro” sono solo il 25 - 26 per cento fra quanti hanno fatto richiesta. Tutto il resto è disagio sociale, numeri lontani e decisamente inferiori da quelli che Anpal aveva stimato», spiega ancora Claudio Di Berardino.

Che aggiunge: «Come noi abbiamo sempre sostenuto il provvedimento ha la sua importanza per la parte di contrasto alla povertà, per rispondere allo stato di disagio, anche se in modo parziale perché per risolvere il tema della povertà bisogna pur sempre intervenire sul lavoro e per intervenire sul lavoro c’è bisogno di politiche sugli investimenti nazionali». Oltre ai navigator nei Centri per l’impiego dovranno arrivare anche altri «rinforzi»: «Stiamo, infatti, aspettando il decreto di riparto delle risorse da parte del governo che è indispensabile per far partire i concorsi pubblici - prosegue l’assessore regionale al Lavoro -. Siamo pronti a bandire il concorso per nuove assunzioni nei Centri per l’impiego e pensiamo di assumere circa 350 persone».

fonte: https://roma.corriere.it/notizie/cronac ... 69e7.shtml
Chiunque ha tentato di creare uno Stato perfetto, un paradiso in terra, ha in realtà realizzato un inferno. Popper
Avatar utente
trilogy
Redattore
Redattore
 
Messaggi: 4174
Iscritto il: 23/05/2008, 22:58

Re: rmg solo se si esce di casa

Messaggioda pianogrande il 19/07/2019, 22:02

Non è che, di questo passo, gli unici ad aver guadagnato un posto di lavoro saranno questi preziosi navigator?
Fotti il sistema. Studia.
pianogrande
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 9694
Iscritto il: 23/05/2008, 23:52

Re: rmg solo se si esce di casa

Messaggioda Robyn il 20/07/2019, 22:38

La Presidente Ursula Von Der Leyer e' stata chiara serve non solo il rmg ma anche il minimo retributivo per andare verso un welfare europeo per avere almeno prestazioni comuni,non e' immaginabile che gli altri paesi europei ce li abbiano e l'Italia no
Locke la democrazia è fatta di molte persone
Avatar utente
Robyn
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 8662
Iscritto il: 13/10/2008, 9:52

Precedente

Torna a Che fare? Discussioni di oggi per le prospettive di domani

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot] e 5 ospiti

cron