La Comunità per L'Ulivo, per tutto L'Ulivo dal 1995
FAIL (the browser should render some flash content, not this).

Se il femore sbaglia giorno

Forum per le discussioni sulle tematiche economiche e produttive italiane, sul mondo del lavoro sulle problematiche tributarie, fiscali, previdenziali, sulle leggi finanziarie dello Stato.

Se il femore sbaglia giorno

Messaggioda franz il 05/01/2015, 11:07

SE IL FEMORE SBAGLIA IL GIORNO IN CUI FRATTURARSI
Di Pietro Ichino

TRA NATALE E CAPODANNO I TRENI E GLI AEREI VANNO, I RISTORANTI E I CINEMA SONO APERTI, MA UN GRANDE CENTRO ORTOPEDICO CHIUDE PER CINQUE GIORNI LE SALE OPERATORIE, ESPONENDO GLI SFORTUNATI CHE HANNO UNA FRATTURA GRAVE IN QUEI GIORNI A UNA SOFFERENZA AGGIUNTIVA

Lettera sul lavoro pubblicata dal Corriere della Sera il 3 gennaio 2014.

24 dicembre 2014 – Una banale caduta in casa, un dolore all’anca sempre più acuto. Il signor Bianchi si fa portare al pronto soccorso del maggiore ospedale ortopedico della città. Una solerte infermiera lo invita a non lamentarsi troppo: “se fosse una frattura del femore, il piede sarebbe storto”; e così dicendo mostra direttamente come dovrebbe essere storto il piede, facendo impazzire dal dolore il titolare. La radiografia smentisce l’infermiera: frattura del collo del femore. Occorre un intervento chirurgico: ricovero immediato.

“Ma – avverte subito il medico di guardia rivolto all’infortunato – lei ha scelto il giorno sbagliato per rompersi il femore: domani è Natale, poi c’è Santo Stefano, poi c’è il sabato e domenica, insomma l’operazione si può fare solo lunedì 29. Però non si preoccupi: la sua non è di quelle fratture per le quali occorra proprio intervenire entro quarantott’ore, altrimenti apriremmo la sala operatoria anche di Natale. La sua non è un’urgenza e l’intervento può senz’altro attendere cinque giorni”. E il sig. Bianchi viene sistemato nel suo letto, con la prospettiva di restare lì in attesa per tutto il lungo ponte.

“Non sarà un’urgenza – dice il paziente all’infermiera che lo assiste in reparto, a notte inoltrata -, ma a me la gamba fa molto, molto male. E questo Toradol che mi avete iniettato mi sembra acqua fresca”.

“Eh, il primo giorno le fratture del femore fanno sempre molto male – risponde lei, pur gentile e premurosa – bisogna avere pazienza. A me è stata data solo questa prescrizione per il dolore, non posso proprio darle nient’altro”.

“Allora, per favore, chiami il medico di guardia, che mi prescriva qualche cosa di più efficace. Io così non resisto”.

“Lo chiamo subito, vediamo se può darle la morfina. Però guardi che non potrà venire molto presto, perché è la notte di Natale ed è solo”.

Passano le ore, viene ripetuta la flebo di Toradol, il sig. Bianchi si macera nel suo dolore insopportabile. E alle prime luci dell’alba decide che altri quattro giorni così non è il caso di passarli. Neppure se il dolore dovesse ridursi un po’: aspettare non ha senso. Cerca un amico medico e gli chiede di aiutarlo a trovare altrove un’équipe chirurgica disposta a operarlo e una sala operatoria aperta nonostante il ponte.

La vicenda – integralmente vera, anche nei dettagli – è molto significativa di come il dolore fisico dei pazienti viene comunemente considerato nei nostri ospedali. Irrilevante lo considera l’infermiera del pronto soccorso, compiendo senza alcuna necessità la “manovra diagnostica” che abbiamo visto. Irrilevante lo considera l’organizzazione sanitaria del grande istituto ortopedico, il cui protocollo non contempla, nell’attesa dell’intervento chirurgico, una terapia del dolore adeguata. Ma – e questo è l’aspetto più sconcertante dell’intera vicenda – irrilevante è considerato il dolore di una persona anche dal collettivo dei dirigenti, medici, paramedici e loro rappresentanti quando stabiliscono che nel grande istituto ortopedico tra Natale e Capodanno, se non è proprio in gioco la vita del paziente, le sale operatorie devono rimanere chiuse per cinque giorni di fila. Nel grande istituto che è teatro di questo racconto arrivano da ogni parte d’Italia circa mille fratture di femore all’anno: mediamente tre al giorno. Oltre al signor Bianchi c’è dunque presumibilmente un’altra decina di persone, femore più femore meno, che hanno “sbagliato giorno” per infortunarsi. Non sono considerate “un’urgenza”: se non hanno la possibilità di andare a farsi curare altrove, stiano pure lì a macerarsi nella loro sofferenza per due o tre giorni in più; non si muore per così poco.

Quest’ultimo è – a ben vedere – il risvolto più grave della vicenda. Perché nei giorni tra Natale e Capodanno i treni e gli aerei vanno ininterrottamente, i ristoranti servono pasti, sono aperti i cinema e le sale da concerto. Dunque si ritiene che far godere le feste alla generalità delle persone sia “un’urgenza” sufficiente per giustificare il sacrificio delle feste stesse per alcune di esse. Non è invece considerata “un’urgenza” di pari rango l’esigenza di togliere una persona dall’alternativa tra un dolore lancinante e continuo e la morfina che sospende la vita di dodici ore in dodici ore. Per lo meno, non la considerano tale gli estensori dei regolamenti e contratti che regolano il lavoro nell’istituto ortopedico metropolitano d’eccellenza.

Una cosa è certa: l’eccellenza sanitaria dovrebbe misurarsi non solo sul successo nel procurare la guarigione, ma anche sui tempi e modi in cui ci si prende cura del puro e semplice dolore del malato.

http://www.pietroichino.it/?p=34015
Be careful when you follow the masses;
Sometimes the M is silent.
Avatar utente
franz
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 21161
Iscritto il: 17/05/2008, 14:58

Re: Se il femore sbaglia giorno

Messaggioda pianogrande il 05/01/2015, 11:39

Inciviltà e arroganza.

Quale è l'origine di questa inciviltà e di questa arroganza?
L'impunità, la certezza di passarla liscia.
No, no.
Sono già troppo ottimista.

All'origine c'è proprio la "irrilevanza" del fatto.

Detto questo, tolgo arroganza.

Rimane inciviltà.

Vergogniamoci un po' tutti.
Fotti il sistema. Studia.
pianogrande
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 9898
Iscritto il: 23/05/2008, 23:52

Re: Se il femore sbaglia giorno

Messaggioda flaviomob il 05/01/2015, 17:05

Magari l'infermiera si poteva beccare una bella denuncia...

ma queste allusioni? il signor "Bianchi", il maggiore ospedale ortopedico, la città indefinita, l'ospedale indefinito... che giornalismo è?


"Dovremmo aver paura del capitalismo, non delle macchine".
(Stephen Hawking)
flaviomob
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 12704
Iscritto il: 19/06/2008, 19:51

Re: Se il femore sbaglia giorno

Messaggioda franz il 05/01/2015, 17:43

flaviomob ha scritto:Magari l'infermiera si poteva beccare una bella denuncia...

ma queste allusioni? il signor "Bianchi", il maggiore ospedale ortopedico, la città indefinita, l'ospedale indefinito... che giornalismo è?

Bellisima domanda, Flavio. Ti ringrazio di averla fatta.

Vedi, c'è un giornalismo del tipo "sbatti il mostro in prima pagina", molto di moda, che vuole nomi e cognomi, foto segnaletica, età, sesso, elenco dei parenti, meglio ancora le convinzioni politiche e sessuali di tutte le persone citate. Magari anche indicando il colore dei calzini del direttore dell'ospedale. E contando a tutti anche i peli del b.... mi fermo qui. :oops:

C'è un giornalismo che preferisco, assolutamente raro a trovarsi, che concentra la sua attenzione sul caso umano e sociale e proprio per non distrarre dal caso bianchetta nomi, congnomi, sigle, località.

L'articolo in questione è centrato sull’irrilevanza in cui è tenuto il dolore delle persone in molti nostri ospedali. Non servono nomi, cognomi, peli.
Vedi, si poteva divagare ipotizzando cosa sarebbe successo se invece del "Sig Bianchi" a rompersi il femore fosse stato un Santo Padre o un Ministro della Repubblica. O un governatore regionale di dipo celeste o rosa pallido. :lol:

Ma non era quello il tema. E per approfondire l'aspetto dell' irrilevanza in cui è tenuto il dolore delle persone quel dettagli che chiedi non servono. Servono a chi cerca il colpevole, per punirlo, per impalarlo, per esporlo a pubblico ludibrio ed alla gogna mediatica.

Ora non dico che il primo tipo di giornalismo non serva. ma è iperinflazionato.
Manca parecchio invece quello riflessivo e sociale, di cui Ichino a voluto darci un saggio.
Be careful when you follow the masses;
Sometimes the M is silent.
Avatar utente
franz
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 21161
Iscritto il: 17/05/2008, 14:58

Re: Se il femore sbaglia giorno

Messaggioda flaviomob il 05/01/2015, 21:55

E a che cosa serve una lettera "anonima" di questo tipo?

Può scriverla chiunque inventandosi i fatti di sana pianta.

Se invece è autentica e indica con precisione i riferimenti, un bravo giornalista può fare il suo mestiere e verificare le fonti e i fatti, dopo di che scrive un articolo citando come minimo l'ospedale in cui sono avvenuti i fatti.

Ma capisco che tutto questo, con Ichino et similia, sia davvero chiedere troppo.

D'altronde i veri liberali preferiscono i golpe doverosi, ma non fare nomi e cognomi :mrgreen:


"Dovremmo aver paura del capitalismo, non delle macchine".
(Stephen Hawking)
flaviomob
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 12704
Iscritto il: 19/06/2008, 19:51

Re: Se il femore sbaglia giorno

Messaggioda franz il 06/01/2015, 0:15

Ma che anonima!
è firmata e pone un problema che puo' essere discusso da tutte le persone che sanno che questo è un problema drammaticamente vero in Italia. Anche senza nomi e cognomi e battutine del cazzo.
Be careful when you follow the masses;
Sometimes the M is silent.
Avatar utente
franz
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 21161
Iscritto il: 17/05/2008, 14:58

Re: Se il femore sbaglia giorno

Messaggioda flaviomob il 07/01/2015, 11:12

Sarà anche firmata ma sono state omesse le indicazioni che permettono di verificarne l'autenticità. Se si accusa una struttura ospedaliera di inefficienze così gravi è doveroso precisarne il nome e la città, altrimenti non si fa informazione. E ovviamente ascoltare la controparte.

Sui contorni genitali, lascio a chi ha maggiori competenze.


"Dovremmo aver paura del capitalismo, non delle macchine".
(Stephen Hawking)
flaviomob
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 12704
Iscritto il: 19/06/2008, 19:51

Re: Se il femore sbaglia giorno

Messaggioda franz il 07/01/2015, 13:28

Ma non c'è nessuna accusa, flavio.
D'accordo avere l'animo giustizialista e necessitare di vedere accuse ovunque (è evidentemente una fissazione) ma quel testo pone il problema della terapia del dolore, pone un problema di cultura medica ed ospedaliera che è noto e stranoto (e non necessita di prove) ma sempre dimenticato.
Be careful when you follow the masses;
Sometimes the M is silent.
Avatar utente
franz
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 21161
Iscritto il: 17/05/2008, 14:58

Re: Se il femore sbaglia giorno

Messaggioda flaviomob il 11/01/2015, 17:48

Non è noto né stranoto. Esistono ospedali efficientissimi e personale preparato ed efficiente. Per cui o si ciurla nel manico e si pretende, grazie a basse insinuazioni senza prove fattuali, che tutte le vacche siano nere, oppure si accende la luce e si fanno nomi e cognomi. Altrimenti sono liberissimo di pensare che si tratti di un "falso", seppur "firmato".


"Dovremmo aver paura del capitalismo, non delle macchine".
(Stephen Hawking)
flaviomob
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 12704
Iscritto il: 19/06/2008, 19:51

Re: Se il femore sbaglia giorno

Messaggioda franz il 11/01/2015, 18:16

Beh, Flavio non si puo' sapere tutto ed ogni tanto anche a te sfugge qualcosa di noto.

http://www.panorama.it/scienza/salute/l ... a-colmare/
Be careful when you follow the masses;
Sometimes the M is silent.
Avatar utente
franz
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 21161
Iscritto il: 17/05/2008, 14:58

Prossimo

Torna a Economia, Lavoro, Fiscalità, Previdenza

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite