La Comunità per L'Ulivo, per tutto L'Ulivo dal 1995
FAIL (the browser should render some flash content, not this).

Arretra la speranza di vita

Forum per le discussioni sulle tematiche economiche e produttive italiane, sul mondo del lavoro sulle problematiche tributarie, fiscali, previdenziali, sulle leggi finanziarie dello Stato.

Arretra la speranza di vita

Messaggioda trilogy il 08/04/2016, 11:11

L'avevo già anticipato da qualche parte un po' di tempo fa. C'erano indicatori che facevano supporre che avessimo toccato un tetto. I dati ora confermano, finalmente ci sono riusciti. A forza di austerità, aumento delle tasse, aumento della povertà, la gente muore prima. Ma tranquilli l'aspettativa di vita degli italiani continuerà a crescere "per legge" almeno fino al 2021 :lol:

Rapporto Istat: dopo 10 anni arretra la speranza di vita alla nascita

Un focus specifico sulla sanità: i tumori e le malattie del sistema circolatorio sono le patologie per cui è più frequente il ricovero. Bene gli stili di vita: nel 2014 si riducono i consumatori di alcol a rischio, i fumatori e le persone obese

«Secondo le prime stime relative al 2015, per la prima volta negli ultimi 10 anni la speranza di vita alla nascita arretra, con un decremento di 0,2 punti per gli uomini (80,1) e 0,3 per le donne (84,7). E nel Mezzogiorno i valori si confermano al di sotto della media nazionale», lo scrive l’Istat nel Rapporto “Noi Italia” 2016 presentato oggi con cui scatta a 360 gradi una fotografia del nostro Paese.

Morte per tumori e malattie del sistema circolatorio

I tumori e le malattie del sistema circolatorio sono le patologie per cui è più frequente il ricovero ospedaliero; tuttavia il ricorso al ricovero è in progressiva riduzione. Nel 2013 i ricoveri per le malattie circolatorie e i tumori si confermano più elevati nelle regioni del Centro. In Italia la mortalità per tumori e malattie del sistema circolatorio è inferiore alla media europea. Nel Mezzogiorno la mortalità per tumori è inferiore alla media nazionale, mentre è più elevata quella per malattie del sistema circolatorio. Il tasso di mortalità infantile, importante indicatore del livello di sviluppo e benessere di un paese, continua a diminuire; nel 2013 in Italia è di 2,9 per mille nati vivi, tra i valori più bassi in Europa.

Lo stile di vita continua a migliorare

Buone notizie sugli stili di vita degli italiani che continuano a migliorare. Nel 2014 si riducono i consumatori di alcol a rischio (15,5%), i fumatori (19,5%) e le persone obese (10,2%). A livello territoriale la quota più alta di consumatori di alcol si ritrova nel Centro-Nord mentre l’obesità è più diffusa nel Mezzogiorno. I fattori di rischio riguardano più gli uomini, con differenze rispetto all’età: i fumatori raggiungono i valori più alti nelle fasce di età centrali, il consumo di alcol a rischio è più diffuso tra i 65-74enni. Rispetto all’obesità, il nostro è tra i paesi con i valori più bassi insieme a Svezia e Paesi Bassi; all’estremo opposto Ungheria, Grecia ed Estonia.

Spesa pubblica sanitaria inferiore a Francia e Germania

Nel documento Istat si evidenzia come nel 2013 la spesa sanitaria pubblica italiana si attesta intorno ai 2.400 dollari pro capite a fronte degli oltre 3.000 spesi in Francia e Germania. La quota di spesa sanitaria privata è pari al 22,6% del totale, inferiore di oltre un punto percentuale rispetto a quella tedesca ma superiore a quella francese. Riguardo l’offerta di posti letto ospedalieri, l’Italia si colloca al 21° posto e continua ad essere al di sotto della media Ue28 (5,3 posti letto ogni mille abitanti).

