La Comunità per L'Ulivo, per tutto L'Ulivo dal 1995
FAIL (the browser should render some flash content, not this).

Campania prima Regione d'Italia senza auto blu

Campania prima Regione d'Italia senza auto blu

Messaggioda ranvit il 20/07/2012, 8:01

http://www.cronachesalerno.it/web/index ... o=&banner=


Addio alle auto blu per la Regione Campania, comprese società e agenzie regionali, aziende sanitarie locali e ospedaliere. Il Consiglio regionale della Campania ha votato all'unanimità il testo di legge bipartisan 'Campania Zero',

norma anti sprechi. La Campania - secondo quanto è stato sottolineato nel corso della seduta - diventa così la prima regione 'deautobluizzata' d'Italia e, l'uso dell'auto di servizio, è consentito soltanto ai presidenti della giunta regionale e del Consiglio.

Entro novanta giorni dovrà essere predisposto un piano di dismissione delle autovetture del parco macchine, predisponendo anche un elenco dei servizi essenziali ai quali non si applica la norma. Abolite anche le consulenze esterne, così come il rimborso per spese di telefonia mobile, in tutta l'amministrazione regionale.

La legge Campania Zero prevede l'istituzione del Registro telematico per le compensazioni debiti-crediti e sarà poi la Giunta regionale, con proprio regolamento, a definirne modalità e criteri di funzionamento.
Previsti particolari criteri di incompatibilità: non potranno essere nominati o designati negli enti di pertinenza regionale, i parlamentari italiani ed europei, i presidenti, gli assessori e i consiglieri provinciali, i presidenti e gli assessori delle comunità montane, i sindaci, gli assessori e i consiglieri comunali. Stop anche all'indennità di funzione per i consiglieri, che, non sarà riconosciuta ad agosto, quando uffici e segreterie restano chiusi.
Il 60% degli italiani si è fatta infinocchiare votando contro il Referendum che pur tra errori vari proponeva un deciso rinnovamento del Paese...continueremo nella palude delle non decisioni, degli intrallazzi, etc etc.
ranvit
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 10669
Iscritto il: 23/05/2008, 15:46

Re: Campania prima Regione d'Italia senza auto blu

Messaggioda Iafran il 20/07/2012, 10:41

Questa è una bella notizia ... quasi extraterritoriale.
Iafran
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 4269
Iscritto il: 02/03/2009, 12:46

Re: Campania prima Regione d'Italia senza auto blu

Messaggioda flaviomob il 29/09/2012, 16:27

Ranvit, tu che sei un "vicino di casa" di De Magistris... confermi? ;)

http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/09 ... te/367836/


Napoli, dall’emergenza alla ‘citta intelligente’

di Tommaso Sodano | 29 settembre 2012

Sono passati quindici mesi dal nuovo corso al comune di Napoli con il sindaco De Magistris. Una città trovata in condizioni disastrose dal punto di vista finanziario, sommersa dai rifiuti per le strade e con una lacerazione, prodotta da anni di malgoverno, tra i cittadini e le istituzioni.

Il primo obiettivo fu quello di liberare la città dai rifiuti per ridare fiducia ai cittadini e restituire dignità all’immagine della città in Italia nel mondo. Oggi possiamo dire che quella sfida è vinta anche se bisogna ancora fare tanto per mettere in sicurezza i risultati raggiunti, attraverso la realizzazione di impianti in grado di trattare le frazioni di materiali che recuperiamo con la raccolta differenziata porta a porta (pap).

Ad oggi 300 mila cittadini sono serviti dal porta a porta, il primo ottobre scade la gara per altri 100 mila ed entro la fine dell’anno ci sarà il bando per portare a 500 mila il numero di cittadini serviti dal pap. Un risultato importante nonostante le ristrettezze economiche in cui versa il Comune di Napoli e che comunque non ci ha mai fatto perdere di vista l’obiettivo di trasformare la città, inserendo elementi di innovazione e soprattutto di sviluppo sulle grandi tematiche ambientali.

Abbiamo aderito al Patto dei sindaci, approvato il Paes (Piano d’azione energie sostenibili) e candidato Napoli ad essere una delle 30 città europee ‘smart cities’. Un obiettivo ambizioso che richiede sforzi straordinari da parte di tutta l’amministrazione ma soprattutto la capacità di creare una cultura diffusa nel territorio sul tema della sostenibilità e dell’innovazione tecnologica al servizio dei cittadini. Per far ciò abbiamo deciso di costituire un’associazione, Napoli smart city, in cui si ritrovano istituzioni, cittadini, università e ricerca e mondo delle imprese. Abbiamo avuto due progetti Smart city approvati su acqua e info turismo nel centro storico di Napoli e tre progetti di giovani nel settore della mobilità sostenibile.

Primi riscontri positivi che fanno comprendere come sia possibile creare presupposti per un altro modello di sviluppo che può partire dalle città e soprattutto una governance con al centro il tema della partecipazione e della condivisione democratica.

C’e’ tanto da fare ma ci fa piacere poter dire che Napoli oggi ha l’ambizione di voler parlare da città europea che si confronta con le esperienze più avanzate sulle tematiche ambientali e chiudere definitivamente con la stagione delle emergenze.


****

Ed ecco il De Magistris "Keynesiano"... :)

Questa sera debutta il Napo.

In occasione della "notte bianca" promossa dagli esercenti e dalla municipalità Vomero - Arenella, sarà sperimentato il NAPO.

Il Napo è un buono sconto che verrà distribuito (questa sera a tutti in via sperimentale) a chi fa qualcosa di buono per Napoli.
Potrà essere quindi utilizzato solo nei negozi che ricadono all'interno del Comune di Napoli.

Sarà distribuito solo ai cittadini che "pagano le tasse" o ai turisti che visitano i nostri quartieri o chi pagherà multe senza ritardi.
Il regolamento e la modalità di distribuzione sono in fase di analisi.

COME FUNZIONA
Il Napo garantisce, negli esercizi che aderiranno al circuito, uno sconto del 10%.
Ad esempio, a fronte di una spesa di 20 euro i clienti potranno pagare 18 euro e 2 Napo.
Il commerciante potrà a sua volta mettere in circolazione i Napo, consegnandoli come resto.
Non essendo una moneta, il commerciante dovrà emettere scontrino pari a 18 euro cioè per il solo valore in euro ricevuto.

Se lo sconto del 10% è inferiore all'euro non si ha diritto allo sconto.
Ad esempio sull'importo di 8 euro, il 10% di sconto pari a 0,8 euro non da diritto allo sconto e quindi all'uso del NAPO.
Mentre per importi dove lo sconto è frazionato, ad esempio su un importo di 16 euro, il 10% pari a 1,6 euro darà diritto al pagamento di 15 euro + 1 Napoli .

Questa sera saranno distribuiti alcuni NAPO lungo il percorso in occasione della Notte Bianca nel quartiere Vomero - Arenella.

Per informazioni e dispositivi traffico sulla notte bianca:


http://www.comune.napoli.it/flex/cm/pag ... gina/19381


"Dovremmo aver paura del capitalismo, non delle macchine".
(Stephen Hawking)
flaviomob
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 12704
Iscritto il: 19/06/2008, 19:51

L'Euro e il Napo... e lo SCEC rubato!

Messaggioda franz il 29/09/2012, 18:52

FAIL (the browser should render some flash content, not this).

la didascalia del filmato youtube afferma che
L'assessore della giunta De Magistris, Marco Esposito, parla al forum delle culture del SUO NAPO... sventolando uno SCEC!
L'idea dell'assessore e del sindaco è davvero fantastica! Un buono che serva a dare slancio all'economia locale!
Peccato che menta dicendo che un esperimento del genere non sia mai stato creato (sventolando uno scec!).
L'esperimento c'è e si chiama SCEC, un progetto nato 5 anni fa proprio a Napoli e adottato da molte regioni italiane, e l'assessore Esposito lo conosce perfettamente, visto che gli è stato proposto di adottarlo.
Ma loro cosa fanno? Lo prendono pari pari e lo ribattezzano NAPO, buttando a mare anni di lavoro per creare un'alternativa all'economia attuale.
Un atteggiamento degno di una banda di ladri


Lo SCEC c'è da 5 anni ed il NAPO è un'inutile scopiazzatura che ruba l'idea "istituzionale" ad una associazione di volontari attivi sul territorio. Lo SCEC tra l'altro é esteso anche oltre napoli.

Vedere http://www.progettoscec.com/
http://www.macroedizioni.it/newsletter/scec.html
http://www.terranauta.it/a937/citta_in_ ... _scec.html

Non sapevo che rubare le idee fosse "keynesiano" :lol:

Comunque ricordo anche di aver verificato mesi fa la crescita dei prezzi al consumo a Napoli, che ora è doppia rispetto ad altri capoluoghi campani, segno che in questi 5 anni i buoni regalati (gli SCEC) hanno fatto lievitare i prezzi, come prevede la teoria economica. Cosa succederà con i NAPO?
Roma ai romani
Anzio agli anziani
(graffito)
Avatar utente
franz
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 20858
Iscritto il: 17/05/2008, 14:58

Re: Campania prima Regione d'Italia senza auto blu

Messaggioda ranvit il 29/09/2012, 19:25

Mah....non è ho echi nè notizie...

"A me, me sembr na' strunzata" :D

Con in piu' il rischio di cui parla franz: siccome i commercianti sono....commercianti, cio' che prima costava 20 adesso costerà 22....cosi' loro intrascano comunque 20 e in piu' fanno la bella figura di partecipare al giochino "equo e solidale" 8-)
Il 60% degli italiani si è fatta infinocchiare votando contro il Referendum che pur tra errori vari proponeva un deciso rinnovamento del Paese...continueremo nella palude delle non decisioni, degli intrallazzi, etc etc.
ranvit
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 10669
Iscritto il: 23/05/2008, 15:46

La Campania taglia le indennità ai consiglieri

Messaggioda ranvit il 23/12/2012, 12:17

Bravo Caldoro! Pdl ma socialista...


http://lacittadisalerno.gelocal.it/cron ... -1.6238437

La Regione taglia le indennità ai consiglieri

Il consiglio approva una riduzione di 3mila euro al mese. Sul sito internet le spese dei gruppi



Il Consiglio regionale della Campania ha approvato i tagli alle indennità di consiglieri e presidente della giunta, e ha disposto che sul sito del Consiglio siano pubblicate le spese dei gruppi. Inoltre le assenze ingiustificate dalle sedute consiliari faranno scattare il taglio di 150 euro sulle indennità.
A partire da gennaio i consiglieri avranno in busta paga 6200 euro a fronte dei 9.200 euro percepiti finora. Il presidente della Regione percepirà mensilmente uno stipendio di 7400 euro. Per le spese di ciascun gruppo il contributo annuo sarà di 5mila euro per ogni consigliere. Ciascun gruppo è tenuto ad approvare un rendiconto annuale che va trasmesso al presidente della Giunta e a quello del Consiglio regionale. Entro sessanta giorni dalla chiusura dell’esercizio gli atti andranno inviati alla Corte dei Conti. Sarà gratuita la partecipazione di consiglieri alle Commissioni mentre per i presidenti è prevista un’indennità di carica. E ancora: il vitalizio diventa contributivo e si potrà riscuotere a partire dai 66 anni.

22 dicembre 2012
Il 60% degli italiani si è fatta infinocchiare votando contro il Referendum che pur tra errori vari proponeva un deciso rinnovamento del Paese...continueremo nella palude delle non decisioni, degli intrallazzi, etc etc.
ranvit
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 10669
Iscritto il: 23/05/2008, 15:46


Torna a Campania

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron