La Comunità per L'Ulivo, per tutto L'Ulivo dal 1995
FAIL (the browser should render some flash content, not this).

Cibo e pesticidi

Dall'innovazione tecnologica alla ricerca, vogliamo trattare in particolar modo i temi legati all'ambiente ed alla energia, non solo pero' con uno sguardo puramente tecnico ma anche con quello politico, piu' ampio, di respiro strategico

Cibo e pesticidi

Messaggioda flaviomob il 12/01/2019, 17:36

Cibo e pesticidi, se le “dosi tollerabili” non sono poi così sicure
Di Valentina Corvino - 12 gennaio 2019

Erbicidi in cracker di grano e cereali, insetticidi nel succo di mela e un mix di pesticidi multipli in spinaci, fagiolini e altre verdure: fanno tutti parte delle diete quotidiane di molti americani. E non solo: le analisi cui mensilmente Il Salvagente sottopone gli alimenti che fanno parte della nostra dieta dimostrano che anche nel nostro paese non è poi così difficile trovare alimenti contaminati. Per decenni, i funzionari federali hanno dichiarato che minime tracce di questi contaminanti sono sicuri e non creano problemi alla salute. Ma una nuova ondata di controllo scientifico sta sfidando quelle asserzioni.

Anche se molti consumatori potrebbero non rendersene conto, ogni anno gli scienziati governativi documentano come centinaia di sostanze chimiche utilizzate dagli agricoltori nei loro campi e colture lasciano residui in alimenti ampiamente consumati. Oltre il 75% dei frutti e oltre il 50% degli ortaggi campionati ha portato residui di pesticidi nell’ultimo campionamento segnalato dalla Food and Drug Administration. Persino i residui del DDT chimico che uccide gli insetti è strettamente correlato agli alimenti, insieme a una serie di altri pesticidi noti agli scienziati per essere collegati a una serie di malattie.

I regolatori degli Stati Uniti e le società che vendono le sostanze chimiche agli agricoltori insistono sul fatto che i residui di pesticidi non rappresentano una minaccia per la salute umana. La maggior parte dei livelli di residui trovati nel cibo rientrano nei livelli di “tolleranza” stabiliti dalla Environmental Protection Agency (Epa). Peccato, però, che sulle modalità con cui l’Agenzia fissa i livelli di tolleranza ci sia più di qualche dubbio. E’, ad esempio, il caso del glifosato su cui pesa più di qualche dubbio. Il sospetto (fondato) è che Monsanto, la multinazionale che produce il RoundUp, abbia manipolato le decisioni dell’Epa portato ad un progressivo innalzamento dei livelli di tolleranza. Nel 1993, ad esempio, l’Epa aveva una tolleranza per il glifosato nell’avena a 0,1 parti per milione (ppm), ma nel 1996 la Monsanto chiese all’Agenzia di aumentare la tolleranza a 20 ppm e l’Epa fece come richiesto. Nel 2008, su suggerimento di Monsanto, l’Epa ha nuovamente cercato di aumentare la tolleranza per il glifosato nell’avena, questa volta a 30 ppm.

Tuttavia, recenti studi scientifici hanno spinto molti scienziati ad avvertire che anni di dichiarazioni rassicuranti potrebbero essere sbagliati. Mentre nessuno si aspetta che cada morto mangiando una ciotola di cereali contenenti residui di pesticidi, ripetute esposizioni di basso livello per tracciare quantità di pesticidi nella dieta potrebbero contribuire a una serie di problemi di salute, in particolare per i bambini , dicono gli scienziati.
“Ci sono probabilmente molti altri effetti sulla salute; non li abbiamo ancora studiati ”

Un gruppo di scienziati di Harvard ha pubblicato un commento in ottobre affermando che ulteriori ricerche sui potenziali legami tra la malattia e il consumo di residui di pesticidi sono “urgentemente necessarie” poiché oltre il 90 percento della popolazione statunitense ha residui di pesticidi nelle urine e nel sangue. La via principale di esposizione a questi pesticidi è attraverso il cibo che le persone mangiano, ha detto il team di ricerca di Harvard.

“Chiaramente gli attuali livelli di tolleranza ci proteggono dalla tossicità acuta, il problema è che non è chiaro fino a che punto l’esposizione a basso livello a lungo termine ai residui di pesticidi attraverso il cibo possa o meno essere pericolosa per la salute”, ha affermato Jorge Chavarro, professore associato dei Dipartimenti di Nutrizione ed Epidemiologia presso l’Harvard TH Chan School of Public Health e uno degli autori dello studio.

In un’intervista Linda Birnbaum, che dirige U.S. National Institute of Environmental Health Sciences (Niehs) ha affermato che i residui di pesticidi nel cibo e nell’acqua sono tra i tipi di esposizione che necessitano di un maggiore controllo normativo.

“Penso che i livelli attualmente impostati siano sicuri? Probabilmente no”, ha detto Birnbaum. “Abbiamo persone di diversa suscettibilità, sia a causa della loro genetica, sia della loro età, qualunque cosa possa renderle più sensibili a queste cose.”

https://ilsalvagente.it/2019/01/12/cibo ... si-sicure/


"Dovremmo aver paura del capitalismo, non delle macchine".
(Stephen Hawking)
flaviomob
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 12665
Iscritto il: 19/06/2008, 19:51

Re: Cibo e pesticidi

Messaggioda flaviomob il 15/01/2019, 1:37

Fino a 5 pesticidi nella stessa mela. Il test shock del Salvagente

Di Lorenzo Misuraca - 28 dicembre 2018

Fresca e adatta a tutte le stagioni, la mele è per antonomasia il frutto associato alla salute, tanto da diventare, secondo un famoso detto popolare, il cibo in grado di scacciare via le visite dal medico. Quello che in pochi sanno, però, è che la mela è anche uno dei frutti più delicati e soggetti all’assalto di parassiti e funghi, e pertanto ha bisogno di diversi trattamenti con sostanze chimiche nel corso del ciclo produttivo. È lecito dunque chiedersi se al momento del primo morso si riveli poi così pulita come appare nell’immaginario comune.

I campioni analizzati

Da questa domanda è partito il Salvagente per il test contenuto nel numero di gennaio, in edicola dal 28 dicembre, decidendo di analizzare 22 campioni di diverse marche comprate in supermercati, discount, negozi bio più comuni in Italia e perfino in un fast food. Sotto la lente del laboratorio sono finiti i frutti comprati acquistati da Coop, Conad, Esselunga, Lidl, Carrefour, Eurospin, Pam&Panorama, Todis, Simply, Castoro, Almaverde Bio Market, Naturasì e McDonald’s. Tranne quest’ultimo (la catena di fast food fornisce la mela sotto forma di snack a fette in bustina), tutti i campioni sono stati reperiti in esemplari interi, appartenenti alle varietà più comuni: Gala, Stark (red) delicious, Pink lady, Kanzi. L’unica a non aver indicato la varietà in etichetta è proprio la popolare catena di fast food americana.
Il risultato complessivo parla di ben 14 pesticidi trovati sulle bucce delle mele, con un esemplare che ne ha raccolti ben cinque diversi, le mele stark comprate da Todis. Sebbene in nessun caso i residui trovati abbiano superato i limiti massimi previsti per legge, la quantità di molecole diverse obbliga il consumatore all’attenzione: l’effetto moltiplicatore della sommatoria multiresiduo è una possibilità che diversi studi scientifici hanno evidenziato. Il risultato del test ha confermato la maggior garanzia del biologico. Non altrettanto significativo, almeno per i pesticidi, è risultato invece il marchio di garanzia Igp: le mele a indicazione geografica protetta si sono piazzate solo a metà classifica.

https://ilsalvagente.it/2018/12/28/fino ... nte/45500/


"Dovremmo aver paura del capitalismo, non delle macchine".
(Stephen Hawking)
flaviomob
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 12665
Iscritto il: 19/06/2008, 19:51

Re: Cibo e pesticidi

Messaggioda franz il 15/01/2019, 7:56

La mela è sempre meglio pelarla.
È un peccato perché la buccia contiene importanti sostanze nutritive.

https://www.greenme.it/mangiare/aliment ... are-buccia
Brexit question: will be April the end of May?
Avatar utente
franz
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 20606
Iscritto il: 17/05/2008, 14:58

Re: Cibo e pesticidi

Messaggioda flaviomob il 17/01/2019, 1:40

I 12 alimenti con maggiori pesticidi:
1) mele

2) sedano

3) peperoni

4) pesche

5) fragole

6) pesche nettarine

7) uva

8) spinaci

9) lattuga

10)cetrioli

11) mirtilli

12) patate

https://www.greenme.it/mangiare/altri-a ... classifica


"Dovremmo aver paura del capitalismo, non delle macchine".
(Stephen Hawking)
flaviomob
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 12665
Iscritto il: 19/06/2008, 19:51


Torna a Ecologia, Energia, Innovazione, Ricerca

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

cron