La Comunità per L'Ulivo, per tutto L'Ulivo dal 1995
FAIL (the browser should render some flash content, not this).

Anche i pensionati scappano

Forum per le discussioni sulle tematiche economiche e produttive italiane, sul mondo del lavoro sulle problematiche tributarie, fiscali, previdenziali, sulle leggi finanziarie dello Stato.

Anche i pensionati scappano

Messaggioda trilogy il 11/01/2016, 12:39

La nuova vita dei pensionati lontani dalle tasse a Tenerife
19 mila italiani esuli in mezzo all’Atlantico, ma in realtà quasi 60 mila
:mrgreen:
niccolò zancan
inviato a tenerife

Questa notte la signora Maria Teresa Tomaselli andrà a ballare al Banana di Los Cristianos. Sotto le luci colorate della pista, brillerà l’unico gioiello che le è rimasto. «Me l’ha regalato il mio ex marito. E’ il nostro anello di fidanzamento. Quando stavo per vendere anche questo, pur di riuscire a pagare le bollette, ho capito che era il momento di scappare dall’Italia». Quando la signora Tomaselli balla, la cagnetta Jasmine aspetta dietro alla porta di casa. E con 800 euro di pensione maturata in 29 anni di lavoro a Massa Carrara, più 200 euro ricavati con piccoli lavoretti da sarta e rammendatrice, la vita può ancora avere un senso. «Non sopportavo più la spada di Damocle delle tasse, dei conguagli, delle ingiunzioni. Mi si chiedeva più di quanto umanamente fossi in grado di dare. Ho dovuto portare al Compro Oro tutti i regali di infanzia, i braccialetti di mamma e papà. L’Italia è la mia patria, mi vengono i brividi solo a pensarci. Ma non ce la facevo più. Qui posso vivere. Adoro il piccolo terrazzo del mio nuovo appartamentino. Adoro poter passeggiare fino all’una di notte tranquilla. Amo ballare al Banana e quando parte la musica non vedo più niente e nessuno».

Vive sola a Los Cristianos, sull’isola di Tenerife, alle Canarie, l’ultima lembo d’Europa occidentale fra l’Africa e il Sud America. «Non è vero. Vivo con Jasmine, quindi non sono sola. E poi, ho molti nuovi amici. Prendi Nives, per me è una sorella, è stata lei ad insegnarmi lo spagnolo». La signora Tomaselli è una dei 19 mila italiani esuli al caldo in mezzo all’Atlantico, a cercare tasse più basse e una specie di dolcezza perduta. Attenzione: 19 mila sono quelli ufficialmente registrati all’Aire, l’associazione per i residenti all’estero. Ma in realtà gli italiani sarebbero quasi 60 mila, con un incremento esponenziale negli ultimi tre anni.

Per capire quello che sta succedendo, basta andare a chiedere a Rosa Cavaliere dell’agenzia «Canarie per te, la casa degli italiani». Presidia un ufficio nuova di zecca nel centro storico di Puerto de la Cruz. «Ogni giorno ricevo in media dieci nuovi contatti. Sono persone che vogliono scappare. Ma se fino a qualche tempo fa, erano quasi tutti pensionati. Ora mi cercano giovani coppie. Madri anziane che vorrebbero piazzare i figli laureati e disoccupati. Come se qui fosse facile trovare lavoro…».

Se in Bulgaria e in Tunisia la tassazione per i pensionati è pari a zero, se anche il Portogallo ha appena introdotto una legge che permette di incassare l’intero assegno lordo per i primi dieci anni di residenza, questa delle Canarie è un’altra storia. È qualcosa che assomiglia a una rivincita, se non proprio a una vendetta. Tutti cercano una seconda vita. La tassazione parte dal 15%. I titolari di pensioni minime non devono fare la dichiarazione dei redditi. Non c’è l’Iva sui beni di consumo, essendo considerata una «zona ultra periferica». La benzina costa 80 centesimi al litro, una cena al ristorante 12 euro. E si capisce bene che nel 2016 possa essere una rivoluzione anche ricominciare a mangiare pesce fresco.

Il Nord è verde. Meno devastato dal cemento. Il Sud è pieno di palme piantate contro la desertificazione. Giganteschi transatlantici scaricano croceristi pallidi in ciabatte. Su tutta l’isola non esistono termosifoni. A gennaio la temperatura non scende sotto i 14 gradi. Tutte le novità più rilevanti vengono raccontate agli italiani dal mensile «Leggo Tenerife», 7 mila copie cartacee e 35 mila digitali. L’ha fondato nel 2013 Bianca Leonardi con il marito Franco, due imprenditori scappati dal Lago di Garda. «Abbiamo deciso di partire alla terza rapina, quando abbiamo constatato che neppure le inferriate e le telecamere servivano a scoraggiare i ladri». Il giornale va bene. Ma ultimamente neanche a Tenerife si può vivere completamente in pace: «Stanno arrivando anche italiani poco seri. Ladri di polli. Che truffano sulle case in affitto. Che si vendono gli arredamenti degli altri. Sono triste quando gli amici spagnoli me lo fanno notare».

È la moltiplicazione degli esuli. Pensionati. Disperati. Imprenditori. Vincenzo Spizzichino, fiscalista internazionale, è partito da Roma per venire a fare consulenza qui. «Nel giro di due anni, ho aperto tre uffici. I clienti sono in aumento. Non più i soliti ristoranti. Ma produzione di cachemire, import-export di vino, distribuzione di prodotti alimentari, web marketing. Molti imprenditori, strangolati dalle tasse italiane, si stanno trasferendo alle Canarie».

Una volta, erano solo persone come Giacomo Augugliaro, con quello sguardo dolce e ironico alla Mastroianni. «Ho fatto tutta la vita l’insegnante di matematica. Mia moglie ha nostalgia di Ladispoli, io nessuna. Con 1300 euro di pensione, la mia, stiamo bene in due. Per 500 euro affittiamo una casa stupenda in un condominio con tre piscine. Vado personalmente a fare la spesa e ho notato che, con la giusta razionalità, qui risparmi fino al 40 per cento rispetto all’Italia». Ah, l’Italia. E’ ovunque. Le pizzerie con il forno a legna. Le canzoni alla radio. E quella volta che la moka esplose piena di caffè nel cucinino della signora Tomaselli. «Ho tenuto queste macchie sulla parete come fossero un’opera d’arte», racconta.

Al Sud ci sono intere zona abitate da pensionati italiani. Solo a Los Cristianos, 5 mila. E poi, certo, c’è un signore di Belgrado in carrozzella che fissa il mare azzurro e nero: «Viaggiando ho scoperto una cosa. Tutto il mondo è lo stesso schifo». C’è un’infermiera di Glasgow che sta prendendo informazioni per trasferirsi definitivamente. Le gelaterie, una dietro l’altra, con slavine ai gusti Kinder e Oreo. Due coniugi di Liverpool impegnati con le parole crociate sulla spiaggia. «Long holiday», dicono sorseggiando succo d’ananas. Sono qui per un vacanza di sei mesi, per il momento. Poi si vedrà. Sbarca una comitiva di norvegesi. Passa una signora di Bruxelles, così abbronzata e magra. Tiene il barboncino Lilly in un passeggino per bambini, mentre cammina avanti e indietro per mantenersi in forma. L’affitto di una mobility car - piccole monoposto elettriche onnipresenti - costa 20 euro al giorno. Un massaggio ai piedi, 15 euro. C’è la chirurgia estetica laser. C’è l’osteopata all’angolo con l’ufficio postale. Cure dentarie. Check-up cardiaci. Ci sono guardie di sorveglianza privata e discoteche dedicate, come il Banana.

Quando partono i lenti, certe volte scende una lacrima. La signora Tomaselli è la stella di Los Cristianos. Nessuno balla con il suo trasporto. E alla fine, fra chi si commuove di nostalgia e chi spera di innamorarsi ancora una volta, oltre alla fuga degli italiani, ti colpisce la latitanza dell’Italia. Come abbiamo potuto perdere la partita imprenditoriale del secolo? Quella per l’industria che accudisce la terza e la quarta età.

http://www.lastampa.it/2016/01/11/itali ... agina.html
Chiunque ha tentato di creare uno Stato perfetto, un paradiso in terra, ha in realtà realizzato un inferno. Popper
Avatar utente
trilogy
Redattore
Redattore
 
Messaggi: 4235
Iscritto il: 23/05/2008, 22:58

Re: Anche i pensionati scappano

Messaggioda pianogrande il 12/01/2016, 12:53

Questa immagine dei pensionati dediti al ballo e all'abbronzatura mi fa veramente tristezza.

Gente che lascia la famiglia, figli, nipoti, per andare a vivere dove vivere costa meno.
Tutto qua.

La "nostalgia di Ladispoli" vista come una stranezza da terza età è la ciliegina sulla torta di un articolo che delle implicazioni sociali e affettive di questo fenomeno non fa una parola.

L'aspirazione massima dei pensionati (dei nonni) non è andare a ballare e prendere il sole (certo, una bella vacanza piace a tutti) ma di sentirsi realizzati in una famiglia e nell'ambiente dove si è cresciuti o comunque dove si è vissuta la vita attiva.

Tra l'altro questo significa una valanga di valuta che prende la strada dell'estero e che qualcuno comincia a mettere in discussione.
Fotti il sistema. Studia.
pianogrande
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 9757
Iscritto il: 23/05/2008, 23:52

Re: Anche i pensionati scappano

Messaggioda flaviomob il 13/01/2016, 0:25

Se partono vuol dire che stanno meglio là. Ai nipotini manderanno una cartolina... ;)


"Dovremmo aver paura del capitalismo, non delle macchine".
(Stephen Hawking)
flaviomob
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 12704
Iscritto il: 19/06/2008, 19:51

Re: Anche i pensionati scappano

Messaggioda pianogrande il 14/01/2016, 0:33

flaviomob ha scritto:Se partono vuol dire che stanno meglio là. Ai nipotini manderanno una cartolina... ;)


Per carità!
Liberissimi di scegliere e gli auguro di stare benissimo.

Eppure, da nonno S.P.E. (Servizio Permanente Effettivo) non vedo solo spiagge, ombrelloni, grigliate e danze esotiche nelle aspirazioni dei miei colleghi.
Sopratutto le colleghe, nella famiglia allargata, amici compresi, trovano gratificazioni che il maggior tempo libero rende godibili al massimo.

Tra l'altro ho sempre seguito la massima per cui riposare è bello, è bellissimo; ma solo se sei stanco, stanchissimo.
Fotti il sistema. Studia.
pianogrande
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 9757
Iscritto il: 23/05/2008, 23:52

Re: Anche i pensionati scappano

Messaggioda flaviomob il 14/01/2016, 1:26

I nonni sono una risorsa eccezionale per i nipotini, se veramente desiderano fare i nonni. Ma la "vocazione" non è per tutti e talvolta i nipoti, crescendo, diventano un po' ingrati o indifferenti. Talvolta non ci sono nemmeno nipoti. E allora meglio il valzerino "on the beach" :)


"Dovremmo aver paura del capitalismo, non delle macchine".
(Stephen Hawking)
flaviomob
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 12704
Iscritto il: 19/06/2008, 19:51

Re: Anche i pensionati scappano

Messaggioda trilogy il 23/01/2016, 11:15

I cococo non possono neanche scappare :roll: con 161 euro di pensione al mese non possono pagarsi il biglietto aereo.
Sono redditi in linea con quelli dell'Uganda dell'Afghanistan o del Benin, ed è solo l'inizio.

Da quando esistono, ossia da una quindicina d'anni, sono chiamati volgarmente co.co.co (ossia collaboratori coordinati e continuativi). Ma burocraticamente sono definiti "lavoratori parasubordinati". hanno stipendi spesso da fame, eppure molti di loro stornano una parte delle loro misere fatture alla gestione separata dell'Inps. Un fondo appositamente costituito per chi ha lavori saltuari e che, in teoria, dovrebbe loro assicurare al termine della vita lavorativa u reddito in grado di sostenerli in vecchiaia. Già, ma a quanto ammonta, nella media, questo reddito? A svelarlo è il quotidiano "Il Tempo", che ha preso in esame il monitoraggio dei flussi pensionistici effettuato dall'Inps. Ebbene, i contributori alla gestione separata che sono andati in pensione nel 2015 avendone i titoli (ossia 20 anni di contribuzione e una anzianità anagrafica di 66 anni e 7 mesi) hanno percepito un assegno medio mensile di 161 euro netti (nel 2014 erano 157). Per fare un paragone, l'assegno medio mensile dei lavoratori dipendenti ammontava a 1.251 euro netti.
Chiunque ha tentato di creare uno Stato perfetto, un paradiso in terra, ha in realtà realizzato un inferno. Popper
Avatar utente
trilogy
Redattore
Redattore
 
Messaggi: 4235
Iscritto il: 23/05/2008, 22:58


Torna a Economia, Lavoro, Fiscalità, Previdenza

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron