La Comunità per L'Ulivo, per tutto L'Ulivo dal 1995
FAIL (the browser should render some flash content, not this).

Mercato: esistono prezzi giusti e ingiusti?

Forum per le discussioni sulle tematiche economiche e produttive italiane, sul mondo del lavoro sulle problematiche tributarie, fiscali, previdenziali, sulle leggi finanziarie dello Stato.

Mercato: esistono prezzi giusti e ingiusti?

Messaggioda franz il 24/12/2014, 16:56

Gucci, la Gabanelli e una difesa liberale del prezzo "ingiusto"

Chi se ne importa del costo-valore del bene oggetto del desiderio.
Ciò che conta è la libera determinazione del consumatore
Nicola Porro - Mar, 23/12/2014 - 21:02

Domenica sera è andata in onda una nuova puntata di Report di Milena Gabanelli. Si tratta, come sempre, di pezzi televisivi molto ben fatti e con una drammaticità di racconto che li rende accattivanti.

Non facciamo i critici televisivi, non vi preoccupate. Il caso Gabanelli, con le consuete polemiche che ha alimentato, ci serve da spunto. In questa marmellata senza sapore, in cui definirsi di destra o di sinistra sembra superato e proclamarsi liberali appare scontato, la Gabanelli ci aiuta a capire che così non è. Una delle tesi di Report , semplifichiamo e di molto, è che alcuni marchi del lusso vengano venduti a prezzi troppo alti rispetto al costo delle materie prime utilizzate. E la colpa è dell'avidità dell'uomo. Se una giacca impiega poche decine di euro in tessuti e mano d'opera diretta, perché venderla a duemila euro?

Gli austriaci, non quelli di oggi, ma i grandi economisti di ieri, ci hanno spiegato nel Novecento che questa è la differenza tra un liberale e un socialista. È inutile affannarsi a spiegare che il prezzo di un bene è giusto (che so, i marchi del lusso spendono molto in pubblicità e pagano gli affitti nelle migliori strade del mondo), l'importante è piuttosto che qualcuno sia disponibile a comprare quel bene (non necessario) ad un prezzo che non si capisce per quale motivo qualcuno possa definire folle. Se un consumatore danaroso vuole privarsi di parte del suo patrimonio o del suo reddito per comprare una tela imbrattata o un pullover, a centinaia di migliaia di euro, che problema c'è? Chi se ne importa del costo-valore del bene oggetto del desiderio. Ciò che conta è la libera determinazione del consumatore.

Un Paese come l'Italia, scarsamente dotato di materie prime, ha sempre fatto di questo principio grande tesoro. Il prezzo non rappresenta la corrispondenza di un costo e di un margine di profitto. Il prezzo, per un liberale, è semplicemente un'informazione: quanto il mercato è disponibile a pagare un determinato bene o servizio. Certo a condizione che si operi in un mercato competitivo. Qualcuno dubita forse che i marchi del lusso appartengano al settore più aperto e competitivo che esista?

Oggi i moderni socialisti non hanno il coraggio di attaccare il profitto: è materia riservata a qualche vetero marxista. In modo più obliquo contestano la libera determinazione di un prezzo. La contemporaneità ci ha regalato declinazioni del socialismo altrettanto pericolose. Il giusto prezzo ne è un esempio, ma non l'unico. Pensate all'ideologia del cibo a chilometro zero, all'ecologismo anti Ogm, alle nuove frontiere dell'antitrust sulla cultura tecnologica (caso Amazon) solo per citare gli ultimi casi di cronaca.

http://www.ilgiornale.it/news/politica/ ... 78005.html
Be careful when you follow the masses;
Sometimes the M is silent.
Avatar utente
franz
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 21161
Iscritto il: 17/05/2008, 14:58

Re: Mercato: esistono prezzi giusti e ingiusti?

Messaggioda Robyn il 24/12/2014, 17:27

non è imprtante il prezzo del bene,l'importante è che ci sia qualcun'altro che venda lo stesso bene.Se mi fai un prezzo troppo alto vado ad un'altro
Locke la democrazia è fatta di molte persone
Avatar utente
Robyn
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 9362
Iscritto il: 13/10/2008, 9:52

Re: Mercato: esistono prezzi giusti e ingiusti?

Messaggioda pianogrande il 24/12/2014, 17:29

Informare, informare, informare.

Anche questo deve essere qualcosa di libero; anche in una economia di mercato.

Informare i cittadini sul fatto che si fanno lavorare esseri umani in condizioni allucinanti per produrre a costi irrisori merce che poi viene venduta a tante centinaia o migliaia di Euro è un dovere per chi fa giornalismo di inchiesta.

Questo può anche cambiare la sensazione che un eventuale acquirente può provare nel prendere in considerazione l'oggetto.
Può anche portarlo a preferire altro.

Se il mercato cominciasse davvero a preferire oggetti a maggior contenuto etico ne sarei felicissimo.

Questo fa di me un vetero marxista o un cittadino con le sue idee e che agisce di conseguenza?

Preferisco classificarmi nella seconda definizione.

La definizione di socialista o comunista o vetero qualcosa è, anche quella, un modo di condizionare l'opinione di qualcuno che tenderà a manifestare meno volentieri queste idee.

Nicola Porro mi perdonerà (se no, fa niente) ma anche lui è un vetero qualcosa.

Marchia a fuoco chi va contro i suoi datori di lavoro (il potere economico).
Lo stipendio se lo guadagna così.

Anche questo è permesso in una economia di mercato.

W Nicola Porro e W la Gabbanelli.

In fondo, anche loro si fanno concorrenza.
Fotti il sistema. Studia.
pianogrande
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 9898
Iscritto il: 23/05/2008, 23:52

Re: Mercato: esistono prezzi giusti e ingiusti?

Messaggioda flaviomob il 24/12/2014, 18:40

La questione è se Gucci rispetta le leggi italiane, se i suoi fornitori lo fanno (assolutamente no, abbiamo visto), se Gucci ne è al corrente (ma finge di non sapere), se nessuno denuncia, se nessuno controlla...

Si chiama "mafia", a casa mia ;)


"Dovremmo aver paura del capitalismo, non delle macchine".
(Stephen Hawking)
flaviomob
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 12704
Iscritto il: 19/06/2008, 19:51

Re: Mercato: esistono prezzi giusti e ingiusti?

Messaggioda ranvit il 24/12/2014, 18:41

Condivido in parte quello che dice pianogrande....pero' non va dimenticato che quei lavoratori....almeno lavorano in aree dove tantissimi altri vivono in modo ancora piu' allucinante e in piu' fanno la fame perché neanche lavorano.

Forse, le cose vanno rapportate alle situazioni locali, non giudicate seduti in poltrona con la pancia piena 8-)


Ps Vale anche per flaviomob...
Il 60% degli italiani si è fatta infinocchiare votando contro il Referendum che pur tra errori vari proponeva un deciso rinnovamento del Paese...continueremo nella palude delle non decisioni, degli intrallazzi, etc etc.
ranvit
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 10669
Iscritto il: 23/05/2008, 15:46

Re: Mercato: esistono prezzi giusti e ingiusti?

Messaggioda pianogrande il 24/12/2014, 20:20

Se questi problemi non se li pongono quelli "con la pancia piena" chi se li deve porre?

Comunque, per porre un problema o fare una critica o manifestare la propria opinione in qualche modo, non c'è assolutamente bisogno di corrispondere a particolari requisiti.

Lo possono fare tutti senza distinzione di tante cose (pancia compresa).
Fotti il sistema. Studia.
pianogrande
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 9898
Iscritto il: 23/05/2008, 23:52

Re: Mercato: esistono prezzi giusti e ingiusti?

Messaggioda flaviomob il 25/12/2014, 1:34

Ranvit, parlare di "pancia piena" a Natale è francamente scorretto... :lol:


"Dovremmo aver paura del capitalismo, non delle macchine".
(Stephen Hawking)
flaviomob
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 12704
Iscritto il: 19/06/2008, 19:51

Re: Mercato: esistono prezzi giusti e ingiusti?

Messaggioda ranvit il 25/12/2014, 9:21

pianogrande ha scritto:Se questi problemi non se li pongono quelli "con la pancia piena" chi se li deve porre?

Comunque, per porre un problema o fare una critica o manifestare la propria opinione in qualche modo, non c'è assolutamente bisogno di corrispondere a particolari requisiti.

Lo possono fare tutti senza distinzione di tante cose (pancia compresa).


Giusto! Ma bisogna sempre tener conto da dove arriva la predica :D
Il 60% degli italiani si è fatta infinocchiare votando contro il Referendum che pur tra errori vari proponeva un deciso rinnovamento del Paese...continueremo nella palude delle non decisioni, degli intrallazzi, etc etc.
ranvit
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 10669
Iscritto il: 23/05/2008, 15:46

Re: Mercato: esistono prezzi giusti e ingiusti?

Messaggioda franz il 25/12/2014, 10:02

flaviomob ha scritto:La questione è se Gucci rispetta le leggi italiane, se i suoi fornitori lo fanno (assolutamente no, abbiamo visto), se Gucci ne è al corrente (ma finge di non sapere), se nessuno denuncia, se nessuno controlla...

Si chiama "mafia", a casa mia ;)

Ma quando tu vai al ristorante controlli per caso che i pomodorini che stai mangiando siano stati raccolti in modo sostenibile e sociale, senza sfruttare i lavoratori? Lo chiedi a padrone del ristorante, il padrone lo chiede ai suoi fornitori? Fai finta di non sapere? Sei omertoso? Dai che sto scherzando!

E poi basta chiedere? Basta la fiducia che la risposta sia onesta? Non credo.
Ma chi dovrebbe controllare queste cose? Gucci, Cracco? Oppure, dato che ci sono leggi, regolamenti, disposizioni, lo Stato italiano?
Be careful when you follow the masses;
Sometimes the M is silent.
Avatar utente
franz
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 21161
Iscritto il: 17/05/2008, 14:58

Re: Mercato: esistono prezzi giusti e ingiusti?

Messaggioda flaviomob il 25/12/2014, 10:42

Se il ristorante in toto lavora per me certo che glielo chiedo. Se ho una certificazione rilasciata da un ente indipendente ho il dovere - diritto di controllare i miei fornitori. Se scrivo Made in Italy non devo solo produrre in Italia ma devo produrre qualità rispettando la qualità della vita di chi lavora per me. E' evidente anche ad un bambino che un fornitore tiene a libro paga X dipendenti a 4 ore l'uno è impossibile che mi garantisca una quantità di produzione pari a 14-15 ore quotidiane per persona. Ovviamente Gucci è connivente con questo sistema ma lo è anche lo stato italiano e gli enti preposti al controllo. Gucci ha un interesse economico a spendere poco per i fornitori, ma lo stato italiano che interesse ha a non fare i controlli o farli in maniera blanda e connivente? Evidentemente o sono nati fessi i "controllori" o, molto più probabilmente, c'è il solito giro di tangenti.

Ma come sempre c'è chi, di fronte allo scandalo, difende lo status quo e nega le responsabilità dei privati.


"Dovremmo aver paura del capitalismo, non delle macchine".
(Stephen Hawking)
flaviomob
forumulivista
forumulivista
 
Messaggi: 12704
Iscritto il: 19/06/2008, 19:51

Prossimo

Torna a Economia, Lavoro, Fiscalità, Previdenza

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti