La Comunità per L'Ulivo, per tutto L'Ulivo dal 1995
FAIL (the browser should render some flash content, not this).

Per la serie "una modesta proposta" (su Jonathan Swift)

Informazioni aggiornate periodicamente da redattori e forumisti

Per la serie "una modesta proposta" (su Jonathan Swift)

Messaggioda franz il 31/01/2015, 18:24

Swift Jonathan : Un serio vademecum satirico per farsi beffe di potenti, fanatici e lacchè, A Modest Proposal.
Pubblicato il 20 settembre 2012 da admin

Swift Jonathan
Un serio vademecum satirico per farsi beffe di potenti, fanatici e lacchè


Sab, 24/03/2012 – 22:40 — Lupus-Menichetti

Sono convinto che molti lettori di Swift, quanto meno quelli adulti, prima o poi si siano chiesti come abbia fatto un misantropo come lui a diventare, con “I viaggi di Gulliver”, uno scrittore “per ragazzi”. Non so come ma evidentemente, tra tagli e letture superficiali, è stato possibile spacciare una satira crudele come innocua fiaba ad uso delle nuove generazioni.

Senza addentrarci nel merito di questi misteri della critica e dell’editoria, e forse anche della pedagogia, fin da ora, freschi della lettura di “Un serio vademecum satirico per farsi beffe di potenti, fanatici e lacchè”, edito dalla Piano B, possiamo confermare quanto si è scritto in merito allo Swift misantropo e padre della satira e dell’umorismo in lingua inglese.

L’antologia comprende il celebre “Una modesta proposta”, nel quale Swift propone di usare i bambini poveri come portata principale per le tavole delle classi benestanti dei ricchi irlandesi. Insomma, visto che la situazione sociale era quella che era e non vi erano apparenti vie di uscita, almeno si poteva ottimizzare la presenza di tante bocche da sfamare per sfamare i privilegiati del tempo: l’istituzionalizzazione virtuosa del cannibalismo.

Poi con “Istruzioni per il lacchè”, il nostro Swift predispone un manuale ad uso di servi infedeli, ricco di soluzioni pratiche per cavarsela a buon mercato fregando i propri padroni e magari in prospettiva di fare carriera cambiando la propria classe sociale.

“La favola della botte” è l’altra satira celebre dello scrittore irlandese, dove ad essere prese di mira sono i fanatismi e i dogmatismi degli uomini di Chiesa. Seguono il “Discorso contro l’abolizione del cristianesimo” e “L’arte della menzogna politica”: la prima una parodia che ha ancora come obiettivo l’integralismo e il fanatismo di teologi e preti; l’altra, in realtà composta dall’amico John Arbunthnot, che massacra quei politici che già allora si confermavano come una categoria umana particolarmente squallida.

E poi la “Meditazione su di un manico di scopa”, dove Swift, con stile pacato e raffinato, quindi facendo il verso alle riflessioni di Robert Boyle, al tempo molto di moda, mostra nuovamente tutto il suo sarcasmo e misoginia. Plausibile che, in virtù di queste riflessioni dolciastre e apparentemente elevate, qualcuno meno smaliziato abbia pensato davvero a qualcosa di edificante, mentre in realtà Swift mostrava il meglio di sé nell’annichilire i potenti e gli intellettuali fasulli.

Se in questi celebri e meno celebri pezzi satirici davvero si coglie tutto il sarcasmo verso la classe dominante del tempo e quindi anche quella misoginia che pare in vita sia l’abbia sempre più pervaso di anno in anno, nel brano centrale dell’antologia, quarta ed ultima parte dei Viaggi di Gulliver, “Yahoo e Houyhnhm”, predomina su tutto una sfiducia cosmica nei confronti dell’essere umano.

Gulliver giunge in questa misteriosa isola dove gli esseri civili e pensanti hanno aspetto di cavallo mentre le bestie assomigliano a uomini abbrutiti, pelosi e con tanto di poppe ciondoloni. Il risultato della convivenza con i più civili houynhnm?

Gulliver, una volta rientrato fortunosamente in patria, non riuscirà più a tollerare la presenza degli esseri umani e tanto meno dei suoi familiari, di sua moglie: “tuttavia, poiché l’odore di uno yahoo [n.d.r.: l’uomo] continua ancora a darmi fastidio, tengo sempre il naso ben tappato con erba ruta, lavanda o foglie di tabacco. E benché per un uomo sia difficile disfarsi di vecchie abitudini, non dispero del tutto, in futuro, di sopportare la compagnia di uno yahoo senza risentire il timore dei suoi denti o dei suoi artigli” (pag. 80).

Davvero c’è da chiedersi come mai lo Swift degli yahoo e degli houynhnm sia stato saccheggiato dalle case editrici per imbastirci libri dedicati all’infanzia. A parte aspetti chiaramente commerciali, è probabile, com’è stato scritto da qualche attento critico, che dello scrittore irlandese si sia voluto dare apposta una lettura parziale, magari confinando la sua satira e il suo nichilismo distruttivo nei limiti del carattere un po’ squilibrato di Swift; e così evitando di cogliere appieno le posizioni di durissima critica sociale che invece appaiono evidenti vuoi al lettore adulto, vuoi comunque al lettore che abbia sotto gli occhi i testi integrali dei suoi pezzi satirici.


Jonathan Swift (Dublino, 30 novembre 1667 – Dublino, 19 ottobre 1745) è stato uno scrittore e poeta irlandese, autore di romanzi e pamphlet satirici. Considerato tra i maestri della prosa satirica in lingua inglese, tra le sue opere più note: I viaggi di Gulliver, Il racconto di una botte e il pamphlet Una modesta proposta.

Jonathan Swift, Un serio vademecum satirico per farsi beffe di potenti, fanatici e lacchè, Piano B (collana Elementi), Prato 2012, p. 152 (Trad. Antonio Tozzi)

Fonte: http://www.controappuntoblog.org/2012/0 ... -proposal/
Roma ai romani
Anzio agli anziani
(graffito)
Avatar utente
franz
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 20858
Iscritto il: 17/05/2008, 14:58

Torna a Rubriche fisse

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

cron