Ci si sposa poco e si fanno pochi figli
Continua a diminuire il numero medio di figli per donna, nel 2014 si attesta a 1,37 mentre occorrerebbero circa 2,1 figli per garantire il ricambio generazionale. Con 3,2 matrimoni ogni mille abitanti, l’Italia rimane anche uno dei paesi dell’Ue28 in cui ci si sposa meno. L’Italia presenta una bassa incidenza di divorzi, 8,6 ogni 10mila abitanti nel 2014; a livello europeo solo Irlanda e Malta registrano valori inferiori (anno 2013). Per le separazioni si sta verificando una convergenza tra le varie aree del Paese (14,8 e 14,6 ogni 10mila abitanti nel Centro-Nord e nel Mezzogiorno) mentre il divario Nord-Sud per i divorzi rimane ancora evidente (rispettivamente 9,8 e 6,6).

L’Italia è anche un Paese «di anziani»: al 1 gennaio 2015 - secondo il rapporto Istat diffuso oggi - ci sono 157,7 anziani ogni 100 giovani. E 55,1 persone in età non lavorativa ogni 100 in età lavorativa; valori in continua ascesa negli ultimi anni.
Chiunque ha tentato di creare uno Stato perfetto, un paradiso in terra, ha in realtà realizzato un inferno. Popper
Avatar utente
trilogy
Redattore
Redattore
 
Messaggi: 4235
Iscritto il: 23/05/2008, 22:58

Re: Arretra la speranza di vita

Messaggioda pianogrande il 10/04/2016, 2:36

Se si muore prima nonostante il miglioramento dello stile di vita c'è sicuramente qualcosa che non va nel manico.
Inquinamento e assistenza sanitaria sono gli aspetti che mi vengono in mente per primi.
Quanto ai pochi figli e ai pochi matrimoni, sono tutti sintomi di insicurezza che porta ad una qualità della vita che molto difficilmente ci farà diventare un paese di centenari.
Fotti il sistema. Studia.
pianogrande
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 9757
Iscritto il: 23/05/2008, 23:52

Re: Arretra la speranza di vita

Messaggioda franz il 10/04/2016, 8:58

L’Italia è anche un Paese «di anziani»: al 1 gennaio 2015 - secondo il rapporto Istat diffuso oggi - ci sono 157,7 anziani ogni 100 giovani. E 55,1 persone in età non lavorativa ogni 100 in età lavorativa; valori in continua ascesa negli ultimi anni.

Certo, solo dal 2008 al dicembre 2015 ben mezzo milione di persone, soprattutto giovani ed adulti in età di lavoro, hanno lasciato l'Italia per trasferirsi all'estero. 744'000 dal 2002. E non solo aumentano vertiginosamente le partenze (cancellazioni) ma calano vistosamente i ritorni. Lo scorso anno sono partiti 100'000 italiani e ne sono tornati 28'000.

Sulle nascite trovo un fatto molto strano. Prendendo il periodo tra il 2002 ed il 2005, in media gli iscritti all'AIRE sono aumentati ogni anno di 246'000 unità anche se in quel periodo erano piu' gli italiani a tornare a casa che quelli a partire. Visto che il saldo AIRE è dato da "arrivi - partenze + nascite - decessi" (se un italiano all'estero ha un figlio, lo iscrive all'Aire per fargli avere la nazionalità italiana) sembrerebbe che gli italiani all'estero facciano un mucchio di figli e/o che muoiano raramente. La seconda è vera (ci fu una polemica sulla mancate cancellazioni per cui votavano anche i morti) ma 246'000 figli all'anno sono la metà di quelli che nascono in Italia. Visto che gli italiani all'estero in quegli anni erano circa 3 milioni, avremmo una performance di natalità stupefacente. E' possibile che l'incremento sia dovuto a naturalizzazioni (stranieri che chiedono all'estero la nazionalità italiana o italiano che l'hanno persa e la riottengono)? Aire non lo dice ed i dati sono stravecchi e non disaggregati adeguatamente. Pero' pare che la comunità italiana all'estero sia florida e crescente. Erano 3 milioni nel 2003, sono 4 milioni e 341mila nel 2012. Dati piu' recenti non ne ho trovati.
Roma ai romani
Anzio agli anziani
(graffito)
Avatar utente
franz
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 20923
Iscritto il: 17/05/2008, 14:58


Torna a Economia, Lavoro, Fiscalità, Previdenza

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron